Facebook Facebook Like Twitter
SONO LE di

 Yeman Crippa Yeman Crippa 2h06:06 record a Siviglia

18 Febbraio 2024

L’azzurro migliora di oltre un minuto il primato italiano dei 42,195 km nella seconda maratona in carriera, Eyob Faniel 2h07:09 secondo di sempre, Daniele Meucci scende a 2h07:49

di Nazareno Orlandi fidal

Yeman Crippa proietta la maratona azzurra in una nuova era. L’azzurro firma il record italiano a Siviglia con il tempo di 2h06:06, togliendo un minuto e dieci secondi al precedente primato di 2h07:16 realizzato lo scorso anno a Barcellona da Iliass Aouani. Nella seconda maratona della carriera, il trentino delle Fiamme Oro chiude al quarto posto con una gara di rimonta e con una seconda metà più veloce della prima (passaggio alla mezza in 1h03:15), superando nei chilometri finali l’altro azzurro Eyob Faniel (Fiamme Oro) che a sua volta scende sotto il precedente record con 2h07:09, seconda prestazione italiana di sempre e settimo posto al traguardo. Nella giornata che riscrive le liste alltime dei 42,195 km, sigla il personale anche Daniele Meucci (Esercito) con 2h07:49, sesto italiano di ogni epoca, undicesimo a Siviglia. Successo per l’etiope Deresa Geleta (2h03:27), secondo il francese Morhad Amdouni (2h03:47) a undici secondi dal record europeo, terzo l’israeliano Gashau Ayale (2h04:53).

CRIPPA: “OGGI PENSAVO SOLO A PARIGI” - Eccellente, Yeman Crippa. Attento, misurato, scatenato nel finale. Coraggioso Eyob Faniel, autore di un passaggio velocissimo alla mezza (1h01:50) pagato nell’ultimo tratto: torna comunque a migliorarsi dopo quattro anni, nella stessa maratona di Siviglia, dove nel 2020 corse l’allora record italiano di 2h07:19. Esemplare Daniele Meucci, sotto le due ore e otto minuti a 38 anni, per un progresso non lontano dai due minuti (2h09:25 sempre a Siviglia nel 2020). È una domenica di emozioni forti per la maratona azzurra. La copertina, inevitabilmente, spetta al neo-primatista Crippa, più cauto nella prima metà e ‘on fire’ quando conta: “Ultimi 9 km a 2:50, dal 37 al 42 in 14:31 - snocciola dati al telefono dalla Spagna, felicissimo e con lo sguardo già rivolto alle Olimpiadi di Parigi - Qualificarmi per i Giochi era l’obiettivo di oggi, ora finalmente posso prepararmi per l’appuntamento dell’anno e posso dire che il processo per diventare un maratoneta sta cominciando. La nostra idea era di correre sotto le 2h07, senza rischiare troppo e correndo in progressione: più avanti cercherò il tempo che merito, so che posso correre molto più veloce”.

LA GARA - Primi trenta chilometri nel secondo gruppo, insieme a una quindicina di atleti. Terminato il lavoro della lepre comincia la gara vera: “Dal 30 al 35esimo c’è stato un rallentamento perché nessuno prendeva l’iniziativa per tirare. Ma quando ‘Pego’ (coach Massimo Pegoretti, ndr) mi ha detto di cominciare a spingere, le gambe rispondevano bene e ho finito veramente forte”, racconta il 27enne azzurro che negli ultimi sette km recupera sei posizioni. Il negative split è sempre significativo in maratona: 1h02:51 nella seconda metà. Rispetto all’esordio di Milano 2023 (2h08:57) il passo in avanti è sostanziale e supera i due minuti e mezzo. Un risultato che è frutto del lavoro di squadra: “Il mio coach, la mia famiglia, il mio team con il preparatore Riccardo Carbonaro, il nutrizionista Alfonso Presutto, Guglielmo Formichella che cura il lavoro sulla respirazione, il fisio Lorenzo Pilati, il manager Gianni Demadonna, il dottor Fabio Diana, la mental coach Maria Chiara Crippa (non è mia parente!). E poi un grazie alla Federazione che mi sostiene sempre e alle Fiamme Oro”. Lo attende una settimana di relax, poi inizierà a preparare anche Roma 2024: “Il doppio impegno agli Europei mi piacerebbe, prima la mezza e poi i 10.000 se il fisico reagirà bene”.

YEMAN SEMPRE RECORD - In un inverno da record per l’atletica italiana, quello di Yeman Crippa è il primato numero 17 in poco più di tre settimane. A livello personale, il campione d’Europa dei 10.000 aggiunge un’altra perla alla collezione di primati: ora detiene contemporaneamente quelli dei 3000, 5000, 10.000, 5 km, mezza e maratona (oltre ai 5000 indoor).

VOCI AZZURRE - Aggressivo fin dai primi chilometri, sempre nel gruppo di testa. Ha osato, Eyob Faniel: “Mi piace sognare in grande e oggi ho dimostrato a me stesso di valere un tempo sotto le 2h05 - le parole del 31enne azzurro, superato da Crippa intorno al quarantesimo chilometro -. Mi sentivo bene e non volevo stare nel secondo gruppo. Poi le lepri si sono fatte un po’ ‘prendere la mano’ e hanno corso decisamente più forte del previsto. Ma fino al 34esimo era tutto sotto controllo. A quel punto ho avuto una piccola crisi ed essendo rimasto solo non sono riuscito a gestirla bene. Manca ancora qualcosina, ma se non provi a correre così non capisci mai cosa sia”. Per il campione europeo della maratona di Zurigo 2014 Daniele Meucci è una giornata speciale: “Il personale, per come mi ero allenato in Kenya per 40 giorni, da solo, lontano dalla famiglia, ero convinto di valerlo - racconta -. Sono partito prudente con il terzo gruppo, ma poi stavo bene e ho finito forte. Leggere 2h07 era qualcosa che sinceramente mi mancava, non avevo mai fatto un tempo ‘vero’ in maratona. Gli anni? 38 è solo un numero, non smetterò finché mi diverto. Ho dato tutto, se mi portassero alle Olimpiadi sarebbe il coronamento di una carriera”.

I PASSAGGI DI YEMAN CRIPPA 14:51 (5 km) | 29:45 (10 km) | 44:35 (15 km) | 59:57 (20 km) | 1h03:15 (mezza) | 1h15:07 (25 km) | 1h30:05 (30 km) | 1h45:24 (35 km) | 1h59:55 (40 km) | 2h06:06 (finale)

I PASSAGGI DI EYOB FANIEL 14:39 (5 km) | 29:04 (10 km) | 43:48 (15 km) | 58:37 (20 km) | 1h01:50 (mezza) | 1h13:32 (25 km) | 1h28:07 (30 km) | 1h43:35 (35 km) | 1h59:51 (40 km) | 2h07:09 (finale)

I PASSAGGI DI DANIELE MEUCCI 15:09 (5 km) | 30:19 (10 km) | 45:33 (15 km) | 1h00:42 (20 km) | 1h04:03 (mezza) | 1h15:52 (25 km) | 1h30:56 (30 km) | 1h46:18 (35 km) | 2h01:23 (40 km) | 2h07:49 (finale)

Lista italiana alltime maratona maschile

2h06:06 Yeman Crippa, Siviglia 18 febbraio 2024

2h07:09 Eyob Faniel, Siviglia 18 febbraio 2024

2h07:16 Iliass Aouani, Barcellona 19 marzo 2023

2h07:22 Stefano Baldini, Londra 23 aprile 2006

2h07:35 Nekagenet Crippa, Valencia 3 dicembre 2023

2h07:49 Daniele Meucci, Siviglia 18 febbraio 2024

2h07:52 Giacomo Leone, Otsu 4 marzo 2001

2h08:02 Alberico Di Cecco, Roma 13 marzo 2005

2h08:05 Yassine Rachik, Londra 28 aprile 2019

2h08:19 Gelindo Bordin, Boston 16 aprile 1990

Cronologia recente record italiano maratona maschile

2h29:30.2 Edoardo Righi (Assi Giglio Rosso Firenze) Treviso 22 giugno 1958

2h26:52 Edoardo Righi (Assi Giglio Rosso Firenze) Stoccolma 24 agosto 1958

2h24:09 Antonio Ambu (Pro Sesto Atletica) Lecce 28 ottobre 1962

2h22:24.2 Antonio Ambu (Lilion Snia Varedo) Catania 4 novembre 1966

2h18:04 Antonio Ambu (Lilion Snia Varedo) Boston 19 aprile 1967

2h17:21.2 Antonio Brutti (Carabinieri) Bruxelles 11 giugno 1972

2h15:41.8 Giuseppe Cindolo (Alco Rieti) Cassinetta 25 aprile 1974

2h11:45 Giuseppe Cindolo (Alco Rieti) Fukuoka 7 dicembre 1975

2h11:19 Gianni Poli (San Rocchino Brescia) Fukuoka 6 dicembre 1981

2h11:05 Gianni Poli (San Rocchino Brescia) Helsinki 14 agosto 1983

2h11:05 Gianni Poli (Brescialeasing) Milano 28 aprile 1984

2h10:23 Orlando Pizzolato (Cus Ferrara) Hiroshima 14 aprile 1985

2h09:57 Gianni Poli (Brescialeasing) Chicago 20 ottobre 1985

2h09:27 Gelindo Bordin (Paf Alitrans Verona) Boston 18 aprile 1988

2h08:19 Gelindo Bordin (Paf Verona) Boston 16 aprile 1990

2h07:57 Stefano Baldini (Corradini Rubiera) Londra 13 aprile 1997

2h07:52 Giacomo Leone (Fiamme Oro) Otsu 4 marzo 2001

2h07:29 Stefano Baldini (Corradini Rubiera) Londra 14 aprile 2002

2h07:22 Stefano Baldini (Corradini Rubiera) Londra 23 aprile 2006

2h07:19 Eyob Faniel (Fiamme Oro) Siviglia 23 febbraio 2020

2h07:16 Iliass Aouani (Fiamme Azzurre) Barcellona 19 marzo 2023

2h06:06 Yeman Crippa (Fiamme Oro) Siviglia 18 febbraio 2024