CORRERE.ORG E' IL PORTALE DEL RUNNER ...ATTENZIONE TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE SCARICABILI GRATUITAMENTE LE TROVERETE IN ARCHIVIO GENERALE NEL MENU' DI SINISTRA. ---- GARE NAZIONALI + CALABRIA DI APRILE--  22/04 B XXXVII^ Gara di Pasquetta - Trofeo Cassa Rurale Valsugana e Tesino km 11 STRADA Ospedaletto (TN)  22/04 B XXXI^ Maratonina Citta' di Prato km 21,097 STRADA Prato (PO)  25/04 B XXVIII^ 50km di Romagna km 50 ULTRAMARATONA Castel Bolognese (RA) 25/04 B IV^ Castiglione EcoRun km 12 TRAIL Conversano (BA)  25/04 B XLI^ Run in Seveso km 10 STRADA Seveso (MB)  25/04 B XXX^ Trofeo Morbegnese km 10 STRADA Morbegno (SO)  25/04 N XVIII^ Junior Meeting OUTDOOR Conegliano (TV)  25/04 N CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE ASSOLUTO e MASTER KM 50 km 50 ULTRAMARATONA Castel Bolognese (RA)  25/04 B I^ 21000 Vigne del Negroamaro km 21,097 STRADA Leverano (LE)  25/04 B III^ Rotary Club Oltrepo’ HM - ANNULLATA km 21,097 STRADA Stradella (PV)  25/04 N XVI^ Meeting Città di Acquaviva - ANNULLATA OUTDOOR Acquaviva Delle Fonti (BA)  27-28/04 N CAMPIONATI ITALIANI PENTATHLON dei LANCI MASTER INVERNALE OUTDOOR Pistoia (PT)  27/04 B I^ The Race - km 1,5 km 1,5 STRADA Carpi (MO)  27/04 B I^ The Race - km 10 km 10 STRADA Carpi (MO)  27-28/04 I XXXII Multistars - Trofeo Zerneri Acciai OUTDOOR Lana/lana BZ  27/04 N II^ Meeting EAP Catania OUTDOOR Catania (CT)  27/04 B XVI^ Mujalonga sul Mar km 10 STRADA Muggia (TS)  28/04 B VIII^ Chia 10 km 10 STRADA Chia - Domus De Maria CA  28/04 B V^ Mezza del Santo km 21,097 STRADA San Giovanni Rotondo (FG)  28/04 N Campionato Naz.le di Mezza Maratona UISP STRADA Terracina (LT)  28/04 B VI^ Maratonina del Vino km 21,097 STRADA Marsala (TP)  28/04 B IV^ La Corsa dei Record km 21,097 STRADA Caselle Torinese (TO) 28/04 B IV^ Val Bregaglia Trail km 42 - km 22 - km 8 TRAIL Chiavenna (SO)  28/04 S XX^ Padova Marathon km 42,195 STRADA Padova (PD)  28/04 S XI^ Padova Half Marathon km 21,097 STRADA Padova (PD)  28/04 B XII^ Mezza Maratona degli Ulivi Secolari - ANNULLATA km 21,097 STRADA Ostuni (BR)  28/04 B VIII^ Dieci chilometri del Manzoni 2019 km 10 STRADA Lecco (LC)  28/04 B VIII^ Chia21 Half Marathon km 21,097 STRADA Chia-domus De Maria CA  28/04 B X^ Taranto nel Cuore km 10 STRADA Taranto (TA)  28/04 N XXII^ Meeting Giovanile della Valsugana OUTDOOR Trento (TN)  28/04 N "C.D.S. DI MARCIA - Gr. SUD (ABR-MOL-CAM-PUG-CAL-BAS-SIC) : 3^ Prova (Pista): km 10 Sen/Pro M/F - Km 10 Jun M/F - km 10 Allievi - km 5 Allieve e TROFEO NAZIONALE DI MARCIA CADETTI - 2^ Prova (Pista): Km 5 C/i e Km 3 C/e" OUTDOOR Acquaviva Delle Fonti (BA) 28/04 B IV^ Gamba Buna Trail km 10 MONTAGNA Caino (BS)  28/04 B XX^ Flik Flok - ANNULLATA km 21,097 STRADA Caserta (CE)  28/04 N XVI^ Atletica Triveneta Meeting 1° Memorial Magali' Vettorazzo OUTDOOR Treviso (TV)  28/04 B III^ 6 Ore Coratina 6h ULTRAMARATONA Corato (BA)  28/04 S IX^ Sarnico Lovere Run km 25 STRADA Lovere (BG)  28/04 B X^ Stracittadina Massafrese km 10 STRADA Massafra (TA)  28/04 B XX^ Flik Flok - ANNULLATA km 10 STRADA Caserta (CE)  28/04 N C.D.S. ASSOLUTO DI CORSA - 2^ Prova: 10.000 su PISTA S/P/J - Fase Regionale (valida come Campionato Regionale Individuale Assoluto) + Campionato Regionale Individuale 30' ALLIEVI- 20' ALLIEVE entro il 28 aprile 2019 STRADA Sedi Varie --  28/04 N CAMPIONATI REGIONALI INDIVIDUALI ASS/PRO/JUN/ALL DI PROVE MULTIPLE E FASE REGIONALE DEL C.D.S. ALLIEVI DI PROVE MULTIPLE entro il 28 aprile 2019 OUTDOOR Sedi Varie --  28/04 B IX^ Conero Running km 21,097 STRADA Numana (AN)  28/04 N "C.D.S. DI MARCIA - Gr. CENTRO (TOS-MAR-UMB-LAZ-EMR) : 3^ Prova (Pista): km 10 Sen/Pro M/F - Km 10 Jun M/F - km 10 Allievi - km 5 Allieve e TROFEO NAZIONALE DI MARCIA CADETTI - 2^ Prova (Pista): Km 5 C/i e Km 3 C/e" OUTDOOR Roma RM  28/04 N "C.D.S. DI MARCIA - Gr. NORD (VDA-LIG-PIE-VEN-TN-BZ-FVG-LOM-SAR): 3^ Prova (Pista): km 10 Sen/Pro M/F - Km 10 Jun M/F - km 10 Allievi - km 5 Allieve e TROFEO NAZIONALE DI MARCIA CADETTI - 2^ Prova (Pista): Km 5 C/i e Km 3 C/e OUTDOOR S.d.d. -- ---------------------------- CALABRIA LE GARE DI APRILE 2019  19-20/04 R CRI PM All/Ass/Master - CdS Corsa su pista All 30'-20' Assoluti m.10000 OUTDOOR Reggio Calabria RC  25/04 R 37^ Corrireggio corsa su strada All/Ass/Mas km 12,5 circa STRADA Reggio Calabria RC  28/04 R Rotary Day 5^ edizione All/Ass/Mas Km 10 circa 1^ prova regionale CdS Master corsa su strada

LE GARE NAZIONALI DI APRILE 2019---------------  22/04 B XXXVII^ Gara di Pasquetta - Trofeo Cassa Rurale Valsugana e Tesino km 11 STRADA Ospedaletto (TN)  22/04 B XXXI^ Maratonina Citta' di Prato km 21,097 STRADA Prato (PO)  25/04 B XXVIII^ 50km di Romagna km 50 ULTRAMARATONA Castel Bolognese (RA) 25/04 B IV^ Castiglione EcoRun km 12 TRAIL Conversano (BA)  25/04 B XLI^ Run in Seveso km 10 STRADA Seveso (MB)  25/04 B XXX^ Trofeo Morbegnese km 10 STRADA Morbegno (SO)  25/04 N XVIII^ Junior Meeting OUTDOOR Conegliano (TV)  25/04 N CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE ASSOLUTO e MASTER KM 50 km 50 ULTRAMARATONA Castel Bolognese (RA)  25/04 B I^ 21000 Vigne del Negroamaro km 21,097 STRADA Leverano (LE)  25/04 B III^ Rotary Club Oltrepo’ HM - ANNULLATA km 21,097 STRADA Stradella (PV)  25/04 N XVI^ Meeting Città di Acquaviva - ANNULLATA OUTDOOR Acquaviva Delle Fonti (BA)  27-28/04 N CAMPIONATI ITALIANI PENTATHLON dei LANCI MASTER INVERNALE OUTDOOR Pistoia (PT)  27/04 B I^ The Race - km 1,5 km 1,5 STRADA Carpi (MO)  27/04 B I^ The Race - km 10 km 10 STRADA Carpi (MO)  27-28/04 I XXXII Multistars - Trofeo Zerneri Acciai OUTDOOR Lana/lana BZ  27/04 N II^ Meeting EAP Catania OUTDOOR Catania (CT)  27/04 B XVI^ Mujalonga sul Mar km 10 STRADA Muggia (TS)  28/04 B VIII^ Chia 10 km 10 STRADA Chia - Domus De Maria CA  28/04 B V^ Mezza del Santo km 21,097 STRADA San Giovanni Rotondo (FG)  28/04 N Campionato Naz.le di Mezza Maratona UISP STRADA Terracina (LT)  28/04 B VI^ Maratonina del Vino km 21,097 STRADA Marsala (TP)  28/04 B IV^ La Corsa dei Record km 21,097 STRADA Caselle Torinese (TO) 28/04 B IV^ Val Bregaglia Trail km 42 - km 22 - km 8 TRAIL Chiavenna (SO)  28/04 S XX^ Padova Marathon km 42,195 STRADA Padova (PD)  28/04 S XI^ Padova Half Marathon km 21,097 STRADA Padova (PD)  28/04 B XII^ Mezza Maratona degli Ulivi Secolari - ANNULLATA km 21,097 STRADA Ostuni (BR)  28/04 B VIII^ Dieci chilometri del Manzoni 2019 km 10 STRADA Lecco (LC)  28/04 B VIII^ Chia21 Half Marathon km 21,097 STRADA Chia-domus De Maria CA  28/04 B X^ Taranto nel Cuore km 10 STRADA Taranto (TA)  28/04 N XXII^ Meeting Giovanile della Valsugana OUTDOOR Trento (TN)  28/04 N "C.D.S. DI MARCIA - Gr. SUD (ABR-MOL-CAM-PUG-CAL-BAS-SIC) : 3^ Prova (Pista): km 10 Sen/Pro M/F - Km 10 Jun M/F - km 10 Allievi - km 5 Allieve e TROFEO NAZIONALE DI MARCIA CADETTI - 2^ Prova (Pista): Km 5 C/i e Km 3 C/e" OUTDOOR Acquaviva Delle Fonti (BA) 28/04 B IV^ Gamba Buna Trail km 10 MONTAGNA Caino (BS)  28/04 B XX^ Flik Flok - ANNULLATA km 21,097 STRADA Caserta (CE)  28/04 N XVI^ Atletica Triveneta Meeting 1° Memorial Magali' Vettorazzo OUTDOOR Treviso (TV)  28/04 B III^ 6 Ore Coratina 6h ULTRAMARATONA Corato (BA)  28/04 S IX^ Sarnico Lovere Run km 25 STRADA Lovere (BG)  28/04 B X^ Stracittadina Massafrese km 10 STRADA Massafra (TA)  28/04 B XX^ Flik Flok - ANNULLATA km 10 STRADA Caserta (CE)  28/04 N C.D.S. ASSOLUTO DI CORSA - 2^ Prova: 10.000 su PISTA S/P/J - Fase Regionale (valida come Campionato Regionale Individuale Assoluto) + Campionato Regionale Individuale 30' ALLIEVI- 20' ALLIEVE entro il 28 aprile 2019 STRADA Sedi Varie --  28/04 N CAMPIONATI REGIONALI INDIVIDUALI ASS/PRO/JUN/ALL DI PROVE MULTIPLE E FASE REGIONALE DEL C.D.S. ALLIEVI DI PROVE MULTIPLE entro il 28 aprile 2019 OUTDOOR Sedi Varie --  28/04 B IX^ Conero Running km 21,097 STRADA Numana (AN)  28/04 N "C.D.S. DI MARCIA - Gr. CENTRO (TOS-MAR-UMB-LAZ-EMR) : 3^ Prova (Pista): km 10 Sen/Pro M/F - Km 10 Jun M/F - km 10 Allievi - km 5 Allieve e TROFEO NAZIONALE DI MARCIA CADETTI - 2^ Prova (Pista): Km 5 C/i e Km 3 C/e" OUTDOOR Roma RM  28/04 N "C.D.S. DI MARCIA - Gr. NORD (VDA-LIG-PIE-VEN-TN-BZ-FVG-LOM-SAR): 3^ Prova (Pista): km 10 Sen/Pro M/F - Km 10 Jun M/F - km 10 Allievi - km 5 Allieve e TROFEO NAZIONALE DI MARCIA CADETTI - 2^ Prova (Pista): Km 5 C/i e Km 3 C/e OUTDOOR S.d.d. -- ---------------------------- CALABRIA LE GARE DI APRILE 2019  25/04 R 37^ Corrireggio corsa su strada All/Ass/Mas km 12,5 circa STRADA Reggio Calabria RC  28/04 R Rotary Day 5^ edizione All/Ass/Mas Km 10 circa 1^ prova regionale CdS Master corsa su strada

compleanno/birthdays

cumpleanos/anniversaires 

geburtstage                                               

Sono le di

Segnala questo sito Introduci la E-mail del destinatario

Nagano 21 APRILE 2019 Un ugandese per la prima volta vince la maratona di Nagano

 

L’ugandese Jackson Kiprop e l’etiope Meskerem Hunde hanno vinto la 21a edizione della Nagano Marathon.

La gara costante e di buon ritmo si è conclusa in 2:10:30, con passaggio alla mezza in 1:04:58. Kiprop ha vinto la competizione quando mancavano solo quattro al passaggio dei 30.

 

L’etiope Deresa Geleta è rimasto con lui fino alla fine, ma Kiprop ha avuto un vantaggio finale di 3 secondi su Geleta per diventare il primo vincitore ugandese di Nagano di sempre.Il tempo di 2:10:42 di Geleta gli è valso il PB, con il giapponese Naoya Sakuda (JR Higashi Nihon) che ha fatto cadere un altro PB, 2:11:21.

Hunde ha ottenuto una corsa ugualmente equilibrata per vincere la gara femminile in 2:33:44.

La favorita alla vigilia Valentine Kipketer è arrivata solo terza in 2:35:03 quasi un minuto davanti a un altra keniana, Pauline Wangui. In assenza della giapponese giapponese numero 1 Hiroko Yoshitomi (Memolead), Yumiko Kinoshita ha chiuso al quinto posto in 2:36:28.

 

RISULTATI PRINCIPALI

Uomini

1 Jackson Kiprop (UGA) 2:10:39

2 Deresa Geleta (ETH) 2:10:42

3 Naoya Sakuta (JPN) 2:11:21

4 Alfred Kering (KEN) 2:12:45

5 Asuka Tanaka (JPN ) 2:14:35

 

RISULTATI COMPLETI

Per conoscere la vostra posizione societaria cliccare sulla  Regione

Siamo forti maratoneti perchè siamo il piede dell’Italia

Donne

1 Meskerem Hunde (ETH) 2:33:32

2 Kebene Chala (ETH) 2:33:46

3 Valentine Kipketer (KEN) 2:35:03

4 Pauline Wangui (KEN) 2:36:02

5 Yumiko Kinoshita (JPN ) 2:36:28

 

 

Created By Correre.org

Tutte le edizioni della Normanna foto video montepremi

Doppio record nella maratona del Fiume giallo in Cina

 

Felix Kimutai e Afera Godfay, rispettivamente dell’Etiopia e del Kenya, hanno fatto registrare i record della maratona internazionale sull’estuario del fiume Giallo nella città cinese di Dongying.

 

Il trentunenne Kimutai si è assicurato la vittoria in 2:09:23, battendo il record della corsa di 2:09:27 stabilito dal connazionale Dickson Kipsang Tuwei nel 2016. Kimutai ha anche migliorato il suo precedente PB di 2:09:57, realizzato durante la sua vittoria a Istanbul lo scorso anno.

 

Kebede, vincitore della Rabat Marathon con 2:08:27 PB, è arrivato secondo 15 secondi dietro al vincitore in 2:09:38, mentre il 28enne Ruto è arrivato terzo in 2:09:43. Seconda prestazione personale che ha stabilito a Roma due anni fa.

La 27enne Godfay ha battuto la favorita Waganesh Mekasha celebrando il suo primo titolo di maratona fin dal debutto sulla distanza classica nel 2015. Godfay ha anche migliorato il PB di 2:23:45 del quarto posto a Shanghai lo scorso anno con una vittoria di 2:22:41.

 

Mekasha ha terminato in 2:23:19 finendo seconda nella prima gara in cui non ha migliorato il suo PB dalla sua vittoria alla Singapore Marathon nel 2014.

Truphena Chepchirchir del Kenya ha chiuso terza in 2:27:52, migliorando il suo PB di 19 secondi.

La tredicesima edizione della gara, che si svolgeva di solito a maggio, è stata organizzata in condizioni fresche e ventilate con una temperatura che oscillava tra i 13-19 gradi e l’umidità intorno al 50%.

 

Muore runner di 35 anni che partecipava alla Two Oceans Marathon

 

Gli organizzatori della Maratona dei due oceani (Two Oceans Marathon) hanno confermato che un partecipante di sesso maschile è morto oggi sabato.

Un comunicato stampa ha rivelato che l’uomo, che aveva 35 anni, è crollato mentre partecipava alla sua quarta mezza maratona.

“I tentativi dei paramedici di rianimarlo non hanno avuto successo, purtroppo è morto e, in qualità di organizzatori della Maratona dei due oceani, desideriamo porgere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici del defunto”, hanno detto gli organizzatori.

Per la cronaca, il tre volte vincitore della maratona, il sudafricano Bongmusa Mthembu ha vinto l’ultra-maratona maschile in un tempo di 03:08:40, mentre Gerda Steyn ha trionfato nella prova femminile in 03:31:29.

All’inizio della giornata, nei 21 km della mezza maratona, Elroy Galant ha conquistato il primo posto nella gara maschile con un tempo di 01:03:20, mentre Helaila Johannes della Namibia ha vinto la gara femminile con 1: 10:30.

 

Ogni mattina,

alzandoti, e ogni sera, prima di andare a dormire, ringrazia la vita dentro di te e per la vita tutta, per tutte le buone cose che il Creatore ha dato a te e agli altri, e per l’opportunità di crescere ogni giorno di più. Considera quanto hai fatto e pensato nel corso del giorno e chiedi il coraggio e la forza di diventare una persona migliore. Cerca quanto puo’ essere beneficio a tutti.

Rispetto. Rispetto significa:”sentire o dimostrare onore o stima per qualcuno o per qualcosa; considerare il benessere degli altri o trattare qualcuno o qualcosa con deferenza e cortesia”. Mostrare rispetto è un principio di base nella vita: tratta in ogni circostanza ogni persona, dal più piccolo bimbo al più maturo degli anziani, con rispetto

 

Dossena cresce anche sui 10 km, 32:17 a Torino 14 Aprile 2019

L'azzurra di maratona toglie quasi un minuto al personale alla T-Fast 10k La Velocissima: "Ora mi concentro su distanze più brevi in vista della Coppa Europa dei 10.000"

Missione compiuta per Sara Dossena alla T-Fast 10k La Velocissima con partenza dal centro di Torino e traguardo alla Palazzina di Caccia di Stupinigi (Nichelino). Sul percorso completamente rettilineo, l’azzurra di maratona ha frantumato di quasi un minuto il personale sulla distanza dei 10 chilometri, chiudendo con il crono di 32:17 al secondo posto alle spalle della keniana Caroline Makandi Gitonga (32:02).

 

Sulle strade piemontesi, la campionessa italiana della specialità si presentava con un PB di 33:13 stabilito lo scorso anno a Dalmine in occasione della rassegna tricolore e il miglioramento odierno è una nuova conferma del periodo favorevole che sta vivendo, in una giornata da considerare come un’altra tappa in vista degli appuntamenti principali dell’anno, tra cui spiccano i Mondiali di Doha (27 settembre-6 ottobre), ai quali la 34enne bergamasca del Laguna Running si affaccerà con il tempo di 2h24:00 sfoderato alla maratona di Nagoya il 10 marzo.

 

"VOLEVO SCENDERE SOTTO I 33 MINUTI" - “È andata bene, quando si migliora il personale si è sempre soddisfatti - le parole dell’azzurra allenata da Maurizio Brassini - non è stato facile tenere certi ritmi (passo da 3:13 al chilometro, ndr) e posso dire di aver faticato più che in maratona.

Dopo un buon passaggio ai 5 km, sotto i 16 minuti, ho un po’ ceduto nel finale, in lieve salita, ma sono molto contenta perché volevo scendere sotto i 33 minuti e ce l’ho fatta.

 

Giornata e percorso erano ideali: una decina di gradi e giusto un filo di vento, un tracciato molto regolare senza cambi di direzione che certamente mi ha agevolato”.

Dossena guarda già ai prossimi impegni: “Correrò a Padova la mezza maratona tra due settimane, domenica 28 aprile, e poi sarò di nuovo sui 10 km a Manchester il 19 maggio. In questo momento la preparazione è focalizzata su distanze più brevi perché voglio partecipare alla Coppa Europa dei 10.000 in pista a Londra il 6 luglio”.

Al femminile, terzo posto per Rebecca Lonedo (Atl. Vicentina) con il personale di 33:59, successo tra gli uomini per Omar Bouamer (Polisportiva Sant’Orso Aosta), 29:50.

 

Il tempo inizialmente assegnato a Sara Dossena (32:15) è stato corretto in 32:17.

 

- RISULTATI/Results

Risultati Maratona Parigi: vincono Abrha Milaw e Gelete Burka

La 43ª edizione della Maratona di Parigi si è corsa oggi domenica con un record di 60.000 iscritti che hanno partecipato alla corsa attraverso le strade immerse nei monumenti della capitale francese.

Atleti in sedia a rotelle e corridori di tutto il mondo sono partiti dagli Champs-Elysées dopo le 8 di mattina di una fredda (2 ° C) e domenica mattina senza nuvole a Parigi. Il percorso di quest’anno si e snodato verso est attraverso la capitale francese fino al Bois de Vincennes, attorno il parco boscoso, e poi a ovest attraverso il cuore della città, lungo la Senna sulla riva destra, oltre il Louvre e la Torre Eiffel, e attraverso il Bois de Boulogne.

Al maschile vince Agath Milaw (ETH) con il crono di 2:07:05 davanti al connazionale Asefa Mangitsu in 2:07:25. Solo terzo il favorito e vincitore delle ultime edizioni, il keniano Paul Lonyangata che chiude in 2:07:29.

Al femminile tripletta etiope con Gelete Burka 2:22:47, Azmera Gebru (ETH) 2:22:52 e Azmer Abreha (ETH) 2:23:35

 

Risultati Uomini

1. Abrha Milaw (ETH) 2:07:05

2. Asefa Mangitsu (ETH) 2:07:25

3. Paul Lonyangata (KEN) 2:07:29

4. Morris Gachaga (KEN) 2:07:46

5. Barselius Kipyego (KEN) 2:07:58

6. Polat Arikan (TUR) 2:08:14

7. Yitayal Atnafu (ETH) 2:08:31

8. Morhad Amdouni (FRA) 2:09:14

9. Hillary Kipsambu (KEN) 2:11:53

10. Nicolas Navarro (FRA) 2:11:53

Legami - potrò ancora cantare -

Scacciami - il mio mandolino

Risuonerà sincero, dentro -

Uccidimi - e la mia Anima salirà

Inneggiando in Paradiso -

Ancora tua -

Emily Dickinson

 

E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l'immensità dell'Oceano, ed il volgere degli astri.e si dimenticano di se medesimi

(Sant'Agostino)

 

Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia

(A.Karr)

 

Dovunque l'uomo voglia vendersi trova degli acquirenti

(Henri Lacordaire)

 

E' mia ambizione dire in dieci frasi quello che altri dicono in interi volumi

(Friedrich Nietzsche)

 

E' curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore

Giacomo Leepardi)

Risultati Donne

1. Gelete Burka (ETH) 2:22:47

2. Azmera Gebru (ETH) 2:22:52

3. Azmera Abreha (ETH) 2:23:35

4. Clemence Calvin (FRA) 2:23:41

5. Sally Chepyego (KEN) 2:23:54

6. Pascalia Kipkoech (KEN) 2:26:05

7. Zefrie Limeneh (ETH) 2:26:49

Risultati Rovigo Half Marathon, vincono Mwangi e Jeruto , terza Federica Zenoni

 

La Rovigo Half Marathon è stata una festa di colori nonostante il tempo non promettesse niente di buono. Basse temperature ed una leggera pioggia non ha rovinato la festa dei runner, in migliaia hanno voluto prendere parte alla quinta edizione promossa da RovigoBanca domenica 14 aprile.

Imponente il sistema di sicurezza, anche se qualche automobilista indisciplinato, nonostante i divieti, ha lasciato l’auto parcheggiata lungo il percorso cittadino.

Dominio keniano come da pronostico, 21 chilometri e spiccioli tutti d’un fiato per la quinta edizione della Rovigo Half Marathon. 1:04:24 il tempo di Joel Maina Mwangi (Asd Dinamo Sport) che si è aggiudicato la mezza maratona sotto una leggera pioggia e con una temperatura al di sotto delle media del periodo. Secondo con 1:04:33 Henry Kimani Mukuria (Run2gether) che ha battuto in volata il compagno di squadra Evans Kiprop Kiptum.

Jeruto Ivvne Lagay (#Iloverun Athletic Terni) è la vincitrice Rovigo Half Marathon 2019 con il nuovo record di 1:12:41, seconda Lenah Jerotich (Atletica 2005) con 1:12:48, terza Federica Zenoni (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) con il tempo di 1 ore 1:16:00. Classe 1997, azzurrina del cross e dei 3000 siepi, bronzo under 23 ai campionati italiani 2018 dei 10.000 metri, è stata la prima italiana a tagliare il traguardo.

Grade partecipazione di tutta la città anche nelle non competitive di 5 e 10 chilometri, se alla partenza della mezza maratona gli iscritti erano circa un migliaio, nel complesso in corso del Popolo c’erano oltre tre mila persone.

 

Risultati/Result

Risultati: 2019 Linz Marathon – Domenica 14 aprile

Di seguito abbiamo riportato i migliori risultati della Linz Marathon 2019 andata in scena nella Città austriaca oggi Domenica 14 aprile.

 

Le migliori donne

1. Moser, Cornelia (AUT) 2:40:03

2. Freitag, Karin (AUT) 2:44:11

3. Stepan, Nikolina (CRO) 2:46:53

4. Riffel, Sarah (AUT) 2:51 : 18

5. Neumayer, Bettina (AUT) 2:58:32

6. Berisa-Klusoczki, Diana (KOS) 3:05:14

7. Kóbor, Andrea (HUN) 3:05:46

8. MA Aigner, Miriam ( AUT) 3:06:57

9. Holzmann, Anna (AUT) 3:07:06

10. Maderthoner, Andrea (AUT) 3:08:26

RISULTATI COMPLETI

Top uomini

1. Kesete, Merhawi (ERI) 2:09:06ripo et

2. Chemonges, Felix (UGA) 2:09:19

3. Rotich, Nicholas (KEN) 2:11:24

4. Shumie, Gadisa Birhanu (ETH) 2: 13:52

5. Koech, Alfred Kipkemboi (KEN) 2:17:45

6. Mwaniki, Samuel Theuri (KEN) 2:17:48

7. Cheruiyot, Patrick Kibet (KEN) 2:18:12

8. Kipruto, Brimin (KEN) 2:19:23

9. Roach, Thomas (GBR) 2:24:06

10. Kresnik, Christian (AUT) 2:24:32

 

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

 

~ Kahlil Gibran ~

Sorpresa El Otmani nella mezza: 1h01:31 14 Aprile 2019

 

Il portacolori dell'Esercito è secondo sui 21,097 km della Lago Maggiore Half Marathon con il miglior tempo italiano degli ultimi 6 anni: "Tanti infortuni, oggi ricomincia la mia carriera"

Ottimo risultato per Said El Otmani (Esercito) nei 21,097 km della Lago Maggiore Half Marathon. Sul traguardo di Stresa (Verbano Cusio Ossola) il 27enne di origine marocchina si è nettamente migliorato nella mezza maratona con il tempo di 1h01:31, terminando la prova al secondo posto, a 23 secondi dal vincitore Elvis Chebor Tabarach (1h01:08). Per ritrovare un italiano più veloce sulla distanza bisogna tornare indietro di sei anni, alla mezza maratona corsa da Daniele Meucci in 1h01:06 nel marzo del 2013. El Otmani, quest’anno vincitore della Corsa di Miguel a Roma in gennaio, compie dunque un deciso balzo in avanti per avvicinare la top 10 di sempre della specialità.

“È UN NUOVO INIZIO” - Per El Otmani, arrivato in Italia nel 2001 con i genitori, i tre fratelli e una sorella, in provincia di Salerno a Montecorvino Rovella, finalmente una soddisfazione dopo un lungo infortunio che lo ha costretto ai box per circa un anno. Trasferitosi a Torino, ora si allena con Gianni Crepaldi: “Nella mia carriera ho avuto tanta sfortuna - ricorda El Otmani, già campione italiano nel 2015 nei 3000 indoor e nei 10.000 su pista - non sono mai riuscito a trovare continuità e ad esprimermi al meglio. È stato sempre il mio più grande problema. Oggi finalmente posso dire di aver ricominciato a fare atletica. Dallo scorso settembre ho ripreso ad allenarmi dopo circa un anno di stop per la frattura al piede destro del settembre 2017. Ho cambiato allenatore e con Gianni Crepaldi abbiamo deciso di allungare, di provare distanze maggiori e di preparare questa mezza maratona. Era la prima volta che ne correvo una dopo aver curato una preparazione specifica: quelle corse in passato erano soltanto allenamenti. Il percorso era molto veloce, lunghi rettilinei e poche curve. Sono stato nel gruppo dei keniani fino al km 4, quando è partito il vincitore. Il distacco è rimasto invariato fino agli ultimi chilometri, ho perso soltanto qualcosa nel finale. Il futuro? Dovremo riflettere: decideremo se passare definitivamente su strada, o provare a misurarci ancora con la pista”.

 

- RISULTATI/Results

Charlie Chaplin

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita

prima che l’opera finisca senza applausi…

Oltre 8 mila runner alla Mezza di Genova: un successo anche la 15esima edizione

A vincere il keniota Dickson Simba Nyakundi con un tempo di 1.04.40

Genova. Il rischio pioggia non ha spaventato i runner accorsi in oltre 8 mila per correre la Mezza di Genova e le due gare più brevi, la Corri Genova e la Family Run. Una corsa fresca e sferzata via via dal vento di tramontana ma che ha regalato sorrisi e divertimento per tutti. E il nuovo percorso sembra essere piaciuto molto a giudicare dai commenti sui social.

E così anche quest’anno la gara podistica più famosa sotto la Lanterna, giunta quest’anno alle 15° edizione, è stata un successo.

Immensa soddisfazione della Podistica Peralto Genova per il grandissimo interesse suscitato dall’evento fra gli sportivi e in città. “Migliaia di iscritti in tutte e tre le corse – dichiara il Presidente della Podistica Peralto Mauro Semonella – è stato un grande successo che ha premiato il grande sforzo organizzativo che da mesi ci impegna. La dimostrazione lampante che La Mezza di Genova è un grande evento sportivo e soprattutto è una manifestazione molto sentita dall’intera città. Il nostro pensiero corre già alla prossima edizione ad aprile 2020.”

Metinvest, gruppo internazionale minerario e metallurgico e main sponsor della manifestazione, ha partecipato alle gare con suoi dipendenti, provenienti dalle aziende del gruppo situate in Italia, Ucraina, Bulgaria.

Oltre 8.000 persone hanno invaso le vie di Genova con la Mezza Maratona (21,097 km), Corri Genova (13 Km) e la Family & Dog Ru. Ancora una volta una grande festa di sport, colori e musica. Molto apprezzato anche il Metinvest Village nella centralissima Piazza De Ferrari con il Palco Eventi.

L’emozione di questa grande festa dello sport è di veder partire sotto lo stesso portale del Porto Antico i top runner kenioti che percorrono 21 km in poco più di un’ora e tante famiglie con bambini e cani.

L’appuntamento è per aprile 2020 per la 16° edizione! Rsultati completi

 

Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,

l'intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.

Siamo stati messi al mondo

assieme ai nostri fratelli e sorelle,

con quelli che hanno quattro zampe,

con quelli che volano e con quelli che nuotano.

Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d'erba,

formano con noi una grande famiglia.

Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.

Nicolò Petrin e Sharon Giammetta illuminano il 4^ CMP Venice Night Trail

 

Venezia, 14 aprile 2019 – Chi pratica trail running vive l’agonismo con spirito diverso e così anche ieri sera il CMP Venice Night Trail ha visto tagliare il traguardo a due atleti arrivati per mano del Tornando Trail Running Team: si tratta di Nicolò Petrin e Mirko Miotto. Lo stesso gesto di “fair play” si era visto lo scorso anno con Simone Gobbo e Diego Avon, anche loro compagni dello stesso team veneto, e anche loro arrivati a braccetto.

“L’amicizia in manifestazioni come questa, viene prima di tutto. Abbiamo corso tutta la gara assieme e abbiamo deciso di tagliare assieme anche il traguardo” – ha commentato subito all’arrivo Mirko Miotto, finito poi secondo nella classifica ufficiale.

Il vincitore Nicolò Petrin (25 anni) è un atleta di casa, vive a Santa Maria di Sala (Ve) e alterna gara di trail a corse su strada. Nel 2018 è arrivato quarto ai Campionati Italiani di Trail. Fino a qualche anno fa era un ciclista semi professionista ma poi ha scelto di lasciare le due ruote per la corsa a piedi di lunga distanza e il prossimo 27 ottobre sarà al via della 34^ Huawei Venicemarathon. “La gara è stata bellissima perché Venezia di sera ha un fascino incredibile. Tra pochi mesi calcherò di nuovo questi ponti nella Venicemarathon e non vedo l’ora”.

Petrin e Miotto hanno completato i 16 chilometri di percorso e i 51 ponti presenti in gara in 57’26”. Completa il podio maschile Nicola Costantini, altro atleta del team Tornado, che ha corso in 58’10”.

La gara femminile ha incoronato invece Sharon Giammetta (22 anni), la giovane atleta della Coin Mestre, già seconda lo scorso anno al Venice Night Trail e allieva dalla ex azzurra di maratona Giovanna Volpato. Sharon, studentessa di architettura, vive a Riva del Garda (TN), ama i cross dove è giunta nona ai recenti Campionati Italiani Assoluti di cross corto. “Questa è la mia terza partecipazione al Venice Night Trail – commenta la Giammetta – nel 2017 ho partecipato alla non competitiva perché avevo appena iniziato a correre, lo scorso anno sono arrivata a sorpresa seconda e quest’anno è arrivata addirittura la vittoria. Sono molto contenta”. Sharon Giammetta ieri sera ha corso in 1h04’29”, circa due minuti più veloce dello scorso anno. Alle sue spalle sono arrivate Francesca Tonin e Laura Castellani.

 

Siamo a 300 grazie a v oi

Siamo donne uomini e marziani

Siamo il coraggio

che ti fa cominciare

la passione per continuare

la sfida con te stesso

Siamo le gocce di sudore

le lacrime di gioia

il bacio alla terra di Gelindo

il pugno al cielo di Stefano

Siamo i master pieni di futuro

i chili che hai perso

i compagni di strada

che altrimenti

non avresti conosciuto

Siamo borracce, canfora

e pipì dietro gli alberi

Siamo la tua prima maratona

e non saremo l'ultima

neve, deserto, pietr e città

e polvere di pioggia

e rispetto dell'avversario

Siamo albe

di colazioni al miele

buio di sentieri da trail

tende e veglie nella 24 ore

scarpe che non vuoi

ti buttino via

siamo bottega amara

di cortesia

Siamo domande, dubbi,

perchè, errori, infortuni

Siamo e saremo solo

tempi di passaggio.

Lo spettacolo di questa quarta edizione del CMP Venice Night Trail, organizzata da Venicemarathon, si è acceso alle ore 21, quando un fiume di persone ha illuminato con lampade frontali e tanto entusiasmo l’area portuale di San Basilio, zona di partenza e arrivo della gara. Dopo il via, gli atleti, come tante lucciole luminose, si sono dispersi nel buio delle calli, dando vita ad un vero e proprio serpentone luminoso che ha abbracciato le zone più suggestive di Venezia, con passaggi sul ponte di Calatrava, in Piazza San Marco, sul ponte dell’Accademia e alla Basilica della Salute. Per chi l’ha vissuta è stata una manifestazione dal fascino incredibile. 3.265 sono stati i finisher e il carosello degli arrivi è andato fin oltre la mezzanotte. Lungo il percorso, gli atleti sono stati più volte invitati ad adottare comportamenti responsabili e rispettosi nei confronti della città, dei suoi abitanti ma l’elevatissimo numero di concorrenti qualche disagio l’avra causato e gli organizzatori si scusano in anticipo per questo. Con questa edizione il CMP Venice Night Trail si attesta ad essere un evento internazionale che genera indotto economico, con un’alta percentuale di atleti stranieri e circa il 70% atleti da fuori regione.

 

Grande soddisfazione in casa Venicemarathon per l’ennesimo successo di questa manifestazione, nata solo 4 anni fa, ma davvero di grande richiamo. E l’emozione trapela dalle parole del presidente Piero Rosa Salva “Ieri sera abbiamo vissuto un’edizione strepitosa. Il Terminal Passeggeri ha accolto 3500 atleti ed è stato un continuo e festoso passaggio di persone di tutte le nazionalità. L’Inno di Mameli suonato poco prima della partenza, così come lo spettacolo di luci in movimento, sono stati come sempre di grandissima suggestione e il serpentone di atleti sembrava non finire più. Non mi resta che ringraziare l’Amministrazione Comunale, il title sponsor CMP, l’Autorità Portuale per averci ospitati, le Forze dell’Ordine e tutte le aziende che supportano questo evento, la Croce Verde, la Protezione Civile e i tantissimi volontari come sempre al nostro fianco”.

 

Il CMP Venice Night Trail è un evento dai grandi numeri. I volontari schierati sul percorso a tutela degli atleti e dei pedoni sono stati oltre 300 e altrettanti 200 suddivisi tra consegna pettorali, ristori, deposito borse e consegna pacchi gara. Imponente è stato anche il servizio medico sanitario della Croce Verde e in gara c’erano 12 persone del team BLS tra medici infermieri e soccoritori con certificato di Basic Life Support. Il Venice Running Village ha occupato uno spazio di 3000 metri quadri. Qui sono stati distribuiti: 10.000 litri d’acqua San Benedetto, 3.000 litri di sali minerali e 4.000 barrette energetiche Pro Action, 5.000 birre Bavaria, 5.000 succhi Zuegg, 100.000 grissini Bertoncello, 20.000 biscotti Palmisano, 5.000 banane e 4.000 arance, 5.000 magliette tecniche CMP, 4.000 sacche portaindumenti Air France.

 

La manifestazione è stata organizzata da Venicemarathon con il fondamentale supporto dell’Amministrazione Comunale di Venezia e dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale e VTP.

 

Hanno supportato l’evento: CMP, Pro Action, Radio Deejay, San Benedetto, Supermercati Alì, Masters, Bavaria, Bertoncello, Palmisano, Zuegg, Pica; Castellano Vigilanza, Interparking. Il CMP Venice Night Trail rientra nel progetto #EnjoyRespectVenezia e nel ricco calendario di

Roma 07 Aprile 2019: "Maratona di Roma" doppietta Etiopia, al femminile è record 07 Aprile 2019

Acea Maratona Internazionale corsa a lungo sotto la pioggia: tra le donne trionfa Megertu (2h22:52), al maschile successo per Heyi (2h08:37). Soufyane quarta, ritirato Meucci

L’aveva annunciata alla vigilia e l’impresa è riuscita. Alla XXV Acea Maratona Internazionale di Roma, corsa per lunghi tratti sotto la pioggia, è caduto il primato femminile dei 42,195 km della Capitale: il risultato di giornata lo ha firmato la 22enne etiope Alemu Megertu, che con 2h22:52 ha limato un secondo al record della manifestazione che resisteva dal 2008 (2h22:53 della russa Galina Bogomolova) e ha abbassato di oltre cinque minuti il personale sulla distanza. Megertu ha preceduto l’altra etiope, più esperta, Muluhabt Tsega, seconda in 2h26:41, e un’altra connazionale, Chaltu Negesse (2h30:45).

 

Quarto posto per l’azzurra Laila Soufyane (Esercito) che è rientrata in maratona dopo due anni e mezzo con 2h34:54.

 

La doppietta etiope è stata completata dal successo maschile di Tebalu Zawude Heyi, primo sul traguardo dei Fori Imperiali con 2h08:37 davanti agli altri due etiopi Tesfa Wokneth (2h09:17) e Yihunilign Adane (2h09:53). L'azzurro Daniele Meucci (Esercito) è stato costretto al ritiro per problemi fisici dopo aver percorso 33 chilometri, e il primo degli italiani al traguardo è stato di nuovo Ahmed Nasef (11°, Atletica Desio) per la terza edizione consecutiva (2h16:57).

 

 

UOMINI - La pioggia disturba soprattutto la prima mezz’ora di gara. Ne escono passaggi al 5° km di 15:18, al 10° di 30:29 e al 15° di 46:07. Alla mezza (1h04:57 e una proiezione intorno alle due ore e dieci) resta insieme un drappello di una quindicina di uomini, con Daniele Meucci attento (1h05:04) e sempre sulla scia dei migliori, scortato dal compagno di club Najibe Salami che si ferma intorno al km 25. Ma non è la giornata che sperava il campione europeo di Zurigo 2014: perde contatto dal plotone dei favoriti al km 27, complice un problema di stomaco, quando gli altri, lì davanti, cominciano a fare sul serio. Il lavoro dell’ultimo pacer Mburugu finisce al km 32 ed è proprio a dieci chilometri dal termine che inizia il corpo a corpo tra i protagonisti. Si forma un gruppo di cinque etiopi: Heyi, Babo, Teshome, Adane e Wokneth.È al 36esimo chilometro che Heyi rompe gli indugi, in progressione saluta la concorrenza e si invola verso il traguardo.

 

Lo sport, va da dire che le discipline sportive sono tante, di sicuro il loro papà si chiama sport ed è il proprietario di tutte le attività psico- fisiche. Quando si intraprende una disciplina, si entra far parte di un mondo diverso, un mondo fatto di regole e di rispetto, un mondo che ti matura dentro l'anima e ti fa sopportare fatiche immense,un mondo che ti ricompensa con momenti di vera felicità, è come il contadino quando ara la terra e semina, all'inizio è sofferenza e stanchezza ma poi arriva il tempo del raccolto dei frutti; chi ha seminato bene raccoglie frutti buoni. Quando sono arrivato qui a mileto non avevo né terra né alberi da frutto, allora, ho pensato che bisognava seminare qualcosa e così ho fatto; ho seminato quello che la vita mi ha insegnato ossia amare la natura, vivere lo sport come stile di vita, avere rispetto delle cose e degli altri, e così, anche io, mi ritrovo a raccogliere i frutti della mia semina che si chiamano amicizia, amore, fraternità; cose che ultimamente sono diventate una merce molto rara. Se non avessi divulgato lo sport ,oggi , non avrei avuto gli amici che ho, che mi fanno sentire importante e mai solo, sono fiero di loro e ne ho molta stima; questa ricchezza va conservata gelosamente e anche se a volte abbiamo opinioni diverse, è bene,perché ciò serve a cementare e a far diventare sempre più forte il legame che ci unisce. Tutto ciò però, non è farina del nostro sacco ma semplicemente lo sport che ci ha uniti, padre buono dei valori importanti della nostra vita sociale. Salvatore Auddino 30 gennaio 2009

DONNE - Tutto come previsto: è gara a due tra le donne, con le favorite etiopi Tsega e Megertu che partono con decisione (33:45 dopo 10 km), alla mezza “girano” a 1h11.11, con una proiezione sotto il record femminile. Dopo il 35° chilometro la più giovane delle due, Alemu Megertu (fin qui un personale di 2h28:08 realizzato a Shanghai nello scorso novembre) cambia passo e resta sola al comando. Corsa rotonda ed efficace, per presentarsi ai Fori Imperiali in piena linea con il record, poi battuto di un secondo. L’azzurra Soufyane stringe i denti, passa alla mezza in 1h16:19 e chiude in 2h34:54 recuperando un paio di posizioni prima del km 40.

LE PAROLE DEI VINCITORI - Alemu Megertu: “Il meteo non mi ha dato fastidio, devo ringraziare il mio manager per tutto quello che ha fatto per me. Ringrazio Dio: mi ha portato a vincere questa maratona, sono veramente fortunata. Ho spinto molto fino all’arrivo perché credevo nel record. Con il prize money comprerò una casa... e se avanza qualcosa anche un'automobile”. Tebalu Zawude Heyi: “Sono felicissimo, non mi aspettavo di vincere. È stato difficile perché i sampietrini erano molto scivolosi per la pioggia. Volevo un crono da 2h07 però le condizioni meteo non sono state a mio favore. Vengo da Addis Abeba e ho due bambini, voglio dedicarmi tanto a loro”.

18.000 ALLA STRACITTADINA - Sono stati 18.000 i partecipanti della Stracittadina non competitiva (5 km) con partenza da piazza Venezia e arrivo al Circo Massimo. Il primo uomo arrivato è Juan Negreira, la prima donna è la portacolori dell’Athletica Vaticana Sara Carnicelli.

IN TV - L’Acea Maratona Internazionale di Roma sarà trasmessa domenica 7 aprile in differita su RaiSport alle 22.40.

 

- RISULTATI/Results       Regolamento e monte premi

 

di Nazareno Orlandi

 

Milano va forte: battuti i due primati  07 Aprile 2019

I keniani Ekiru (2h04:46) e Kiplagat (2h22:25) corrono il miglior tempo di sempre in una maratona italiana, settimo La Rosa (2h14:16) nella 42,195 chilometri del capoluogo lombardo

Un doppio record alla 19esima Generali Milano Marathon, con la gara più veloce di sempre in Italia tra gli uomini e anche al femminile.

 

Il keniano Titus Ekiru vola in 2h04:46 per demolire il primato della manifestazione. Quasi due minuti e mezzo in meno rispetto al tempo di 2h07:13 con cui il connazionale Edwin Koech, oggi terzo, due anni fa si era aggiudicato il successo nel capoluogo lombardo, finora il miglior crono della storia sul suolo nazionale nei 42,195 chilometri. Seconda vittoria consecutiva a Milano per la keniana Vivian Kiplagat con 2h22:25, battendo il 2h24:59 di Margaret Okayo datato 2002 oltre che il limite italiano “all comers” stabilito a Roma.

 

Nella gara maschile, sotto una pioggia intermittente, solo Kenya sul podio con Evans Koech (2h07:22) secondo davanti a Edwin Koech (2h08:24). Al settimo posto Stefano La Rosa che chiude in 2h14:16. Il grossetano dei Carabinieri, con una flessione nel finale, resta a tre minuti dal personal best (2h11:08 nella scorsa stagione a Siviglia) e precede il 23enne emiliano Alessandro Giacobazzi (Aeronautica), ottavo in 2h17:45. La vincitrice tra le donne si rende protagonista di una gara in solitaria, con più di dieci minuti di vantaggio sull’altra keniana Joan Kigen Jepchirchir (2h32:32), mentre è terza l’etiope Ayelu Abebe Hordofa (2h37:50) che si lascia alle spalle la croata Nikolina Sustic, campionessa mondiale dei 100 km, quarta con il personale di 2h38:47.

 

Risultati/Result

Rotterdam: Epis ancora al personale 07 Aprile 2019

 

Nella maratona olandese, la veneta dei Carabinieri ritocca il suo primato di oltre mezzo minuto con il sesto posto in 2h29:10

Continuano i progressi di Giovanna Epis nella maratona.

 

La veneziana dei Carabinieri firma il record personale in 2h29:10 a Rotterdam, dove si piazza al sesto posto, e si migliora ancora alla settima esperienza della carriera sui 42,195 chilometri. Una distanza che l’ha sempre vista crescere in tutte le gare disputate, fino al risultato di oggi con cui toglie più di mezzo minuto al 2h29:41 del febbraio 2018 a Siviglia. Nella scorsa estate aveva invece dovuto rinunciare agli Europei di Berlino per un problema fisico. Anche stavolta va a segno, con una prima parte più veloce passando in 1h13:52 alla mezza maratona e un ritmo di circa 3:30 al chilometro.

Ma per oltre metà corsa la trentenne veneta che vive a Legnano (Milano), allenata da Giorgio Rondelli, si trova da sola e senza avversarie di riferimento, calando soprattutto dal 30° km in avanti con un’andatura che diventa di 3:36 ogni mille metri.

 

Vittoria nella città olandese all’etiope Ashere Bekele in 2h22:55, davanti alle keniane Stella Barsosio (2h23:34) e Aliphine Tuliamuk (2h26:48), mentre l’azzurra è la prima delle europee al traguardo.

Chiesi a Dio...

di essere forte per eseguire progetti grandiosi:

Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse la salute

per realizzare grandi imprese:

egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto:

mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere

perché gli uomini avessero bisogno di me:

egli mi ha dato l'umiliazione

perché io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita:

mi ha lasciato la vita

perché potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello

che chiedevo,

ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno

e quasi contro la mia volontà.

Le preghiere che non feci furono esaudite.

Sii lodato; o mio Signore,

fra tutti gli uomini

nessuno possiede quello che ho io!

Kirk Kilgour

Dossena rientro ok alla mezza di Madrid  07 Aprile 2019

 

L’azzurra finisce settima con 1h13:20 sulle strade della capitale spagnola, alla prima gara dopo essersi migliorata in maratona

 

Ritorno agonistico per Sara Dossena. L’azzurra ha corso oggi alla mezza maratona di Madrid, chiusa in settima posizione con il tempo di 1h13:20 sui 21,097 chilometri della capitale spagnola.

 

Era la prima uscita della 34enne lombarda un mese dopo l’exploit del 10 marzo alla maratona giapponese di Nagoya, in cui ha sfiorato il record nazionale con 2h24:00 per diventare la terza italiana di sempre. Su invito degli organizzatori, arrivato all’ultimo momento, la portacolori del Laguna Running ha deciso di presentarsi al via per svolgere un test in vista dei prossimi impegni.

 

“Sono venuta volentieri - spiega la Dossena - a fare quella che è stata semplicemente una gara-allenamento. Non era in programma, ma visto il periodo va bene e ho trovato un percorso bello anche se impegnativo, con diversi saliscendi, e una temperatura piuttosto fredda. Un allenamento molto duro. Tra una settimana, domenica 14 aprile, sarò invece alla partenza della T-Fast di 10 chilometri sulle strade di Torino”.

 

L’etiope Tigist Teshome Ayanu ha vinto la Medio Maraton de Madrid in 1h10:08, con il keniano Kipkemoi Kiprono a imporsi al maschile in 1h01:44.

 

l.c.

Istanbul Half Marathon

 

Grandi risultati nella Mezza Maratona di Istanbul dove vincono Bernard Ngeno e Ruth Chepngetich

In due sotto il muro dei 60' nella Istanbul Half Marathon andata in scena domenica 7 aprile 2019, altissimo il livello anche al femminile dove in sette scendono sotto i 70'.

 

Vince il keniano Bernard Ngeno in 59'06" davanti all'etiope Abayneh Degu (59'01") e Hillary Kipchuba (60'01"). Ali Kaya, keniano naturalizzato turco e plurititolato a livello internazionale, è sesto (60'58").

Al femminile nessun ostacolo per Ruth Chepngetich che chiude in 1h05'30" stabilendo il suo nuovo primato personale, sul podioa anche Dorcas Jepchirchir Tuitoek (1h06'33") e Helen Tola (1h06'45"). La forte atleta di casa Yasemin Can è quinta in 1h08'29".

Berlin Halbmarathon

Oltre 37mila runners al via della Berlin Halbmarathon 2019: brilla la favorita della vigilia Sifan HassanIn 37mila al via della Berlin Halbmarathon andata in scena sulle strade della Capitale tedesca nella mattinata di domenica 7 aprile 2019, la 21.097km ricalcava in parte l'ultimo tratto della nota Maratona.Tutta l'attenzione era catalizzata sull'olandese Sifan Hassan, alla vigilia annunciata per provare a ritoccare il suo primato europeo sulla distanza e, perchè no, anche quello mondiale. La 26enne nata in Etiopia ha mancato l'appuntamento con il record ma è stata comunque l'indiscussa protagonista della giornata tagliando il tragaurdo posto sotto la Porta di Brandeburgo in 65'45", miglior prestazione europea del 2019.Nettamente staccate le avversarie con Veronica Nyaruai seconda in 1h08'51" e Selamawit Bayoulgn terza in 1h09'02".Gara maschile che ha invece registrato il successo di William Wanjiku in 61'00" al termine di una gara equilibratissima che ha visto il podio essere completato da Kilimo Rhonzas (61'01") e Alfred Ngeno (62'00").Istanbul Half MarathonGrandi risultati nella Mezza Maratona di Istanbul dove vincono Bernard Ngeno e Ruth ChepngetichIn due sotto il muro dei 60' nella Istanbul Half Marathon andata in scena domenica 7 aprile 2019, altissimo il livello anche al femminile dove in sette scendono sotto i 70'.Vince il keniano Bernard Ngeno in 59'06" davanti all'etiope Abayneh Degu (59'01") e Hillary Kipchuba (60'01"). Ali Kaya, keniano naturalizzato turco e plurititolato a livello internazionale, è sesto (60'58").Al femminile nessun ostacolo per Ruth Chepngetich che chiude in 1h05'30" stabilendo il suo nuovo primato personale, sul podioa anche Dorcas Jepchirchir Tuitoek (1h06'33") e Helen Tola (1h06'45"). La forte atleta di casa Yasemin Can è quinta in 1h08'29".

Rotterdam Marathon

Dopo 11 anni cade il record della Maratona di Rotterdam: vince Marius Kipserem. Giovanna Epis al record personaleDopo 11 anni cade il record della Maratona di Rotterdam, la 42.195km olandese condsiderata da molti anni tra le più veloci d'Europa tanto da consegnare nel 2012 il primato italiano femminile a Valeria Straneo. In questo 2019 a vincere sono stati il keniano Marius Kipserem e l'etiope Ashete Bekere ma anche l'Italia può sorridere grazie al sesto posto di Giovanna Epis che lima il suo primato personale portandolo a 2h29'12" (precedente 2h29'41") e prenotando una maglia per i Mondiali di Doha.A Rotterdam Kipserem corre in 2h04'11" precedendo di 1'11" il keniano naturalizzato turco Kaan Ozbilen, il suo 2h05'28" vale il terzo crono europeo di sempre, e Emanuel Saina (2h05'43").La Bekere taglia il traguardo con un eccellente 2h22'55", podio completato dall'esperta Stella Barsosio (+42") e dall'altra keniana Aliphine Tuliamuk

Maratonina del Golfo

In 450 a Gela per l'edizione 2019 della Maratonina del Golfo: vincono Abbate e La BarberaSono stati 450 i runners che nella mattinata di domenica 7 aprile 2019 hanno preso parte alla Maratonina del Golfo di Gela che ha incoronato come vincitori Salvatore Lorenzo Abbate e Maria La Barbera.L'atleta dell'Universitas Palermo ha chiuso in 1h15'53" precedendo Abdelkrim Boumalik (1h16'14") e Giovanni La Mantia (1h17'31").Al femminile la portacolori della Trinacria Palermi fa segnare un crono di 1h29'54", sul podio anche Angela La Monica (1h30'12") e Rosaria Patti (1h31'41").I RISULTATI

Strariccione

Oltre 400 al via della Strariccione 2019 valida come Vivicittà: successi per Benhamdane e FaccianiCon 7 giorni di ritardo rispetto alle altre sedi, è andata in scena domenica 7 aprile 2019 la Vivicittà di Riccione disputatasi proprio durante la Strariccione. Primi al termine dei 10km sono risultati essere Rachid Benhamdane e Martina Facciani.Il portacolori della Dinamo Sport ha chiuso in 32'00" avendo la meglio su Alberto Della Pasqua (32'06") e Nicholas De Nicolò (32'14").Al femminile l'atleta della Corradini Excelsior corre in 36'23" precedendo Valentina Facciani (37'01") e Ana Nanu (38'28").RISULTATI

Race for Life

Oltre 800 a Capua sui 10km della Race For Life: successi per Adim Ismail e Iolanda FerrittiSono stati oltre 800 i runners che nella mattinata di domenica 7 aprile hanno preso parte all'edizione 2019 della Race for Life, gara di 10km andata in scena a Capua (Ce).Vince il marocchino Adim Ismail con il tempo di 31'53", podio completato da Giovanni Paone (34'09") e Madiw Sabaly (34'11").Al femminile successo per Iolanda Ferritti in 37'37", dietro di lei Teresa Stellato (40'05") e Grazia Razzano (40'33").Risultati

Quando corro tutti i pensieri volano via.

Superare gli altri è avere la forza, superare se stessi è essere forti

(Confucio)

Un atleta in corsa è una scultura in movimento.

(Edwin Moses)

Correre è lo spazio aperto dove vanno a giocare i pensieri.

(Mark Rowlands)

Non importa cosa trovi alla fine di una corsa, l’importante è quello che provi mentre stai correndo. Il miracolo non è essere giunto al traguardo, ma aver avuto il coraggio di partire.

(Jesse Owens)

Io sento la terra ed il vento e gli alberi. Io sento il loro spirito. Io sento il ritmo della corsa. E’ come musica

(Gabriel Harmony Jennings)

Più corri, più percepisci il tuo corpo. Più pesa, più la tua mente si fa leggera. È la magia della corsa.

(runlovers, Twitter)

Correre è strappare il ritmo al tempo, è rinascere con un altro respiro

(Fabrizio Caramagna)

Salerno 07 Aprile 2019  "Salerno Corre"

Hicam Boufars e Hanane Janat fanno loro l'edizione 2019 della Salerno Corre, oltre 1000 i runners al via

 

Grande successo per la sesta edizione della Salerno Corre che, nonostante una domenica densissima di appuntamenti a livello nazionale ed internazionale, ha coinvolto oltre 1000 runners sul percorso di 10km.

A vincere è stato il marocchino Hicam Boufars, capace di completare la gara in 29'25", dietro di lui Gilio Iannone (31'04") e Antonello Landi (31'17").

 

Successo maghrebino anche al femminile dove la spunta l'esperta Hanane Janat con il crono di 36'04"; completano il podio Paola Di Tillo (38'20") e Rosmary Antico (39'31").

 

I RISULTATI COMPLETI

Spettacolare arrivo al fotofinish con 5 keniani nei primi 5 posti nella Prague Half Marathon 2019

 

Sì è corsa in questa mattina di sabato 6 aprile la Prague Half Marathon 2019, mezza maratona andata in scena nella capitale ceca.

 

Per gli uomini, ha prevalso dopo 59:05 minuti nel fotofinish contro il suo connazionale, il keniano Felix Kibitok. Il record della corsa di 58:47 minuti, tuttavia, è rimasto fuori portata. Il terzo posto è andato al favorito Stephen Kiprop, anch’egli rimasto sotto l’ora con 59:17 minuti.

 

Tra le donne la favorita Fancy Chemutai non ha terminato la gara.

Quindi la vittoria è andata a Caroline Chepkoech Kipkirui che ha concluso in 1:05:41, quasi un minuto sopra il record della gara.

 

Il secondo posto lo ha preso Lonah Chemtai israeliana naturalizzata davanti alla keniana lydiah Njeri Mathathi.

 

Risultati Prague Half Marathon 2019

Giorgi in forma, bis a Podebrady nella 20 km 06 Aprile 2019

La marciatrice domina in 1h27:46 con il suo miglior crono delle ultime quattro stagioni. Sulle strade della Repubblica Ceca, l’Italia vince con le due squadre assolute. Colombi e Tontodonati al personale, rientro ok per Giupponi.Ancora un successo di Eleonora Giorgi sulla 20 chilometri di marcia a Podebrady, nel tradizionale incontro internazionale in Repubblica Ceca dove l’Italia conquista il primo posto anche nelle due classifiche assolute a squadre, sia al maschile che al femminile, in una trasferta ricca di prestazioni significative.La 29enne lombarda vince per il secondo anno di fila e convince, realizzando un notevole risultato con 1h27:46. La portacolori delle Fiamme Azzurre toglie più di un minuto al primato della manifestazione, 1h28:49 da lei stessa ottenuto nel 2018, e firma il suo miglior tempo delle ultime quattro stagioni con una gara in solitaria condotta sul ritmo, accelerando nel finale.Era dal giorno del suo record italiano (1h26:17 nel 2015) che non si esprimeva su questi livelli e adesso può guardare con fiducia al prossimo debutto sulla 50 chilometri, nella Coppa Europa di Alytus (Lituania, 19 maggio). Tra le donne chiude sesta in 1h32:28 la bergamasca Nicole Colombi, primatista nazionale della 50 km, con il personale abbassato di oltre un minuto per portare alla vittoria la formazione italiana. Brillano anche gli uomini in maglia azzurra: quinto Federico Tontodonati, torinese dell’Aeronautica che si migliora in 1h21:20, e settimo il carabiniere bergamasco Matteo Giupponi con 1h21:52, di nuovo protagonista dopo un lungo periodo di infortuni. Piazzamenti che significano l’affermazione per team superando la Francia in uno score completato dal 21enne toscano Ettore Grillo, 18esimo in 1h26:36 con due minuti abbondanti di progresso, e dal ventenne marchigiano Giacomo Brandi, 21esimo in 1h27:46. Nelle gare under 20 per due volte l’Italia è seconda dietro ai transalpini, mentre salgono sul podio individuale due giovani della rappresentativa regionale lombarda: Andrada Lavinia Lacatus, seconda in 48:13 sui 10 chilometri, e Gabriele Gamba, terzo al maschile con 43:41

Stefano Baldini Nato a Castelnovo Sotto (RE) il 25 maggio 1971.  guarda il video

 

GIORGI SHOW - Pronti, via ed Eleonora Giorgi si porta al comando. Subito in fuga, per staccare tutte le avversarie fin dalla partenza. L’unica a tentare l’inseguimento è la messicana Alegna Gonzalez, campionessa mondiale under 20, che però dal sesto chilometro inizia a perdere vistosamente terreno. Davanti l’azzurra fa gara a sé e procede con un passo regolare, di circa 4:25 ogni mille metri o poco sopra. A metà del cammino il suo vantaggio è già di 41 secondi, con un intermedio di 44:20. Negli ultimi sette chilometri riesce a cambiare ritmo per assestarsi a 4:20, poi ha ancora le energie per il parziale conclusivo in 4:10. Una seconda parte più rapida di quasi un minuto in 43:26, meglio anche del personale sui 10 chilometri centrato nello scorso weekend (43:27 a Scanzorosciate), mentre con 1h27:46 viene demolito il primato stagionale di 1h31:07, tre settimane fa a Lugano. È la sua quinta prestazione in carriera, ma non andava così forte proprio dal record italiano di 1h26:17, a Murcia il 17 maggio 2015. La messicana Alegna Gonzalez conserva il secondo posto (1h30:21), terza la guatemalteca Mirna Ortiz (1h31:38).

Applausi per Nicole Colombi che rientra con il pregevole crono di 1h32:28, sesta, e dopo tre anni abbatte il personal best, ottenuto nel 2016 proprio in Boemia (1h33:39). La bergamasca dell’Atletica Brescia 1950 Ispa Group, campionessa e primatista nazionale della 50 chilometri, consegna la vittoria per team all’Italia davanti a Lituania e Francia.

“UN RITMO CHE MI MANCAVA” - “Una bella iniezione di fiducia - commenta Eleonora Giorgi - con un crono che non riuscivo a fare da qualche anno e che mi rende davvero contenta. Ero partita per migliorare il primato stagionale e chiudere in meno di 1h30, invece addirittura sono scesa sotto 1h28 e non me l’aspettavo. Vuol dire che sono ancora veloce e competitiva su questa distanza, nonostante tutti i chilometri percorsi durante l’inverno che mi hanno aiutato ad arrivare al tempo di oggi, anche se con il mio tecnico Gianni Perricelli non l’ho finalizzata. Marciare su questi ritmi mi mancava, perché non è facile quando si fanno lavori lunghi, ma ora li ho ritrovati e credo di essere sulla buona strada. Siamo una bella squadra e i risultati lo dimostrano. Mi dispiacerà non fare la 20 km in Coppa Europa, con la formazione che l’anno scorso ha vinto l’argento mondiale per team, ma sono sicura che anche nella 50 km ci difenderemo. Adesso inizia la fase di preparazione specifica per la 50 chilometri, con allenamenti che non ho mai fatto finora e sono proprio curiosa di vedere come andrà”.

AZZURRI VINCENTI - Doppietta dell’Italia nelle gare senior a squadre. Non solo la vittoria femminile, perché gli azzurri svettano in cima alla classifica anche tra gli uomini. Merito di Federico Tontodonati, che si prende la soddisfazione del record personale sulla 20 chilometri in 1h21:20, oltre mezzo minuto in meno (32 secondi per l’esattezza) rispetto al crono timbrato a Roma nella rassegna tricolore della passata stagione. Il 29enne aviere piemontese rimonta diverse posizioni nella seconda parte di gara, piazzandosi quinto. E di Matteo Giupponi, settimo, che ritrova finalmente il sorriso con 1h21:52. Per il bergamasco dei Carabinieri c’è il quarto tempo in carriera, il migliore dall’ottavo posto alle Olimpiadi di Rio, e il riscatto da una serie di problemi fisici che lo hanno frenato negli ultimi due anni. Al traguardo l’abbraccio con Eleonora Giorgi, compagna di vita e di allenamento, dopo una prova coraggiosa e condotta in testa nella fase di avvio sul piede dei quattro minuti al chilometro prima di controllare, con due richiami sul tabellone. Poi i due giovani azzurri, che fanno gara di coppia sino al 14° chilometro. La matricola Ettore Grillo (Atl. Firenze Marathon) spazza via il personale di oltre due minuti in 1h26:36, diciottesimo, con il marchigiano Giacomo Brandi (Sport Atl. Fermo) tre posizioni più dietro, ventunesimo in 1h27:46. Il successo è invece del russo Vasily Mizinov, bronzo europeo, che stacca di tre secondi il sudafricano Wayne Snyman (1h20:14 contro 1h20:17).

Created By Correre.org

Created By Correre.org

Salvatore Auddino

info@correre.org   3388306612/09631936630

Provincia di Vibo Valentia