CORRERE.ORG E' IL PORTALE DEL RUNNER ,NEL MENU' DI SINISTRA POTETE TROVARE TUTTE LE UTILITY PER IL RUNNING. ATTENZIONE TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE DAL 2004 AD OGGI DELLE VARIE GARE ED EVENTI ,SONO SCARICABILI GRATUITAMENTE LE TROVERETE IN ARCHIVIO GENERALE NEL MENU' DI SINISTRA.INOLTRE TUTTI GLI ARTICOLI SCRITTI NEL CORSO DEGLI ANNI SULLE VARIE GARE. GLI ARTICOLI ARCHIVIATI RIGUARDANO QUELLI PRODOTTI DA CORRERE.ORG, E NON QUELLI ESTERNI ARRIVATI ALLA REDAZIONE E PUBBLICATI NEL CORSO DELL'ANNO. INOLTRE UN MODO DI UTILITY SULLLA CULTURA E CURIOSITY.

SI ALLA PACE E FRATELLANZA NO WAR

LE GARE NAZIONALI DI MAGGIO 2022 28/05 I COPPA EUROPA M. 10.000 su PISTA OUTDOOR Pace' -- 28-29/05 I I^ L'Aquila Città Europea dello Sport 2022 PIAZZA e altri ambiti L'aquila (AQ) 28/05 B I^ 10 K delle Groane km 10 STRADA Solaro (MI) 28/05 B XLVIII^ Maratonina dei Laghi km 21,097 STRADA Bellaria-igea Marina (RN) 28/05 I XV^ Triveneto Meeting Int.le OUTDOOR Trieste (TS) 28/05 N I^ Meeting Nazionale Assoluto Citta' di Lucca OUTDOOR Lucca (LU) 28/05 N II^ Meeting della Leonessa - 6° Memorial Davide Boroni OUTDOOR Brescia (BS) 29/05 I XXXIX^ Brixia Meeting OUTDOOR Bressanone/brixen BZ 29/05 B I^ 50 Km del Valentino km 50 ULTRAMARATONA Torino (TO) 29/05 B I^ 50 Km del Valentino (km 10) km 10 STRADA Torino (TO) 29/05 B 3° Tappa Circuito Tricolore Nordic Walking Agonistico NORDIC WALKING Bosisio Parini (LC) 29/05 B XIII^ Pompegnino Mountain Running MONTAGNA Vobarno (BS) 29/05 N CAMPIONATO ITALIANO di STAFFETTE ALLIEVI di CORSA IN MONTAGNA e TROFEO NAZIONALE di STAFFETTE CADETTI di CORSA IN MONTAGNA MONTAGNA Edolo (BS) 29/05 B Annullato - XVI^ Trofeo Solvay 10k "Memorial Corrado Tartuferi" km 10 STRADA Spinetta Marengo ALESSANDRIA 29/05 B III^ Timent Run 10k km 10 STRADA Latisana (UD) 29/05 B XI^ Mezza Maratona Città di Capo d'Orlando km 21,097 STRADA Capo D'orlando (ME) 29/05 B XXXI^ La Sfacchinata km 10,2 STRADA Gualdo Tadino (PG) 29/05 B III^ Runday Ladispoli 3th Edition km 10 STRADA Ladispoli (RM) 29/05 B II^ Trofeo Podistico Sciacca Terme km 10 STRADA Sciacca (AG) 29/05 N CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE MASTER KM 5 su STRADA STRADA Motta Di Livenza (TV) 31/05 01/06 N Finale Nazionale Campionati Studenteschi Atletica Leggera Su Pista Istituti di Primo e Secondo Grado OUTDOOR Pescara (PE) ------------------------------------------------------- GARE REGIONE CALABRIA DI MAGGIO/GUIUGNO 2022 28-29/05 R Campionati Regionali Individuali su pista Allievi/e ed Esordienti - CRI Pentathlon Lanci Master Trofeo Naz delle Province Ragazzi/e - Fase Provinciale PISTA Reggio Di Calabria (RC) 04/06 R Manifestazione Regionale su pista giov/ass e Camp.Regionali Individuali Ragazzi/e PISTA Reggio Di Calabria (RC) 04/06 R 7^ Capocolonna-Crotone corsa su strada km 10 circa 2^ prova CdS Master e 1^ prova CRI Master STRADA Crotone (KR) 12/06 R 2^ Sila Trail Running Ass/Mas 23 km e 42 km TRAIL Camigliatello Silano CS 18/06 R 11^ Edizione 5 Ponti All/Ass/Mas corsa su strada 9 km circa PISTA Galatro (RC) 25/06 R Manifestazione Regionale su pista giov/ass Trofeo Naz delle Province Ragazzi/e - Fase Provinciale PISTA Reggio Di Calabria (RC) 26/06 R 12^ Corrinfiore - Memorial Talerico corsa su strada 10 km circa 3^ prova regionale CdS corsa su strada Master STRADA San Giovanni In Fiore (CS)

SI PREGA DI APRIRE IL SITO CON UNO DI QUESTI BROWSER IN QUANTO INTERNET EXPLORER E' STATO DISMESSO DALLA MICROSOFT. LA NAVIGAZIONE SU QUESTO SITO CON EXPLORER NON E' CONSIGLIATA.

Per conoscere la vostra posizione societaria cliccare sulla  Regione

Canale Correre.org

SONO LE di

Siamo forti maratoneti perchè siamo il piede dell’Italia

ARCHIVIO LANORMANNA



Created By Correre.org


SEGNALA QUESTO SITO INTRODUCI LA E-MAIL DEL DESTINATARIO DESTINATARIO

compleanno/birthdays

cumpleanos/anniversaires 

geburtstage                                               

Lamezia Terme- CZ- 22 Maggio 2022 la 4^ New Edition della “Panoramica di Primavera”

I vincitori della quarta edizione della Panoramica di Primavera sono Salvatore Curcio e Maria Carmela Nardi.

Ogni mattina,

alzandoti, e ogni sera, prima di andare a dormire, ringrazia la vita dentro di te e per la vita tutta, per tutte le buone cose che il Creatore ha dato a te e agli altri, e per l’opportunità di crescere ogni giorno di più. Considera quanto hai fatto e pensato nel corso del giorno e chiedi il coraggio e la forza di diventare una persona migliore. Cerca quanto puo’ essere beneficio a tutti.

Rispetto. Rispetto significa:”sentire o dimostrare onore o stima per qualcuno o per qualcosa; considerare il benessere degli altri o trattare qualcuno o qualcosa con deferenza e cortesia”. Mostrare rispetto è un principio di base nella vita: tratta in ogni circostanza ogni persona, dal più piccolo bimbo al più maturo degli anziani, con rispetto

 

E' l'ora del tallone, osso del ritorno, a lui spetta di appoggiare il passo che riporta indietro.»

Erri De Luca

Il centro della città di Lamezia Terme è stato protagonista di una mattinata di sport e cultura grazie alla quarta edizione della “Panoramica di Primavera”, manifestazione organizzata dall' Asd Run For Nicholas Green con il suo presidente Pietro Gatto in collaborazione con la Fidal Calabria e il suo presidente Vincenzo Caira, con la libertas regionale con il suo Presidente Santino Mineo, con la Violetta Club e l’infaticabile maestro Lino Piricò e con l'Unione Nazionale Veterani dello Sport

La gara di circa 10 km è valida come Campionato Regionale di società master corsa su strada Fidal, Campionato Nazionale Libertas Sport categorie Master di Corsa su Strada, Campionato Regionale UNVS categorie Master di Corsa su Strada e si è disputata su un percorso collinare che ha esaltato le bellezze naturali, il Golfo e la Piana della cittadina.

I Concorrenti e la giuria si sono ritrovati presso Corso Numistrano di Lamezia Terme, dove alle 9:00 è stato dato il via alle gare giovanili dalle categorie esordienti fino a ragazzi e successivamente, prima della partenza della gara clou, si è vissuto un momento molto atteso e molto toccante, ovvero il ricordo del Sovraintendente Capo Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano, assassinati dalla mafia il 4 Gennaio del 1992, con la deposizione di un cuscino di alloro davanti alla lapide alla loro memoria su corso Numistrano,la Panoramica, infatti è stata dedicata ai due coniugi.

Alla 10:20 è stato dato il via alla gara agonistica e i circa 150 atleti professionisti, insieme a tutti gli altri della non competitiva si sono lanciati con forza e passione nella loro avventura. La gara è partita dallo scenario ben preparato di corso Numistrano e si è snodata verso la collina per poi riscendere e dare così vita a un percorso altalenante e abbastanza duro. Dopo circa mezz'ora i giudici e tutto il pubblico si sono preparati ad accogliere gli atleti al traguardo e quando il cronometro segnava il tempo di 35:28 è arrivato il primo atleta, Salvatore Curcio della Marathon Cosenza, seguito da Francesco Curia della polisportiva Magna Grecia 36:15, terzo si è classificato Michelangeo Spingola della Corricastrovillari che ha fermato il cronometro a 36:49; da segnalare il ritorno alle competizioni dell’atleta della Ionica Running, Mustapha Habchi che è arrivato sesto assoluto con il tempo di 38:28.

La gara femminile ha visto tagliare per prima il traguardo all'atleta della Kos Running Maria Carmela Nardi che ha fermato il cronometro a 50:00, seconda si è pizzata Francesca Buccinà della Martesana Corse 51:18, terza Lisa Sorrenti dell’Atl. Isaura Valle dell’Irno 51:28.

La giornata sportiva che ha offerto la Panoramica di Primavera, ha permesso di vivere una bella esperienza sportiva ricca di bellissime e magiche emozioni, quelle emozioni che riempiono l’animo e che permettono di essere felice. Grazie a tutti e arrivederci alla prossima edizione

Redazione Correre.org-Rossella Artusa                  FotoGallery By Salvatore Auddino                  Classifica

Manchester: Yaremchuk sesta nei 10 km-22 Maggio 2022

 

Sulle strade della città britannica, la campionessa italiana corre in 32:36. Vince la keniana Obiri (30:15), la scozzese McColgan migliora il suo record europeo con 30:19

Sesto posto di Sofiia Yaremchuk nei 10 km su strada della Great Manchester Run.

 

La campionessa italiana in carica sulla distanza chiude con il tempo di 32:36, a mezzo minuto dal record personale stabilito nella passata stagione in 32:06 a Lens, in Francia. Nella classica corsa inglese la portacolori dell’Esercito comincia a un ritmo decisamente sostenuto, con parziali di 9:03 al terzo chilometro e 15:32 a metà gara in solitaria, a una quarantina di secondi dal gruppo di testa, per poi mantenere la posizione fino al traguardo. Era il suo ultimo impegno agonistico in questo periodo, dopo essersi migliorata nella mezza maratona con 1h09:09 a Praga, all’inizio di aprile.

 

Trionfa a Manchester la keniana Hellen Obiri in un notevole 30:15, avvicinando il record mondiale (30:01 della compianta Agnes Tirop nel 2021). Alle spalle dell’iridata dei 5000 e del cross c’è la britannica Eilish McColgan che in rimonta con 30:19 demolisce il suo primato europeo in una gara solo femminile, realizzato dalla scozzese proprio a Manchester un anno fa (30:52 lo scorso 26 settembre).

 

Finisce terza l’altra keniana Ruth Chepngetich, 30:29 per la campionessa mondiale di maratona che viene superata nel tratto conclusivo, davanti alla connazionale Sharon Lokedi (31:06) mentre è quinta la statunitense Sara Hall (31:50).

 

Dietro alla 27enne che vive a Roma, dove si allena sotto la guida di Fabio Martelli, tutte le altre britanniche: Charlotte Purdue (32:55), Steph Twell (33:12) e Lily Partridge (33:33). Al maschile si impone il neozelandese Jake Robertson (28:06) che precede l’australiano Jack Rayner (28:16) e lo spagnolo Antonio Abadia (28:22).

 

 

Provincia di Vibo Valentia  photo gallery

Comunicato del 22 Maggio 2022

 

19^ Corri Trieste, la gara più veloce d’Italia: vincono Dickson Simba Nyakundi e Federica Bevilacqua

Otto velocissimi giri da 1250 m hanno assegnato la vittoria al keniano Nyakundi,vincitore dell’ultima Stramilano, che con 28’47” firma la miglior prestazione su suolo italiano del 2022

Al femminile vittoria di Federica Bevilacqua. 4° assoluto e primo

degli italiani l’azzurro El Fathaoui

TRIESTE – E’ veloce come e più di sempre la 19^ Corri Trieste, che agguanta con il suo vincitore Dickson Simba Nyakundi con 28’47” il primato di gara 10k road più veloce d’Italia del 2022. E’ stata una bellissima giornata con una leggera brezza quella che ha fatto da sfondo alla 19^ Corri Trieste, gara FIDAL sui 10 km organizzata da ASD Promorun in collaborazione con il Comune di Trieste e la Regione Friuli-Venezia Giulia.

GARA MASCHILE - Il gruppo di testa costituito da tutti i top runner ha corso compatto fino al secondo passaggio quando il burundiano Onesphore Nzikwinkunda (Caivano Runners) è rimasto leggermente indietro subito seguito dal connazionale Olivier Irabaruta. Al quarto giro anche l’azzurro Yassine El Fathaoui si è staccato lasciando in testa dal quinto giro Dickson Simba Nyakundi (Run2Gether) e Bernard Musau Wambua (Atl. Winner Foligno) tallonati da Philimon Kipkorir Maritim (Run2Gether). I due atleti di testa hanno confermato la loro supremazia prendendo definitivamente il comando dal sesto giro.

A spuntarla nella volata a due dell’ultimo giro e a vincere la velocissima 19^ Corri Trieste è stato Dickson Simba Nyakundi in 28’47”. Per il keniano è il terzo successo in tre settimane, ha vinto Piacenza Half Marathon l’8 maggio, la Stramilano domenica scorsa 15 maggio e oggi ha firmato la miglior prestazione su suolo italiano sulla distanza 10k road omologata. Niakundi si è imposto di 8” su Wambua che ha chiuso in 28’55” a sua volta seguito da Maritim in 29’11”.

Quarto posto e primo degli italiani in 29’15” Yassine El Fathaoui: “Dopo il 2h10’22” della maratona di Parigi mi sto preparando per la maratona dei Campionati Europei. Sono abbastanza soddisfatto anche se si poteva fare meglio anche se è stata una gara molto tattica con i ragazzi africani su questi otto giri”.

Solo sesto il campione uscente Irabaruta che ha terminato in 29’36”, probabilmente sta ancora recuperando dopo l’ottimo tempo di 2h07’13” alla maratona di Zurigo in Aprile. Piazza d’onore del podio italiano all’atleta di casa Simone Spessot (Promorun) in 35’27” e Roberto Greco (ASD Free Runners Trieste) in 35’43”.

Tu sei per la mia mente come il cibo per la vita,

Come le piogge di primavera sono per la terra;

E per goderti in pace combatto la stessa guerra

Che conduce un avaro per accumular ricchezza.

Prima orgiglioso di possedere e, subito dopo,

Roso dal dubbio che il tempo gli scippi il tesoro;

Prima voglioso di restare solo con te,

Poi orgoglioso che il mondo veda il mio piacere.

Talvolta sazio di banchettare del tuo sguardo,

Subito dopo affamato di una tua occhiata:

Non possiedo nè perseguo alcun piacere

Se non ciò che ho da te o da te io posso avere.

Così ogni giorno soffro di fame e sazietà,

Di tutto ghiotto e d’ogni cosa privo.

Shakespeare

GARA FEMMINILE - Gara femminile che ha visto subito l’azzurra Federica Bevilacqua (Trieste Atletica) accumulare un vantaggio di qualche secondo su Chiara Pianeta (KM Sport) ad ogni intermedio per poi tagliare il traguardo per prima in 36’14” con 90” di vantaggio sulla Pianeta capace di chiudere la gara in 37’43”. Più staccata Elisa Turolo (Sportiamo) che ha concluso le sue fatiche in 40’17” conquistando il terzo gradino del podio.

La piazza ha acclamato l’arrivo del 77enne calabrese Franco Armieri (Marathon Cosenza) al traguardo in 58’46” mentre ha chiuso la manifestazione Simonetta Masaro (Gruppo Marciatori Gorizia) in 1h08’52”.

“E’ una grande emozione coronare tanto lavoro con questo risultato, un vanto per la Corri Trieste aver avuto tanti atleti di grande calibro che si sono sfidati fino all’ultima goccia di sudore fino a far segnare la miglior prestazione 2022 su suolo italiano nei 10 km su strada”, ha detto la Presidente di ASD Promorun Silvia Gianardi.

Info: silviagianardi@promorun.it; info@promorun.it; andreagiurgiovich@promorun.it  -RISULTATI/RESULT  PHOTOGALLERY

Fb – IG – Web -Cesare Monetti-Ufficio Stampa -Promorun-Cell. 380.3114270

cesare.monetti@runtoday.it -https://www.promorun.it/

Bari Med Marathon

 

Alessandro Marangi e Martina Mosconi sono i vincitori della Bari Med Marathon, in 600 al via

Alessandro Marangi e Martina Mosconi sono i vincitori della Bari Med Marathon andata in scena domenica 22 maggio 2022 alla presenza di circa 600 runners.

Marangi, solo 7 giorni fa vincitore della Mezza Maratona degli Europei Master, ha tagliato il traguardo della 21.097km inserita nel calendario nazionale con il crono di 1h09'45". Il podio è stato completato da Michele La Vista (1h16'18") e Michele Laurieri (1h18'10").

 

Al femminile successo per Martina Mosconi (1h28'51") che ha la meglio su Chiara Luana Piscopo (1h29'56") e Adriana Dammicco (1h34'59")

I RISULTATI COMPLETI

 

Fratta...'Na Corsa

 

Marco Vetrano e Francesca Maniaci vincono la settima edizione della 10km di Frattamaggiore, in 1300 al via

In 1300 per per la Fratta...'Na Corsa, settima edizione della 10km di Frattamaggiore (Na) che domenica 22 maggio ha registrato i successi di Marco Vetrano e Francesca Maniaci.

L'atleta del Baiano Runners ha completato le fatiche dopo 31'35" precedendo il marocchino Abdelkebir Lamachi (33'00") e Fabrizio Meoli (33'05").

 

Al femminile la portacolori del Caivano Runners chiude in 37'29", alle sue spalle Filomena Palomba (37'47") e Teresa Stellato (39'23").

I RISULTATI COMPLETI

Legami - potrò ancora cantare -

Scacciami - il mio mandolino

Risuonerà sincero, dentro -

Uccidimi - e la mia Anima salirà

Inneggiando in Paradiso -

Ancora tua -

Emily Dickinson

 

E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l'immensità dell'Oceano, ed il volgere degli astri.e si dimenticano di se medesimi

Sant'Agostino

 

Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia

A.Karr

 

Dovunque l'uomo voglia vendersi trova degli acquirenti

Henri Lacordaire

 

E' mia ambizione dire in dieci frasi quello che altri dicono in interi volumi

Friedrich Nietzsche

 

E' curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore

Giacomo Leepardi

100km del Passatore

Dopo 42 anni la 100km del Passatore torna a parlare britannico grazie a Lee Grantham, sul podio anche Giorgio Calcaterra!

Il britannico Lee Grantham della Örebro Aik ha trionfato al 48° Passatore tagliando il traguardo in 7h03’28’’ e precedendo Massimo Giacopuzzi (US Dolomitica) e Giorgio Calcaterra (Calcaterra Sport Asd). Dopo 42 anni un atleta britannico vince la Firenze-Faenza: l’ultimo a riuscirci fu infatti Donald Ritchie nel 1980. (LA CRONACA COMPLETA)

 

Un’edizione che vede la Firenze-Faenza classica tornare dopo due anni di stop forzato dalla pandemia Covid-19 e omaggiando al contempo il compianto Pietro “Pirì” Crementi, storico direttore di gara e co-fondatore del Passatore deceduto lo scorso dicembre. La gara è partita da Piazza del Duomo, a Firenze, alle 15 in punto. Hanno dato il via l’assessore allo sport di Firenze Cosimo Guccione, l’assessore allo sport di Faenza Martina Laghi e il presidente dell’Asd 100 km del Passatore Giordano Zinzani. In memoria di “Pirì” è stato osservato un minuto di silenzio prima della partenza.

Degli oltre 3300 iscritti, diventati poi 3282 causa alcune defezioni last minute, sono partiti in 2856 (erano stati 3133 nel 2019), in testa ai quali si sono lanciati Andrea Fraquelli e Carmine Buccilli transitati a Fiesole (km 7,5) a 34’27’’, seguiti a breve distanza da Silvano Beatrici, Massimo Giacopuzzi e Manuel Jailson Oliveira Duarte. Poco più staccati dal suddetto gruppetto Lee Grantham, il campione in carica Marco Menegardi e Alessandro Benerecetti. Dopo di loro Marija Vrajic prima tra le donne, precedendo Eleonora Rachele Corradini.

Nei pressi di Olmo ad 1 ora e 12 minuti di gara Fraquelli ha preso la testa della corsa superando Buccilli, con Massimo Giacopuzzi provvisoriamente terzo staccato a pochi minuti e seguito da Grantham e Beatrici. A Vetta Le Croci (km 16,5) Fraquelli manteneva la leadership transitando in 1 ora 12 minuti 38 secondi venendo tuttavia sorpassato da Beatrici nei pressi di Borgo San Lorenzo. Fraquelli è transitato con un minuto di ritardo dal battistrada in 2h12’13’’ precedendo Lee e un gruppetto formato da Menegardi, Lucchese (in rimonta), Giacopuzzi e Calcaterra. Staccato di alcuni minuti Pecora e, a circa 15 minuti dalla vetta, Vrajic sempre in testa nella categoria femminile seguita dalla Corradini.

Colpo di scena nei pressi di Madonna dei Tre Fiumi verso il 35esimo km quando, Lee, ha superato gli avversari issandosi in testa alla corsa, seguito da un Lucchese in progressione, Menegardi e, leggermente più staccato, Calcaterra. Sempre buono il passo di Giacopuzzi e Beatrici, provvisoriamente quarto e quinto a metà gara. Al passo della Colla di Casaglia (km 48) Lee è transitato per primo in 3h28’51’’ aggiudicandosi il GP della Montagna (premio intitolato alla memoria di Checco Calderoni).

Vrajic, dopo aver dominato la categoria femminile per oltre 4 ore e 40 minuti si è ritirata a Casaglia, spalancando la porta a Eleonora Rachele Corradini. A Marradi Lee ha preceduto con 14 minuti di vantaggio Giacopuzzi e Lucchese, seguiti a loro volta da Calcaterra e Menegardi. Lucchese ha poi perso terreno restando comunque nella top 10. A Brisighella Lee ha infine rafforzato il suo vantaggio estendendolo a 38 minuti sul secondo mentre in terza posizione è salito “re” Giorgio. Grantham ha tagliato il traguardo in 7 ore 3 minuti e 28 secondi precedendo di 16 minuti e 11 secondi Giacopuzzi. Terzo Calcaterra staccato di 20’ dal secondo classificato, quarto Menegardi (vincitore 2019 del Passatore) e quinto Beatrici.

La Corradini va a vincere la gara femminile chiudendo 12ma assoluta in 8'29'06", completano il podio Cecilia Flori e Elena Fabiani.

Domani, domenica 22 maggio 2022, alle 11, termine ultimo della gara, si conoscerà anche il numero degli atleti giunti al traguardo: erano stati 2.688 nel 2019. Infine una curiosità sull’edizione 2022: sulla macchina della direzione di gara è stato issato il ‘cappellaccio’ del Passatore in memoria di Pietro “Pirì” Crementi, con il runner faentino Gabriele Turroni a condurre la corsa con il megafono.

I RISULTATI COMPLETI

Golden Gala: 5000 show con Barega e Kiplimo

Nella serata del 9 giugno un mezzofondo di stelle a Roma con il campione olimpico e il bronzo dei 10.000. In gara anche Edris, Kejelcha, Kipruto e l’azzurro Yeman Crippa. Come acquistare i biglietti

Un concentrato incredibile di talento. Le stelle del mezzofondo mondiale si ritrovano al Golden Gala Pietro Mennea, l’imperdibile serata del 9 giugno allo stadio Olimpico di Roma, quinta tappa della Wanda Diamond League. Nei 5000 metri è pronta ad accendersi la sfida tra i fuoriclasse che hanno conquistato medaglie alle Olimpiadi di Tokyo e ai Mondiali di Doha.

 

Nel cast spicca la presenza del campione olimpico dei 10.000 metri Selemon Barega (Etiopia) che ha trionfato ai Giochi sulla distanza più lunga e due mesi fa si è ripetuto ai Mondiali indoor di Belgrado vincendo l’oro nei 3000. Barega, quinto uomo di ogni epoca con un personale di 12:43.02 a Bruxelles nel 2018, torna a Roma a tre anni dal secondo posto del 2019, quando fu battuto in volata dal connazionale Telahun Bekele, a sua volta di ritorno all’Olimpico per l’edizione 2022. Dalla finale di Tokyo arriverà anche la medaglia di bronzo dei 10.000 nonché campione mondiale in carica della mezza maratona Jacob Kiplimo (Uganda).

 

In gara anche tre medaglie dell’ultima edizione iridata di Doha, tra cui il campione del mondo dei 5000 Muktar Edris (Etiopia), re della specialità a Londra nel 2017 e poi in Qatar due anni più tardi. Con lui anche l’argento mondiale dei 10.000 Yomif Kejelcha (Etiopia), due volte campione del mondo dei 3000 indoor, e il bronzo dei 10.000 Rhonex Kipruto (Kenya). Da seguire anche il campione in carica della Diamond League Berihu Aregawi (Etiopia). Curiosità.

 

In pista tre primatisti del mondo delle gare su strada: 5 km (Aregawi), 10 km (Kipruto) e mezza maratona (Kiplimo). Nel parterre anche l’azzurro Yeman Crippa, recente vincitore della Notte dei 10.000 a Londra e neo-primatista d’Europa dei 5 km (13:14).

 

La distanza dei 5000 metri vanta una lunga tradizione al Golden Gala: proprio all’Olimpico nel 1987 è stata violata per la prima volta la barriera dei tredici minuti, per merito del marocchino Said Aouita con 12:58.39. Un altro record del mondo è stato stabilito a Roma nel 1995 dal keniano Moses Kiptanui con 12:55.30. Nella scorsa edizione, a Firenze, il norvegese Jakob Ingebrigtsen ha firmato il record europeo con 12:48.45.

 

GOLDEN GALA: CONFERENZA STAMPA LUNEDÌ 23 MAGGIO A ROMA, ORE 12.30

Il Golden Gala Pietro Mennea del 9 giugno sarà presentato in conferenza stampa lunedì 23 maggio, alle ore 12.30, nella sala conferenze dello stadio Olimpico di Roma. Interverranno, tra gli altri, il presidente FIDAL Stefano Mei e il campione olimpico dei 100 e della 4x100 Marcell Jacobs. Gli operatori dei media interessati a seguire la conferenza possono inviare una mail all’indirizzo comunicazione@fidal.it.

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

 

~ Kahlil Gibran ~

 

Charlie Chaplin

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita

prima che l’opera finisca senza applausi…

 

 

Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,

l'intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.

Siamo stati messi al mondo

assieme ai nostri fratelli e sorelle,

con quelli che hanno quattro zampe,

con quelli che volano e con quelli che nuotano.

Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d'erba,

formano con noi una grande famiglia.

Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.

BIGLIETTI IN VENDITA SU TICKETONE

Sul circuito TicketOne è possibile acquistare i biglietti per godersi lo spettacolo del Golden Gala Pietro Mennea, il 9 giugno allo stadio Olimpico di Roma. Questi i prezzi (ai quali vanno aggiunti 2 euro di diritti di prevendita), con le rispettive riduzioni per gli under 16. Monte Mario Arrivi 40 euro (ridotto 25 euro), Distinti Arrivi 25 euro (ridotto 20 euro), Monte Mario Partenze 20 euro (ridotto 15 euro), Tribuna Tevere 15 euro (ridotto 10 euro), Curve e Distinti (escluso Arrivi) 10 euro (ridotto 7 euro).

GOLDEN GALA: TUTTE LE PROMOZIONI

Anche per il 2022 la Federazione Italiana di Atletica Leggera ha messo in campo una serie di iniziative per consentire la più ampia partecipazione possibile, e in particolare per favorire la presenza delle fasce più giovani sulle tribune e le curve dell’Olimpico. Le promozioni sono rivolte ai tesserati, agli istituti scolastici e ai Comuni italiani, e si possono consultare in questo LINK.

GIOVANI AL GOLDEN GALA, TORNA IL PALIO DEI COMUNI

Dopo lo stop per la pandemia, torna nel 2022 il tradizionale Palio dei Comuni, la maxi-staffetta 12x200 tra i giovani di tutta Italia che come sempre si correrà prima dell’inizio del Golden Gala Pietro Mennea. Un’occasione unica di sfrecciare sulla pista dell’Olimpico a pochi minuti dalle sfide tra i campioni dell’atletica mondiale e di vivere un’esperienza da ricordare per sempre, sognando di tornare un giorno su quella stessa pista per gareggiare al Golden Gala. La staffetta è riservata agli studenti delle scuole medie inferiori, e le migliori 9 squadre in base ai tempi ottenuti nelle batterie saranno ammesse alla finale che si disputerà all’interno del programma ufficiale del meeting.

Buongiorno.

Ricordiamo che l'appuntamento con la StraNovi è per venerdì 27 maggio: la stracittadina ritorna e lo fa su di un percorso di 4km con partenza ed arrivo in piazza XX settembre e che toccherà molte vie del centro storico all’interno della cinta delle antiche mura cittadine. E’ la festa dei podisti e dei camminatori vissuta in una serata in cui sarà importante esserci anche per lo scopo benefico dell’iniziativa: infatti all’evento è stata dedicata una t-shirt e acquistarla varrà come iscrizione con il ricavato che andrà alla onlus IRIS (che si occupa dell’assistenza ai malati oncologici) e al Comitato Novese della CRI. Al termine della manifestazione verranno assegnati i premi ai gruppi più numerosi: al gruppo scolastico andrà il trofeo intitolato alla memoria di Andrea Chaves, che di Atletica Novese fu validissimo esponente, al gruppo non scolastico andrà il trofeo offerto da Fidas (Associazione Novese Donatori Sangue) e un premio verrà riconosciuto a scalare agli altri gruppi.

Ci daranno una mano il gruppo MTB I Cinghiali, il gruppo novese dell’Associazione Nazionale Alpini e i ragazzi di Pazzanimazione. Il tutto grazie al patrocinio e all’aiuto dell’Amministrazione Comunale di Novi Ligure

In allegato la video traccia del percorso e quant'altro possa essere utile è reperibile su http://www.atleticanovese.it/

Grati per l'attenzione

Atletica Novese

Squillace Lido- CZ- 15 Maggio 2022- 1^ CORRI A SQUILLACE-I vincitori della 1^ Corri a Squillace sono Andrea D’ Ambrosi e Carmen Paonessa.

Nello scenario del bellissimo lungomare “Ulisse” della cittadina catanzarese, si è svolta la prima edizione della “Corri a Squillace”una gara podistica su strada di Km 10 inserita nel calendario Nazionale Fidal e nel calendario Nazionale C.S.A.In. e valida per il Campionato Nazionale C.S.A.In. individuale km 10.

 

La manifestazione è stata organizzata dal Comitato Regionale C.S.A.In. Calabria in collaborazione con l’A.S.D. Run for Catanzaro, la Fidal Calabria ed il patrocinio del Comune di Squillace.

Il Comitato Regionale Csain Calabria è un Ente di promozione sportiva, fondato in Confindustria nel 1954, ed è anche un Ente di promozione sociale riconosciuto dal Ministero del

 

Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Ministero dell’Interno, è entrato a far parte del Forum del Terzo Settore ed ha come scopo la promozione delle attività sportive, culturali, assistenziali e ricreative del tempo libero e servendosi della collaborazione tecnica della A.S.D. Run For Catanzaro guidata da Francesco Benefico, ha organizzato questa bella manifestazione con lo scopo di diffondere l’amore per l’atletica e per valorizzare il bellissimo territorio di Squillace e fortunatamente il popolo dell’atletica calabrese ha risposto, infatti ben 213 atleti si sono iscritti per partecipare alla competizione.

 

Gli atleti sono stati accolti dalla voce dello speaker pugliese di Altamura Claudio Lorusso, che ha magistalmante condotto  la gara e il post gara in modo fluido e  professionale.

Il percorso di gara, si è sviluppato interamente sul lungomare su un giro di Km 2,5 da ripetere 4 volte e quindi si è creato un grande spettacolo con molto pubblico, intento a fare il tifo per il suo preferito. Insieme alla competitiva si è svolta una passeggiata aperta a tutti di 2,5 km che ha visto una nutrita partecipazione.

 

Alle 10:00 è partita la non competitiva e subito dopo, alle 10.30 c’è stato lo start per la competitiva e i 213 atleti riempiendo di colore ed entusiasmo il lungomare, si sono lanciati nella loro impresa. Sin dal primo giro si è creato un gruppetto formato da Paolo Audia, Michelangelo Spingola, Andrea D’Ambrosi e Antonio Maggisano, che si sono dati battaglia fino al terzo giro quando D’Ambrosi dell’Asd Poliporto Soverato, è passato in testa ed ha mantenuto la posizione fino alla fine del quarto giro, quando ha tagliato il traguardo in 34:41, al secondo posto si sono classificati pari merito Michelagelo Spingola dell’Asd Castrovillari e Antonio Maggisano della Libertas Lamezia 34:56, che hanno tagliato il traguardo mano nella mano.

Daniele Menarini

Siamo a 300 grazie a v oi

Siamo donne uomini e marziani

Siamo il coraggio

che ti fa cominciare

la passione per continuare

la sfida con te stesso

Siamo le gocce di sudore

le lacrime di gioia

il bacio alla terra di Gelindo

il pugno al cielo di Stefano

Siamo i master pieni di futuro

i chili che hai perso

i compagni di strada

che altrimenti

non avresti conosciuto

Siamo borracce, canfora

e pipì dietro gli alberi

Siamo la tua prima maratona

e non saremo l'ultima

neve, deserto, pietr e città

e polvere di pioggia

e rispetto dell'avversario

Siamo albe

di colazioni al miele

buio di sentieri da trail

tende e veglie nella 24 ore

scarpe che non vuoi

ti buttino via

siamo bottega amara

di cortesia

Siamo domande, dubbi,

perchè, errori, infortuni

Siamo e saremo solo

tempi di passaggio.

 

(Daniele Menarini)

Per quanto riguarda la gara femminile è stata dominata dall’atleta della Hobby Marathon Catanzaro, Carmen Paonessa che alla partenza ha guadagnato la testa della corsa e l’ ha mantenuta fino alla fine del quarto giro, tagliando il traguardo con il tempo di 42:45. Per la seconda posizione, invece, c’è stata una bella lotta tra l’atleta della Run For Catanzaro, Morena Sestito e l’atleta dell’Atletica Sciuto, Rosy Ciccone che sono state spalla a spalla fino all’ultimo, quando ha avuto il sopravvento Sestito che ta tagliato il traguardo con il tempo di 45:31, seguita da Ciccone con 45:43.

Alla competizione sono seguite le premiazioni in presenza del presidente Fidal Regionale Vincenzo Caira che è rimasto entusiasta della bella e partecipata manifestazione. Durante le premiazioni sono state consegnate delle targhe di ringraziamento tra cui una al Presidente Fidal Vincenzo Caira per la sua collaborazione, e una al presidente della MiletoMarathon, Salvatore Auddino per il suo costante lavoro di divulgazione; inoltre, è stata fatta un premiazione speciale al primo classificato della categoria M50, in memoria del grande atleta ed amico Leandro Guarnieri, al quale è stato anche dedicato un minuto di silenzio prima della partenza, e tutto in presenza della moglie Loredana e della figlia Lorenza.

Ringraziamo tutti gli organizzatori per averci fatto partecipare a questa bellissima mattinata di sport e ringraziamo tutti i protagonisti, in primis gli atleti e poi giudici, pubblico e atleti. Appuntamento al prossimo anno, più forti e uniti nello sport.

Redazione Correre.org- Rossella Artusa       FotoGallery By Salvatore Auddino         Classifiche

Stano a Madrid: 10 km su strada con gli altri big-15 Maggio 2022

Lunedì mattina il campione olimpico si misura per la prima volta dopo Tokyo con alcuni degli altri top mondiali della marcia: al via lo svedese Karlstrom, lo spagnolo Garcia Carrera, il cinese Wang-Giapponesi a parte, è la prima volta dopo l’apoteosi di Tokyo che Massimo Stano incontra molti dei migliori marciatori al mondo. Nel cuore della movida di Madrid, sulla splendida Gran Via del centro storico, il campione olimpico si mette di nuovo alla prova nel terzo impegno ravvicinato in poche settimane, stavolta sulla distanza per lui inusuale dei 10 km su strada che gli manca in gara da quattro anni.

 

Per curriculum e per condizione di forma attuale, l’azzurro delle Fiamme Oro è l’uomo più atteso nella prima edizione dell’evento Madrid Marcha in programma lunedì mattina nella capitale iberica: “Ci vado soprattutto per divertirmi - le parole del 30enne oro olimpico della 20 km, prima di decollare verso la Spagna - concentrandoci sulla 35 km abbiamo un po’ tralasciato i ritmi veloci, vediamo cosa esce fuori contro un parterre bello carico”. Partenza alle 10.30, diretta streaming su questo LINK.

 

Stano, reduce dalle 2h29:09 nella ‘trentacinque’ (distanza che farà ai Mondiali di Eugene) e dal titolo italiano nella 20 km in 1h21:21 (è la specialità che affronterà agli Europei di Monaco), si confronta con il bronzo mondiale della ‘venti’ Perseus Karlstrom (Svezia), in marzo vincitore della 35 km ai Mondiali di marcia a squadre in Oman, con lo spagnolo Diego Garcia Carrera sesto classificato ai Giochi sulle strade di Sapporo, con il cinese Wang Kaihua che in Giappone nella scorsa estate è arrivato settimo e che vanta il terzo crono di ogni epoca nella 20 km con 1h16:54.

Al via anche altri validi marciatori come l’ecuadoriano Brian Daniel Pintado trionfatore sabato scorso nella classica di Rio Maior, il canadese Evan Dunfee e lo spagnolo Marc Tur rispettivamente terzo e quarto ai Giochi nella 50 km, il britannico Tom Bosworth.

 

Al femminile, fari sulle cinesi Qieyang Shijie, campionessa olimpica a Londra e argento mondiale a Doha nella 20 km, e Li Maocuo, argento iridato in carica nella ‘cinquanta’.

 

“Di solito faccio i 10.000 su pista, invece l’ultima volta che ho gareggiato sui 10 km su strada era agli Assoluti 2018 di Pescara sotto il diluvio - ricorda Stano, che vinse il tricolore in 39:19 - è interessante ritrovare tanti atleti così forti, che fin qui non avevo incrociato dopo le Olimpiadi. Sì, la prova di Madrid mi stuzzica molto. Come ho recuperato dal doppio impegno in otto giorni? Pensavo peggio. Patrick (il suo coach Parcesepe, ndr) ha raccolto tutti i dati di cui ha bisogno ed è molto soddisfatto. Io lo sono di Dudince, di Alberobello non del tutto”.

- Il sito della manifestazione

Lo sport, va da dire che le discipline sportive sono tante, di sicuro il loro papà si chiama sport ed è il proprietario di tutte le attività psico- fisiche. Quando si intraprende una disciplina, si entra far parte di un mondo diverso, un mondo fatto di regole e di rispetto, un mondo che ti matura dentro l'anima e ti fa sopportare fatiche immense,un mondo che ti ricompensa con momenti di vera felicità, è come il contadino quando ara la terra e semina, all'inizio è sofferenza e stanchezza ma poi arriva il tempo del raccolto dei frutti; chi ha seminato bene raccoglie frutti buoni. Quando sono arrivato qui a mileto non avevo né terra né alberi da frutto, allora, ho pensato che bisognava seminare qualcosa e così ho fatto; ho seminato quello che la vita mi ha insegnato ossia amare la natura, vivere lo sport come stile di vita, avere rispetto delle cose e degli altri, e così, anche io, mi ritrovo a raccogliere i frutti della mia semina che si chiamano amicizia, amore, fraternità; cose che ultimamente sono diventate una merce molto rara. Se non avessi divulgato lo sport ,oggi , non avrei avuto gli amici che ho, che mi fanno sentire importante e mai solo, sono fiero di loro e ne ho molta stima; questa ricchezza va conservata gelosamente e anche se a volte abbiamo opinioni diverse, è bene,perché ciò serve a cementare e a far diventare sempre più forte il legame che ci unisce. Tutto ciò però, non è farina del nostro sacco ma semplicemente lo sport che ci ha uniti, padre buono dei valori importanti della nostra vita sociale.

Salvatore Auddino 30 gennaio 2009

Epis a segno nella Stramilano Half Marathon-15 Maggio 2022

 

La maratoneta azzurra si impone nella mezza sulle strade del capoluogo lombardo con 1h11:46-

 

Vittoria azzurra al femminile nella 49esima edizione della Stramilano Half Marathon, tornata a colorare le strade del capoluogo lombardo dopo due anni di stop.

 

A prendersi il successo è Giovanna Epis in 1h11:46 sul traguardo di piazza Castello, con una seconda parte meno rapida della prima dopo essere transitata in 33:31 al decimo chilometro, anche per via della temperatura crescente in una mattinata di sole.

 

Una prova comunque incoraggiante per la veneziana dei Carabinieri che vive nell’hinterland milanese, a Legnano, e vanta un personale di 1h11:01 stabilito nella scorsa stagione conquistando il titolo tricolore.

 

Prosegue così il suo cammino di preparazione verso la maratona degli Europei di Monaco di Baviera (15-21 agosto) mentre l’impegno più immediato sarà tra due settimane in pista, nella Coppa Europa dei 10.000 metri del 28 maggio a Pacé, in Francia. Al secondo posto Hassanatte Fraida, atleta del Ciad, in 1h16:10 mentre è da sottolineare il miglioramento della non ancora ventenne Aurora Bado (Freezone) che sale sul terzo gradino del podio in 1h16:25, con oltre un minuto di progresso.

 

“Si è fatto sentire il caldo - commenta l’azzurra Epis - ma anche per questo è stato un test utile in vista dei prossimi appuntamenti, come la mezza maratona dei Giochi del Mediterraneo a Orano, in Algeria, all’inizio di luglio.

 

Ho cercato di partire a un’andatura da record personale, con un ritmo da 3:20-3:21 al chilometro, e fino al decimo ero in linea per il personale, poi ho cercato di amministrare la gara. Mi aspettavo un po’ meglio, in base ai riscontri degli allenamenti, però mi rendo conto che viste le condizioni il crono non è per niente male e ho avuto indicazioni utili. È sempre bellissimo correre la Stramilano, sono davvero contenta di averla vinta dieci anni dopo Valeria Straneo”.

 

Tripletta keniana al maschile con la vittoria per Dickson Nyakundi 1h03:47 davanti ai connazionali Kipkorir Birir (1h04:23) e Ishmael Chelanga Kalale (1h04:57), sesto e primo degli italiani Salvatore Gambino (Dk Runners Milano, 1h08:24). Più di 50 mila i partecipanti alla popolare stracittadina, partita da piazza Duomo.  Classifica

 

Comunicato del 15 Maggio 2022

XIV Lago Maggiore Half Marathon, vincono Roberto Di Pasquali e Katarzyna Telus

Si è svolta sabato 14 maggio la XIV Lago Maggiore Half Marathon in una giornata da cartolina

Vittoria per Di Pasquali e Telus. Nella 10 km l’azzurra Valeria Roffino fa il vuoto dietro di sé-Assegnato il Premio Patrizia Pizzi ad Alessia Mira ed il

Memorial Aldo Sassi a Roberto Di Pasquali

VERBANIA – E’ iniziata in una giornata baciata dal sole che ha regalato le emozioni di un paesaggio da cartolina la XIV Lago Maggiore Half Marathon, evento Bronze Label Fidal organizzato da Sport PRO-MOTION A.S.D., andato in scena sabato 14 Maggio alle ore 18.00.

Partenza da Stresa e arrivo a Verbania per circa un migliaio di atleti impegnati nella mezza maratona mentre sono partiti da Fondotoce i runner iscritti alla 10k.I RISULTATI Tra gli applausi del pubblico ha tagliato per primo il traguardo Roberto Di Pasquali (ASD Climb Runners) in 1h10’50” staccando di netto Giuseppe Hernis (Amici dello Sport Podistica) che invece ha chiuso le sue fatiche in 1h12’04”, imponendosi su Cristian Ciobanu (Cus Parma) di 47”. Primo atleta locale Alessandro Lacqua in 1h14’55”. Assegnato a Roberto Di Pasquali il memorial Aldo Sassi per il primo italiano in classifica della half marathon.

Classifica femminile che vede la polacca Katarzyna Telus (Runcard) prima in 1h25’39” seguita da Alessia Mira (Runcard) in 1h30’50” e Sara Gozzi (ASD Free Runners Team) in 1h31’05”. Assegnato ad Alessia Mira il Premio Patrizia Pizzi per la prima italiana in classifica della half marathon.

Nella 10 km maschile Matteo Lometti (ASD Brancaleone d’Asti) si impone in 34’05” su Filippo Bovanini (Atl. Avis Castel San Pietro), secondo in 34’48” con soli due secondi di vantaggio su Andrea Zucchiatti (Team Attivasalute ASD).Sesta generale e prima donna assoluta con 36’11” l’azzurra Valeria Roffino (GS Fiamme Azzurre) rientrata alle competizioni dopo la maternità con la vittoria alla 10 km di Santhià del primo maggio e che qui ha confermato il suo essere una fuoriclasse. Dietro di lei il vuoto prima di Mastewal Ghisio (Atl Saluzzo) che ha chiuso la sua prova in 39’39” che a sua volta ha staccato di oltre tre minuti Vera Picchianti Giordani (ASD Atl Trecate).Gli eventi Sport PRO-MOTION danno appuntamento al 30-31 Luglio con il Monterosa Est Himalayan Trail, al 1-2 Ottobre con l’Ultra Trail del Lago Maggiore e alla classicissima Lago Maggiore Marathon del 6 Novembre. Cesare Monetti-Ufficio Stampa-Sport PRO-MOTION A.S.D.T. 380.3114270-stampa@pro-motion.it

Mezza Maratona di Latina

Successi keniani nella 20ma edizione della Mezza Maratona di Latina: tagliano per primi il traguardo Bernard Musau Wambua e Brigid Jelimo Kabergei

 

Successi keniani nella 20ma edizione della Mezza Maratona di Latina, andata in scena nella mattinata di domenica 15 maggio 2022 alla presenza di oltre 600 runners: a tagliare per primi il traguardo sono stati Bernard Musau Wambua e Brigid Jelimo Kabergei.

 

Il portacolori dell'Atletica Winner Foligno ha terminato i 21.097km della gara con il tempo di 1h10'13" davanti al burundiano Léonce Bukuru (1h10'24) ed all'altro keniano Mike Kipruto (1h12'07"). Quarto posto, e primo italiano, per Antonello Di Cicco (1h14'54").

 

Senza storia la gara femminile con l'atleta dell'#Iloverun Athletic Terni che chiude in 1h19'03", più staccate Arianna Pantano (1h30'59") e Cassandra Ulivieri (1h37'02").

 

I RISULTATI

Chiesi a Dio...

di essere forte per eseguire progetti grandiosi:

Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse la salute

per realizzare grandi imprese:

egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto:

mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere

perché gli uomini avessero bisogno di me:

egli mi ha dato l'umiliazione

perché io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita:

mi ha lasciato la vita

perché potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello

che chiedevo,

ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno

e quasi contro la mia volontà.

Le preghiere che non feci furono esaudite.

Sii lodato; o mio Signore,

fra tutti gli uomini

nessuno possiede quello che ho io!

Kirk Kilgour

Salerno15 mggio 2022 "Salerno Corre"

 

In 900 per la settima edizione della Salerno corre: domenica 15 maggio successi di Hicam Boufars e Filomena Palomba

 

Sono stati circa 900 i runners che nella mattinata di domenica 15 maggio hanno preso parte all'edizione numero 7 della Salerno Corre, gara di 10km che ha registrato il successo del marocchino Hicam Boufars e della campana Filomena Palomba.

 

Il portacolori dell'International Sercurity Service ha tagliato il traguardo dopo 30'37" superando allo sprint la concorrenza del connazionale Youssef Aich (30'39"), podio completato da Gilio Iannone (30'46").

 

Netto invece il successo della Palomba, prima con il tempo di 38'39", dietro di lei Annalisa Russo (40'06") e Maria Antonietta Fappiano (40'52").

 

I RISULTATI

Copenhagen 15 maggio 2022  "Copenhagen Marathon"-15/05/2022

 

Berhane Tsegay e Helah Jelegat Kiprop vincono la Copenhagen Marathon 2022: in 11mila al via della gara danese

Domenica 15 maggio è tornata dopo 3 anni la Copenhagen Marathon che ha registrato i successi dell'eritreo Berhane Tsegay e della keniana Helah Jelegat Kiprop. Entrambi i vincitori, che hanno tagliato il traguardo rispettivamente in 2h08'23" e 2h24'10" hanno stabilito il primato della gara ed il tempo più veloce mai corso in Danimarca sui 42.195km.

Un bel sole ed una temperatura di 15° hanno favorito gli 11mila runners che hanno preso parte alla manifestazione che, per quanto riguarda la gara elite, è partita con un passaggio a metà gara di 63'26". Poi il gruppone di testa si è via via sgranato dopo il 30mo chilometro fino all'attacco di Tsegaye a 2000m dal traguardo. Podio completato da Henok Tesfaye in 2h08'39" e da Daniel Kipchumba in 2h08'55".

Equilibrata anche la gara femminile con la Kiprop, al rientro a pieno regime dopo la maternità di 2 anni fa, che ha preceduto Muluhabt Tsega (2h24'23") e Agnes Keino (2h25'08").

 

Dossena oltre ogni sogno agli Europei di Grosseto 14 maggio

Il messaggio di Franco Dossena è arrivato stamattina alle 11.08:

..Missione compiuta, Campione europeo, super happy…

E come dare torto al nostro atleta che ha coronato il sogno di una affermazione al massimo livello. Ai Campionati Europei no stadia di Grosseto oggi Franco ha affrontato la distanza dei 5 km nella serie riservata agli atleti over65 ed è arrivata la vittoria nella categoria Sm75 con il crono di 21’48” e con vantaggio netto ed indiscutibile rispetto agli avversari.

Il progetto di Franco è partito da lontano. Da lontano in tutti i sensi, vista la lunghissima permanenza negli Stati Uniti durante il periodo della pandemia. Appena rientrato in Italia ha messo in cantiere la trasferta in Maremma e, come sempre, il tutto è stato preparato con cura e nei minimi particolari (tipico nello stile del personaggio) non solo per quanto ha riguardato la preparazione fisica ma anche per l’attenta valutazione degli avversari attraverso le notizie sulle loro prestazioni. Il crono ottenuto è il migliore in Italia e aggiorna il 23’09” ottenuto a Pieve di Soligo da Onelio Galeazzi nel 2021.

 

Nella stessa gara, per la categoria Sm50, si è impegnato anche Mario Bocchio, l’altro nostro atleta presente a Grosseto. In una categoria veramente tostissima, Mario ha ottenuto il 27° posto correndo in un buon 22’28’’. I complimenti ai nostri “ragazzi” sono davvero meritatissimi

Risultati:

Quando corro tutti i pensieri volano via.

Superare gli altri è avere la forza, superare se stessi è essere forti

Confucio

 

Un atleta in corsa è una scultura in movimento.

Edwin Moses

 

Correre è lo spazio aperto dove vanno a giocare i pensieri.

Mark Rowlands

 

Non importa cosa trovi alla fine di una corsa, l’importante è quello che provi mentre stai correndo. Il miracolo non è essere giunto al traguardo, ma aver avuto il coraggio di partire.

Jesse Owens

 

Io sento la terra ed il vento e gli alberi. Io sento il loro spirito. Io sento il ritmo della corsa. E’ come musica

Gabriel Harmony Jennings

 

Più corri, più percepisci il tuo corpo. Più pesa, più la tua mente si fa leggera. È la magia della corsa.

runlovers

 

Correre è strappare il ritmo al tempo, è rinascere con un altro respiro

Fabrizio Caramagna

Crippa show, vince a Londra in 27:16.18-14 Maggio 2022

L’azzurro si impone con lo standard per i Mondiali e il secondo crono italiano di sempre, a circa 5 secondi dal suo record: “È la conferma che sto lavorando bene, quest’anno ho grandi obiettivi”-Un’altra gara spettacolare di Yeman Crippa. L’azzurro vince nei 10.000 metri sulla pista di Londra in 27:16.18 e raggiunge ampiamente l’obiettivo dello standard per i prossimi Mondiali di Eugene, fissato a 27:28. È la seconda prestazione italiana di sempre, a poco più di cinque secondi dal suo record nazionale stabilito con 27:10.76 a Doha nel 2019. Ancora un acuto di valore assoluto per il 25enne delle Fiamme Oro in questa stagione, dopo le prodezze su strada con il primato europeo dei 5 km (13:14) e il record italiano della mezza maratona (59:26). Ora il fuoriclasse trentino si potrà preparare alla rassegna iridata in Oregon (15-24 luglio) dove ha in programma di gareggiare soltanto nei 10.000 mentre potrebbe doppiare correndo anche sui 5000 agli Europei di Monaco di Baviera (15-21 agosto).“Sono super contento della gara - commenta Yeman Crippa - e di aver ottenuto il minimo per i Mondiali. Ho capito che sto bene, che il lavoro che ho fatto fino a questo momento è andato nel modo giusto. Ma da domani torno ad allenarmi con il coach Massimo Pegoretti per la stagione su pista e ho grandi obiettivi. Felice per il crono e anche per una gara in progressione, dopo un passaggio in 13:44, viaggiando più velocemente nella seconda metà con un parziale di 13:32”.Corre sempre nelle posizioni di testa l’azzurro, inizialmente alle spalle del pacer designato che rimane davanti per soli tre chilometri, ma c’è la “lepre luminosa” a scandire il ritmo giusto agli atleti sul cordolo della pista. Poi viene rilevato al comando da Sam Atkin e si forma un terzetto che comprende anche l’altro britannico Emile Cairess. Poco oltre metà gara si riporta a condurre e va in fuga per una galoppata solitaria. Trionfa nella tradizionale Night of the 10.000 PB’s dedicata alla specialità e all’arrivo libera tutta la sua gioia, per un risultato con cui ritorna a essere protagonista anche in pista, confermando il suo feeling con l’anello di Parliament Hill al nord di Londra dove ha vinto tre anni fa trascinando anche la squadra italiana al successo in Coppa Europa.Nettamente staccati gli avversari: secondo Atkin (27:31.98), terzo Cairess (27:34.08). Nella stessa gara da sottolineare il bel passo avanti di Italo Quazzola (Atl. Casone Noceto), uno dei convocati azzurri per la Coppa Europa dei 10.000 del 28 maggio a Pacé, in Francia. Il piemontese arriva nono con 28:16.44 togliendo quasi venticinque secondi al personale, quindi 19esimo Badr Jaafari (Atl. Casone Noceto, 28:55.84), 25esimo Francesco Carrera (Atl. Casone Noceto, 29:19.55), invece si ritira intorno all’ottavo chilometro Nekagenet Crippa (Esercito).

In un’altra serie cresce anche il bergamasco Nadir Cavagna (Fiamme Azzurre), 28:57.61.

Sul miglio si piazza quarto Ossama Meslek (Atl. Vicentina) in 3:55.39 con oltre cinque secondi di progresso sul personale, nonostante un imprevisto all’ultimo giro in cui il primatista italiano dei 1500 al coperto (3:37.29 in febbraio) si trova costretto a scavalcare un atleta che era caduto a terra, mentre il successo in volata è per il britannico Matt Stonier con 3:54.89. Al femminile sulla stessa distanza chiude terza Federica Del Buono (Carabinieri) in 4:29.74 all’esordio stagionale outdoor, non lontana dal proprio limite di 4:28.13, dietro all’australiana Georgia Griffith (4:27.81) e all’irlandese Sarah Healy (4:29.03).

l.c.-- RISULTATI

Trieste Spring Run -Faniel rientro vincente nella mezza di Trieste.08 Maggio 2022

Eyob Faniel Ghebrehiwet e Nataliya Lehonkova vincono la 26ª edizione della Trieste Spring Run, la 21K Fidal Bronze, organizzata dall’APD Miramar e dalla Trieste Atletica, rispettivamente con il tempo di 1h02:50 e 1h15:11.

Lo start ad Aurisina, località a una quindicina di chilometri dal Capoluogo del Friuli Venezia Giulia, quindi il transito sulla strada provinciale che conduce gli atleti a Sistiana, per poi giungere sulla Strada Costiera, la parte del percorso più suggestiva, a picco sul mare, con le rocce del Carso da una parte e dall’altra il Golfo di Trieste, e l’arrivo sulle Rive, nel cuore cittadino.

 

21K MASCHILE

Al via della gara si forma subito un terzetto capitanato da Eyob Faniel, dal keniano Peter Mwaniki Njeru e dall’ucraino Vitality Shafar. A metà gara restano a dettare il ritmo Faniel e Mwaniki; quindi al quindicesimo chilometro quest’ultimo si sfila e lascia solo al comando il primatista italiano di maratona, che va a tagliare il traguardo solingo.

 

21K FEMMINILE

La prova femminile ha visto brillare, a sorpresa, l’atleta ucraina Nataliya Lehonkova. La favorita, infatti, era Catherine Wanjiru Najihia, la ventitreenne keniana che al decimo chilometro patisce forse un po’ il vento lasciandosi superare dalla diretta avversaria che giunge sola al traguardo.

Leggi anche: il calendario delle mezze italiane - La classifica dei finishers - Il ranking

 

LE PAROLE DEI VINCITORI, ORGANIZZATORI E VICE SINDACO

Eyob Faniel Ghebrehiwet:«Mi è piaciuto quasi tutto della gara, dal percorso veloce che guarda al mare, al pubblico molto partecipe, all’arrivo in centro. L’unica cosa che non ho amato è il vento, che negli ultimi chilometri si è fatto sentire parecchio. La gara? Peter mi ha fatto da pacer e dopo quindici chilometri si è fermato e sono andato avanti da solo. L’allenatore mi aveva detto di correre a sensazione ed è ciò che ho fatto. Sono molto soddisfatto di com’è andata. È la gara della ripresa; dovevo essere a Boston tre settimane fa, purtroppo per un piccolo infortunio non sono riuscito a partecipare, ma ci sono appuntamenti più importanti ad attendermi».

Come festeggerà la gara?

 

«Non avrò molto tempo per festeggiare, fra due giorni partirò per andare ad allenarmi in altura in vista degli Europei. In ogni caso al rientro a casa mi concederò una grigliata».

Natalya Lehonkova, quarant’anni, esperta di corse su strada, è fuggita dalla sua Ternopil, una città dell’Ucraina occidentale, raggiungendo la madre che vive in Germania. Ha spiegato di essere costantemente in giro per l’Europa per gareggiare, così questo successo lo dedica al suo popolo.

Stefano Baldini Guarda il video

Quant'è bella giovinezza

che si fugge tuttavia!

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c'è certezza.

Quest'è Bacco e Arianna,

belli, e l'un dell'altro ardenti:

perché 'l tempo fugge e inganna,

sempre insieme stan contenti.

Queste ninfe ed altre genti

sono allegre tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c'e certezza.

Questi lieti satiretti,

delle ninfe innamorati,

per caverne e per boschetti

han lor posto cento agguati;

or da Bacco riscaldati,

ballon, salton tuttavia.

Chi vuol esser lieto sia:

di doman non c'è certezza.

Queste ninfe anche hanno caro

da lor essere ingannate:

non puon fare a Amor riparo,

se non genti rozze e ingrate:

ora insieme mescolate

suonon, canton tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c'è certezza.

Questa soma, che vien drieto

sopra l'asino, è Sileno:

così vecchio è ebbro e lieto,

già di carne e d'anni pieno;

se non può star ritto, almeno

ride e gode tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c'è certezza.

Mida vien drieto a costoro:

ciò che tocca, oro diventa.

E che giova aver tesoro,

s'altri poi non si contenta?

Che dolcezza vuoi che senta

chi ha sete tuttavia?

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c'è certezza.

Ciascun apra ben gli orecchi,

di doman nessun si paschi;

oggi siam, giovani e vecchi,

lieti ognun, femmine e maschi;

ogni tristo pensier caschi:

facciam festa tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c'è certezza.

Donne e giovìnetti amanti,

viva Bacco e viva Amore!

Ciascun suoni, balli e canti!

Arda di dolcezza il core!

Non fatica, non dolore!

Ciò c'ha a esser, convien sia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c'è certezza.

Lorenzo Il Magnifico

Queste le sue parole: «La gara è molto bella e la temperatura mite mi ha consentito di esprimermi al meglio. Stupendo il percorso con la strada a picco sul mare. Peccato solo per il vento che ha soffiato forte nella seconda metà gara, anche se in realtà forse mi ha permesso di sorpassare Catherine che poi è giunta seconda».

Serena Tonel, vice sindaco di Trieste: «Un ringraziamento per lo sforzo organizzativo di Miramar e Trieste Atletica, per avere riportato la mezza maratona a Trieste. Grazie all’organizzazione e a tutti coloro che hanno partecipato e hanno contributo a rendere così vivace questo fine settimana, dando così un’immagine di entusiasmo e di festa».

Foto di Pierluigi Benini

Giampaolo Petrini, presidente APD Miramar:«L’organizzazione è andata bene, il meteo ha tenuto e il prossimo anno faremo ancora meglio. I top runners c’erano, una gara di livello. E la Family Run è stata un successo, con tantissimi partecipanti e la musica a tenere loro compagnia».

Alessio Lilli, presidente Trieste Atletica:«Bellissima manifestazione, ancora più bella dell’anno precedente, perché finalmente oltre alla 21K abbiamo riportato la corsa non competitiva di 7 km. Grande partecipazione, è stato davvero emozionante vedere tantissime persone riprendersi la strada dal Castello di Miramare fino a Ponterosso». Risultati/Result

FIRENZE 8 MAGGIO 2022 "Guarda Firenze"

Ayob Bouras e Maria Grazzia Bianchi vincono l'edizione 2022 della Guarda Firenze

E’ tornata dopo due anni di stop per il Covid la Guarda Firenze, edizione numero 48, la corsa che per tradizione ha avviato i fiorentini allo sport, e sono stati circa 2600 i partenti, tra adulti (sul percorso di 10 km) e ragazzi (questi erano circa 800 per il percorso Family di 3 km) che non si sono voluti perdere l’evento organizzato da Firenze Marathon in collaborazione con Atletica Firenze Marathon.

Partenza e arrivo erano in piazza Duomo, dove c’è stata grande festa, con il via dato dall’assessore allo sport del Comune di Firenze Cosimo Guccione, con Giancarlo Romiti presidente del comitato organizzatore di Firenze Marathon come sempre in prima fila a coordinare lo staff.

“E’ stata veramente una grande festa – ha sottolineato il direttore tecnico di Firenze Marathon, Fulvio Massini – e finalmente si è rivisto il vero spirito della Guarda Firenze, persone che corrono gioiose senza un particolare obiettivo tecnico, ma solo per lo spirito di esserci e di fare attività fisica e movimento”.

Per la cronaca il primo uomo ad arrivare al traguardo, dopo 34’19” dallo start, è stato Ayob Bouras, marocchino da tempo residente in Toscana e da questa stagione tesserato per il GS Il Fiorino di Sesto Fiorentino. “Tutto molto bello – ha detto dopo l’arrivo - ringrazio gli organizzatori per il percorso bellissimo e per la puntuale organizzazione. Ora preparo per giugno una 10 km tecnica da fare bene”.

Prima donna al traguardo, sesta assoluta, la italo venezuelana tesserata per la SS Lazio, Maria Grazzia Bianchi, in poco più di 39 minuti.

 

Sono stati assegnati 200 premi a sorteggio per tutti gli arrivati della 10 km ludico motoria e premiate le scuole che hanno presentato alla partenza più partecipanti con premi finalizzati all’acquisto di materiale didattico-sportivo.

Nell’ordine: per le scuole elementari, sono state premiate la San Piero Martire (che era stata terza nell’edizione di due anni fa), la Villani, la Collodi, il Kassel, e la Galilei. Per le scuole medie invece primo posto per Serve di Maria davanti alla Botticelli.

A tutti i partecipanti alla Guarda Firenze di 10 km è stata consegnata la T-shirt ufficiale Joma Guarda Firenze, maglia che, in collaborazione con l’Associazione Mandela, recava scritta una frase del grande leader politco sudafricano: "Lo sport ha il potere di cambiare il mondo", mentre ai ragazzi è stato consegnato un gadget dello sponsor tecnico InTempo, un astuccio scolastico di utilità e appeal.

Tra i premi a sorteggio anche giornate gratuite, oppure abbonamenti mensili o semestrali nei centri fitness Virgin, e biglietti gratuiti per lo spettacolo della sera della domenica Notre Dame de Paris, di scena al Mandela Forum e premi forniti da Game 7 Athletics. Acqua San Benedetto e Conad hanno curato i ristori.

PROSSIMO APPUNTAMENTO-Sabato 18 giugno con partenza alle 21 da Piazza Duomo l’82esima edizione della Cetilar Run Notturna di San Giovanni, la tradizionale e attesa gara competitiva sulla distanza di 10 km. I RISULTATI COMPLETI

ROMA 8 MAGGIO 2022 "Race for the Cure" a Roma in 50.000 per la lotta ai tumori al seno

Una marea rosa per il ritorno alla normalità

Era l'edizione che segnava il ritorno alla normalità ed il successo è stato da record. Torna la Race for the Cura di Roma e per la XXIII edizione del più grande evento al mondo per la lotta ai tumori del seno sono numeri da record: oltre 50mila i sostenitori, per una marea rosa che ha impiegato 40 minuti per oltrepassare la linea di partenza della corsa organizzata da Komen Italia.

Come sempre protagoniste di questa speciale manifestazione di salute, sport e solidarietà sono state le “donne in rosa” - donne che hanno affrontato personalmente il tumore del seno - che con la loro testimonianza hanno contribuito negli anni ad un radicale cambiamento culturale nell’approccio alla malattia.

A dare il via ufficiale alla tradizionale corsa di 5 chilometri e alla passeggiata di 2 chilometri il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti, insieme all’Ambasciatrice USA presso le agenzie dell’ONU Cindy McCain, al professor Riccardo Masetti, presidente di Komen Italia e alle madrine della Komen Italia Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi."Una manifestazione straordinaria in una cornice unica, una manifestazione che veicola valori di solidarietà, impegno per le donne, cura e cultura della prevenzione". Roberto Gualtieri sindaco di Roma. “La Race più bella del mondo, che ci stimola ad agire con lo stesso impegno totale che abbiamo messo in campo contro il virus anche per il recupero degli screening e della prevenzione. Grazie a Race for the Cure perché questa è la maratona di lotta per la vita”, ha aggiunto Nicola Zingaretti Presidente Regione Lazio "Dopo due anni di Covid, oggi abbiamo battuto il record più importante: il ritorno alla normalità. Speriamo che in un contesto reso così difficile dalla pandemia e dalla guerra possa vincere oltre alla prevenzione anche la pace", ha commentato il professor Riccardo Masetti, presidente Komen Italia.

Straordinario successo per il Villaggio della Salute, visitato dal Ministro della Salute Roberto Speranza, coordinato dalla Prof.ssa Daniela Terribile (Vicepresidente di Komen Italia) e dalla Dott.ssa Alba Di Leone. Svolto in collaborazione con la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, nel corso di quattro giorni ha erogato oltre 1400 prestazioni gratuite di diagnosi precoce dei tumori del seno e di altre patologie prevalenti in particolare per le donne in condizioni di fragilità sociale, incluse alcune rifugiate ucraine.

Dal 2000 a oggi, grazie soprattutto alla Race for the Cure, Komen Italia ha potuto investire più di 21 milioni di euro per dar vita ad oltre 1000 progetti di tutela della salute delle donne in tutta Italia.

La Race attraverserà altre 6 città italiane: Bari (13 - 15 maggio), Napoli (20 - 22 maggio), Bologna (16 - 18 settembre), Brescia (23 - 25 settembre), Matera (30 settembre - 2 ottobre) e Pescara (7 - 9 ottobre).

I RISULTATI COMPLETI

Sabbie Mobili Demoni e meraviglie

Venti e maree

Lontano di gia' si e' ritirato il mare E tu

Come alga dolcemente accarezzata dal vento

Nella sabbia del tuo letto ti agiti sognando

Demoni e meraviglie

Venti e maree

Lontano di gia' si e' ritirato il mare

Ma nei tuoi occhi socchiusi

Due piccole onde son rimaste

Demoni e meraviglie

Venti e maree

Due piccole onde per annegarmi.

Jacques Prevert

AL VIA IL CONTO ALLA ROVESCIA PER LA “10 KM DI CAPO S. ALESSIO” DEL 15 MAGGIO

 

L’importante manifestazione nazionale FIDAL (“bronze”) si sarebbe dovuta svolgere lo scorso 9 gennaio, ma, a causa della pandemia, la data è stata posticipata ed è stato scelto un periodo che si abbina perfettamente alle peculiarità climatiche e turistiche dell’incantevole località jonica.

Si è fatta attendere un pò, ma sarà ancora più affascinante la “10 km di Capo Sant’Alessio”, in programma domenica 15 maggio e valida come 6^ prova della 27^ edizione del

 

“Grand Prix Sicilia” di corsa su strada. L’importante manifestazione nazionale FIDAL (“bronze”) si sarebbe dovuta svolgere lo scorso 9 gennaio, ma, a causa della pandemia, la data è stata posticipata e si è optato per un periodo che si abbina perfettamente con le peculiarità climatiche e turistiche dell’incantevole Sant’Alessio Siculo. L’evento podistico è organizzato dall’Atletica Savoca della presidente Manuela Trimarchi, in sinergica collaborazione con il Comune di Sant’Alessio Siculo.

 

I partecipanti, che giungeranno da tutte le province dell’Isola, si confronteranno su un circuito “a bastone” di 2,500 km, omologato dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera, totalmente pianeggiante e ricavato sul lungomare. Lo dovranno percorrere quattro volte, godendosi un paesaggio mozzafiato, a pochi metri dalla spiaggia e davanti lo sfondo di Capo Sant’Alessio. La riunione giuria e concorrenti è fissata alle ore 8 nella zona antistante l’ufficio turistico del centro jonico (dove sarà possibile ritirare pettorali e pacchi gara).

 

Nelle vicinanze, verrà posto l’arco di partenza-arrivo; lo start alle ore 09.30, mentre la premiazione comincerà alle 10.45. E’ possibile iscriversi alla “10 km di Capo Sant’Alessio” fino a mercoledì 11 maggio (i presidenti delle società dovranno fare pervenire le mail entro le ore 24.00 all’indirizzo sicilia@tds.sport).

 

- Sant’Alessio Siculo è famosa nel mondo dell’atletica leggera per aver dato i natali ad Arturo Mastroieni, primo atleta siciliano a partecipare agli Europei e successivamente l’unico presente nel 1936 alle Olimpiadi di Berlino, dove corse i 5000 metri in 15’02”2, giungendo al sesto posto.

REGOLAMENTO SCARICARE QUI

Risultati Volkswagen Prague Marathon 2022: Kigen e Borecha si prendono i titoli- 8 maggio 2022

PRAHA, Repubblica Ceca — la in un fine settimana di corse su strada molto attivo. L’evento fa parte della serie 2022 World Athletics Label Road Races – Elite e ha visto delle ottime prestazioni nonostante le condizioni di corsa poco favorevoli nella Repubblica Ceca.

Norbert Kigen del Kenya ha vinto la gara maschile della Volkswagen Prague Marathon 2022 che si è svolta oggi, domenica (8) con un tempo di 2:07:54 e sebbene non sia stato in grado di sfidare il suo record personale di 2:05:13, stabilito ad Amsterdam nel 2017, il 29enne è stato felicissimo per aver migliorato il suo terzo posto dal 2021 quando ha segnato 2:10:27.Kelkile Gezahegn dell’Etiopia ha tagliato il traguardo al secondo posto in 2:08:30, mentre il suo connazionale Yitayal Atnafu Zerihun ha portato a casa il terzo posto al tempo di 2:08:44, migliorando il suo ottavo posto dello scorso anno quando ha segnato 2:11:58.

Una coppia di corridori kenioti, Edwin Kosgei e Ronald Korir hanno completato i primi cinque classificati con tempi rispettivamente di 2:08:58 e 2:09:52.

Nel frattempo, per quanto riguarda le donne, l’etiope Bekelech Gudeta Borecha ha rotto il nastro con un impressionante 2:22:56 prendendo più di un minuto dal suo precedente record personale nella sua quarta partenza in assoluto in una maratona.La 24enne ha partecipato alla gara della Volkswagen Prague Marathon 2022 con un PB di 2:24:51, realizzato a Barcellona, in Spagna, il 7 novembre 2021, ed è stata “molto felice” per la sua sorprendente prestazione nonostante il caldo .“Sono molto felice. Non mi aspettavo di correre in questo modo, quindi sono molto felice”, ha detto tramite un traduttore dopo aver migliorato il suo PB di un minuto e 55 secondi.

Purity Changwony del Kenya è arrivata al secondo posto con 2:25:11 dopo aver superato la stanca Sintayehu Hailemichael dell’Etiopia (2:25:21) negli ultimi metri.

Created By Correre.org

Created By Correre.org

Presidente MiletoMarathon e WebMaster Correre.org Salvatore Auddino

info@correre.org   3388306612