Italian

web site

Avviso tutti gli Atleti che la gara Podistica La Normanna si trova nel calendario nazionale e non nel calendario Regione Calabria. ---Uno degli effetti della corsa è l’aumento del desiderio sessuale, si fa l’amore di più e meglio, anche perché il sesso è anche una componente fisica e con la corsa questo si sviluppa. (Stefano Baldini) Visitate i nostri archivi centinaia di gare e migliaia di foto dal 204 ad oggi a vostra disposizione .****Nel rullo tutte le gare Nazionali del mese di gennaio.Posizionate il mouse sopra e il rullo si fermerà.

 

Clicca sulle rispettive maglie  regolamento iscrizioni

clic sul logo

Tutte le edizioni della Normanna

Cri e Fondazione

 

Artisti  Convegni e FotoGallery

 

LE GARE NAZIONALI DI MAGGIO 2016. IN FONDO AL RULLO LE GARE IN CALABRIA  26/05 I VII Memorial Luca Coscioni OUTDOOR Orvieto (TR)  28-29/05 N CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE km. 100 ASSOLUTO e MASTER 100 km del Passatore ULTRAMARATONA Firenze-faenza RA  28-29/05 I Coppa Europa per Club su Pista - Gruppo A Gruppo A OUTDOOR Mersin  28/05 N II Garmin Tour Mhm km 9,900 STRADA Cavallino Treporti VE  28/05 N XXII Meet. Naz.le Assoluto in Notturna su Pista Memorial S. Abbattista OUTDOOR Molfetta (BA)  28-29/05 N CAMPIONATI ITALIANI MASTER DI PROVE MULTIPLE E STAFFETTE (100/200/300/400 M/F; 4x800 F.; 4x1500 M.) e m. 10.000 SU PISTA MASTER OUTDOOR L'aquila (AQ)  28/05 I VI Moonlight Half Marathon Cavallino Treporti-Jesolo - km 21,097 STRADA Cavallino Treporti VE  28/05 N X Sapori di Corsa km 10 STRADA Oschiri (OT)  28-29/05 N CAMPIONATI ITALIANI INDIVIDUALI ALLIEVI-JUNIORES-PROMESSE DI PROVE MULTIPLE OUTDOOR Lana (BZ)  28/05 N VII Sleghe Lauf km 10 STRADA Asiago (VI) 29/05 N XII Giro del Monte Zovo km 18,5 MONTAGNA Levrange Di Pertica Bassa BS  29/05 N V Il Cavallo Scende in Pista OUTDOOR Trieste (TS)  29/05 N X Memorial Antonio Fava km 11,800 STRADA Roccasecca (FR)  29/05 I XLIV Scalata al Castello km 10,050 U/km 5,025 D STRADA Arezzo (AR)  29/05 N XIX Meeting Giovanile della Valsugana OUTDOOR Borgo Valsugana (TN)  29/05 I XI Gavardomeeting OUTDOOR Gavardo (BS)  29/05 N II Enterprise Young Meeting OUTDOOR Napoli (NA)  31/05 N CAMPIONATI STUDENTESCHI SU PISTA FINALE NAZIONALE - ISTITUTI 1°e 2° grado OUTDOOR Roma RM  31/05 N XVII Trofeo Questura km 10 STRADA Prato (PO) --------- GARE SU STRADA REGIONE CALABRIA 29/05 R 3^ Stracassano nel centro di Lauropoli Ass/Mas valida CRI Master corsa su strada STRADA Cassano Allo Jonio CS

Vibo Valentia 20 Maggio 2016 "Diritto alla libertà di autodeterminazione dei popoli" Convegno promosso dall'Afv

Mileto 21 maggio 2016 Cerimonia di premiazione Poesia Miletese sala Mons.Vincenzo De Chiara

Mileto 17 Maggio 2016 "Pinocchio in Bicicletta"


Segnala questo Introduci la E-mail del destinatario

Santi del giorno

Ora esatta e fuso orario in tutti i paesi del Mondo calocola qui

Castrovillari 22 Maggio 2016

I vincitori del V “MEMORIAL AVV. FRANCESCO DE BIASE", sono Marco Barbuscio e Rossella De Rose.

Per conoscere la vostra posizione societaria cliccare sulla  Regione

Siamo forti maratoneti perchè siamo il piede dell’Italia

L’A.S.D. Tiger Running Club di Castrovillari con il suo Presidente Vincenzo Malomo, con il patrocinio del Comune di Castrovillari e della Fidal Regione Calabria, ha organizzato la V Edizione del “Memorial Avv. Francesco De Biase”, gara podistica su strada di circa Km 10, valevole come V prova del Gran Prix.

La gara si è svolta su un percorso di 3,3 km circa, interamente ricavato nel centro abitato di Castrovillari, da ripetere 3 volte. Insieme alla competitiva si è svolta una gara non competitiva intitolata alla giovane Barbara Malomo, i cui partecipanti hanno percorso un giro del circuito e all'arrivo hanno ricevuto una medaglia di partecipazione.

Il percorso variegato con pianura, discesa e salita, ha reso la gara piacevole e ha permesso a tutti gli atleti partecipanti di potersi esprimere al meglio delle loro possibilità, anche se la giornata estremamente calda richiedeva qualche rifornimento in più.

La gara è partita puntualissima, alle 9:30, ed i 210 atleti della competitiva, insieme ai circa 150 della non competitiva, si sono lanciati nella loro competizione, le posizioni del podio maschile si sono incominciate a definire fin dal primo giro, Marco Barbuscio e Paolo Audia, si sono affiancati ed hanno condotto la gara pressocchè insieme, dietro di loro ad una certa distanza, seguiva Michelangelo Spingola e queste posizioni sono state mantenute fino alla fine dei 3 giri, quando ha tagliato il traguardo per primo Marco Barbuscio, Atletica Civitanova, 35:21 seguito da Paolo Audia, ASD Jure Sport, 35:41, terzo Michelangelo Spingola, ASD Castrovillari, 36:09.

 

Il podio femminile ha visto trionfare, l'atleta dell'ASD Jure Sport Rossella De Rose, 42:48, seconda Valentina Maiolino, ASD Corricastrovillari 44:06 e terza l'atleta della Hobby Marathon Catanzaro, Nella Zofrea 44:18.

La manifestazione, anche quest'anno è stata resa speciale per la partecipazione di tanti ragazzi disabili appartenenti all'Associazione Famiglie Disadibili di Castrovillari, che hanno portato, con la loro voglia di esserci, la luce di un sole che irrompe e rompe l'H delle disabilità, che hanno partecipato alla "Corsa del Sole" ed hanno creato con le loro magiche mani, tutte le medaglie con le quali sono stati premiati gli atleti; inoltre, sono venuti a partecipare anche alcuni detenuti che già erano stati coinvolti nel Progetto "Arcobaleno-Rinascita in Corsa", l'atletica in carcere, pensato e realizzato dall'avvocato Malomo.

 

La bellissima mattinata di sport si è conclusa con le premiazioni che hanno interessato quasi tutti gli atleti presenti visto che sono stati premiati i primi 20 assoluti ed assolute e poi anche i primi tre di ogni categoria.

La miletomarathon, per vari impegni ed infortuni dei propri atleti, è stata rappresentata solo dalla sottoscritta, Rossella e dal Presidente Salvatore Auddino che come sempre ha immortalato tutti gli atleti con le sue foto, un pensiero va anche all'amico Ruggero Scarcella, che ha conquistato il primo posto di categoria.

Ci salutiamo dandoci appuntamento al prossimo anno e ringraziando di vero cuore tutti gli organizzatori tra cui in primis il Presidente della Tiger Running Club Vincenzo Malomo, gli amici Silvio Minervini, Claudia e Paola Rende e tutti gli altri che hanno contribuito affinchè si realizzasse un bel momento di sport.

La classifica completa si potrà consultare nei prossimi giorni sul sito della Fidal e subito sul profilo facebook di Malomo.

 

Redazione Correre.org- Rossella Artusa           FotoGallery by Salvatore Auddino   Risultati/Result

Created By MiletoMarathon

Papa Francesco site

Inglese settima sui 10 km di  Manchester 22 Maggio 2016 

L’azzurra dell’Esercito corre in 32:26 sulle strade della città britannica. Rientro con vittoria per l’etiope Tirunesh Dibaba, a due anni dalla sua ultima gara. Fra gli uomini successo di Kenenisa Bekele.

Provincia di Vibo Valentia Tropea e dintorni photo Gallery

Settimo posto di Veronica Inglese nella Great Manchester Run, prestigiosa corsa su strada di 10 chilometri. La 25enne dell’Esercito porta a termine la gara nella città britannica in 32:26 mentre il successo va all’etiope Tirunesh Dibaba, al rientro dopo due anni di assenza e prima al traguardo in 31:16, nei confronti della keniana Edna Kiplagat (31:25) e della burundese Diane Nukuri (31:49). Un ritorno vincente con allungo decisivo nell’ultimo chilometro per la primatista mondiale dei 5000 - che in pista ha conquistato tre ori olimpici e cinque iridati - sulle stesse strade che avevano visto la sua ultima apparizione agonistica nel maggio 2014 prima della maternità. L’azzurra invece riesce a rimanere per buona parte della prova nel gruppo delle inseguitrici, in lotta per la quarta piazza. Nella volata a spuntarla è la polacca Dominika Napieraj, vincitrice l’anno scorso ma stavolta ai piedi del podio con 32:22, seguita dall’irlandese Fionnuala McCormack in 32:23 e stesso tempo per la francese Christelle Daunay, campionessa europea di maratona, in sesta posizione. Poi arriva la mezzofondista di Barletta, protagonista in questa stagione con il notevole 31:42.02 di tre settimane fa sui 10.000 metri a Palo Alto, in California (USA), che vale lo standard di iscrizione per i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro e il quarto posto nelle graduatorie italiane di sempre. Più staccate le altre a cominciare dalla britannica Gemma Steel, oro europeo di cross nel 2014, ottava in 32:43. Vittoria etiope anche tra gli uomini nella gara di Manchester, insignita dello IAAF Gold Label Road Race, con l’affermazione di Kenenisa Bekele in 28:08 sul keniano Wilson Kipsang (28:15) e l’australiano David McNeill (28:39).

l.c.

Il sito della manifestazione

 

 

 

Ogni mattina,

alzandoti, e ogni sera, prima di andare a dormire, ringrazia la vita dentro di te e per la vita tutta, per tutte le buone cose che il Creatore ha dato a te e agli altri, e per l’opportunità di crescere ogni giorno di più. Considera quanto hai fatto e pensato nel corso del giorno e chiedi il coraggio e la forza di diventare una persona migliore. Cerca quanto puo’ essere beneficio a tutti.

Rispetto. Rispetto significa:”sentire o dimostrare onore o stima per qualcuno o per qualcosa; considerare il benessere degli altri o trattare qualcuno o qualcosa con deferenza e cortesia”. Mostrare rispetto è un principio di base nella vita: tratta in ogni circostanza ogni persona, dal più piccolo bimbo al più maturo degli anziani, con rispetto

 

Ottaviani, 100 anni e 5 record ad Ancona 20 Maggio 2016

Il marchigiano classe 1916 festeggia il compleanno con un pomeriggio di gare e primati mondiali M100 al Palaindoor

 

Una grande festa per i 100 anni di Giuseppe Ottaviani. Al Palaindoor di Ancona, il pluricampione iridato master celebra il giorno del suo compleanno con cinque record mondiali della categoria M100, in mezzo ai tanti amici e ai giovanissimi delle scuole di atletica, presenti in pista insieme a lui in un pomeriggio di sport per tutti. L’inossidabile marchigiano di Sant’Ippolito, nato il 20 maggio 1916, nell’arco di un paio d’ore riesce infatti a stabilire i nuovi primati del mondo indoor nella sua nuova fascia di età in ognuna delle gare in programma: 60 metri in 17.52, poi salto triplo (3,27), salto in lungo (1,08), getto del peso (4,43) e 200 metri in 2:15.90 nell’Ottaviani Day. “Lo sport mi ha fatto capire che la vita è bella - commenta il portacolori del Gs Atl. Effebi Fossombrone - e spero che possa far sempre divertire tutti, a cominciare dai giovani”. Durante la seconda guerra mondiale è stato al fronte, quindi l’esperienza lavorativa come sarto da uomo, prima di avvicinarsi all’atletica dopo aver spento 70 candeline. “Ho visto persone della mia età al campo sportivo - spiega - e mi sono detto: se non ora, quando? Dovevo provarci, perché la vita andrebbe davvero assaporata sempre, un po’ per volta. Essere arrivato a 100 anni per me è una novità tutta da scoprire. Ma dopo il primo secolo, c’è il secondo!”.

RISULTATI/Results

Crippa e Magnani OK sui 1500 di Ostrava 20 Maggio 2016

Al Golden Spike il bicampione europeo junior di cross si migliora a 3:38.95, la cesenate quarta in 4:08.73. Solo Bolt sui 100 metri: 9.98 per il fulmine giamaicano.

Nel giorno di Usain Bolt, 9.98 (-0.4) alla seconda uscita stagionale sui 100 metri, due azzurri in forma sui 1500 metri di Ostrava. Al Golden Spike si fa notare il bel progresso di Yeman Crippa che, dopo due anni, demolisce il personal best di quattro secondi e mezzo chiudendo ottavo in 3:38.95 nella gara vinta dal ceco Filip Sasinek (3:36.32). 19 anni, bicampione europeo junior di cross, l'azzurrino delle Fiamme Oro è anche il bronzo continentale under 20 dei 5000 metri e proprio nell'ottica di questa distanza il crono di oggi acquista significato. Sui 1500 metri, tuttavia, vanta un sesto posto ai Mondiali Allievi 2013 e un decimo ai Mondiali Junior del 2014. Con il risultato odierno il giovane mezzofondista centra ampiamente anche lo standard di iscrizione (3:40.50) per gli Europei di Amsterdam (6-10 luglio).

 

Nell'analoga prova femminile bene la cesenate Margherita Magnani (Fiamme Gialle) che, grazie ad un giro finale in bella spinta, conquista il quarto posto in 4:08.73.

Il successo va alla 19enne tedesca, oro europeo junior di campestre, Konstanze Klosterhalfen davanti a tutte in un probante 4:06.91. Niente da fare, invece, per l'astista Sonia Malavisi. La romana della Fiamme Gialle, reduce dall'ottimo 4,50 di Castiglione, incappa in tre nulli ai 4,20 della misura d'entrata. Fa notizia la sconfitta della cubana campionessa del mondo Yarisley Silva, seconda a quota 4,60, stessa misura (ma senza errori) della vincitrice Jirina Ptacnikova.

 

BOLT SENZA RIVALI - Usain Bolt vince i 100 metri in 9.98 (-0.4). Il giamaicano si migliora di 7 centesimi rispetto al 10.05 corso all'esordio il 15 maggio alle Isole Cayman. Uno stadio intero che trattiene il fiato al suo cospetto, clima ottimale (oltre 22 gradi di temperatura) e sfida praticamente senza avversari: il secondo uomo al traguardo è Ramon Gittens in 10.21, mentre il decatleta Ashton Eaton rinuncia per un fastidio rimediato durante la gara di lungo. Bolt in partenza non sembra ancora un fulmine: la sua reazione allo sparo è di 0.162 e l'avvio è un po' macchinoso. Poi sul lanciato viene fuori tutta la superiorità del primatista del mondo che sulla linea d'arrivo sbircia il display e digrigna i denti.

Con questo risultato l'olimpionico si installa al sesto posto del ranking mondiale stagionale guidato da Femi Ogunode (9.91) e Justin Gatlin (9.94).

RISULTATI/Results

Legami - potrò ancora cantare -

Scacciami - il mio mandolino

Risuonerà sincero, dentro -

Uccidimi - e la mia Anima salirà

Inneggiando in Paradiso -

Ancora tua -

Emily Dickinson

 

 

 

E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l'immensità dell'Oceano, ed il volgere degli astri.e si dimenticano di se medesimi

(Sant'Agostino)

 

 

Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia

(A.Karr)

 

 

Dovunque l'uomo voglia vendersi trova degli acquirenti

(Henri Lacordaire)

 

 

E' mia ambizione dire in dieci frasi quello che altri dicono in interi volumi

(Friedrich Nietzsche)

 

 

E' curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore

Giacomo Leepardi)

La Corsa del Mito 2016 fa il botto e fa correre Camerota, boom di iscrizioni e consensi  • 14 maggio 2016

Con la vittoria di Jean Baptiste Simukeka, Julius Kipngetic Rono e Ismail Adim, cala il sipario sulla settima edizione della Corsa del Mito. «E’ stata una grande edizione», parola di Mario Scarpitta. Si dice soddisfatto il presidente dell’associazione Tuttinsieme, a conclusione della due giorni di manifestazione a Marina di Camerota, diventata cornice per uno degli eventi sportivi più importanti degli ultimi anni nel sud Italia. La sua creatura dalla visione ormai internazionale si è chiusa nel segno positivo. Un risultato che va oltre la stima numerica, che già di per se è un successo.

Il tempo incerto non ha fermato la macchina organizzativa e in centinaia per due giorni hanno partecipato agli eventi organizzati in concomitanza della Corsa del Mito 2016. «Tutto questo è stato reso possibile grazie alla squadra di Tutti Insieme – ha sottolineato Scarpitta – che ha dimostrato di essere matura per affrontare qualsiasi evento». «La cornice di pubblico è stata straordinaria – ha aggiunto il presidente – grazie alla collaborazione e partecipazione dei cittadini». Camerota la Corsa ce l’ha ormai nel dna, tantissimi i volontari che si sono prodigati per la buona riuscita dell’evento. Tutti hanno lavorato per la Corsa del Mito, mamme, uomini, medici e tanti i giovani che hanno distribuito le bottigliette d’acqua agli atleti lungo il percorso della gara. «Un grazie immenso anche a tutte le attività ricettive, i ristoranti, gli alberghi, i bar, i villaggi, tutti gli operatori e i produttori che hanno messo a disposizione il meglio della loro accoglienza e dell’enogastronomia locale.

Quest’anno l’azzurro si sposa bene con l’edizione numero sette, perché la due giorni ha visto come madrina, l’atleta e artista Annalisa Minetti, che ha portato la nazionale sul podio alle Paralimpiadi di Londra e testimonial d’eccezione chi per anni ha indossato la mitica maglia azzurra, i calciatori del Napoli di Maradona, Beppe Bruscolotti, Giovanni Francini, Antonio Carannante e il massaggiatore Salvatore Carmando. Una due giorni ricchissima di appuntamenti, che ha portato la Corsa del Mito nel pantheon degli eventi sportivi più suggestivi del Meridione. Ma l’obiettivo è molto più ambizioso e Tutti Insieme si prefigge mete più lontane: «Valicare i confini nazionali – ha detto il presidente Scarpitta – sono sicuro che entro la decima edizione riusciremo a collocare la gara del Mito su un livello altissimo». Un evento a 360 gradi che ha come progetto definitivo quello di incrementare il turismo di grande qualità.

La madrina Entusiasmante la presenza di Annalisa Minetti in questa edizione, che ha corso per tutta la gara accompagnata da un tutor ed è stata presente a tutti gli appuntamenti organizzati. «Vulcanica e preparatissima», ha partecipato al seminario di sabato mattina dedicato allo sport in età evolutiva con un intervento, in cui ha sottolineato che i bambini devono approcciarsi allo sport pensando che sia un gioco, mentre sabato pomeriggio ha gareggiato in tandem, con gli altri atleti, accompagnata da Pino Pomilia e Oreste Carriola. Sabato sera, invece, la pioggia ha costretto l’organizzazione ad annullare e a rimandare a data da destinarsi il concerto che doveva svolgersi al porto turistico di Camerota. «Mi sono innamorata di Marina di Camerota appena sono arrivata – ha detto l’artista – il porto è bellissimo e la gente è così ospitale, l’accoglienza è determinante qui. Ci tornerò presto, sicuramente porterò con me mio figlio e il mio futuro marito».

I campioni del Napoli Tifosi in visibilio per la presenza dei campioni del Napoli ai tempi di Maradona. I testimonial della Corsa hanno incontrato il pubblico durante la serata di venerdì al Lido del Poggio, nel salotto calcistico condotto da Franco Galietta e Antonio Esposito. Si sono ripercorsi gli anni d’oro del Napoli, le curiosità e gli aneddoti legati alla loro vita calcistica. La serata è stata anche l’occasione per presentare il neonato fan club del Napoli a Marina di Camerota. Una giornata che si è conclusa con un buffet di prodotti tipici del posto per far conoscere anche le specialità enogastronomiche di Camerota.

 

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

 

~ Kahlil Gibran ~

I più piccoli Grande attenzione, anche quest’anno, ai giovani e ai bambini. Venerdì pomeriggio si è svolto il torneo triangolare tra le squadre di calcio giovanili locali, mentre dall’altra parte tanti piccoli atleti si sono cimentati nei 50 metri, nel lancio vortex e nella staffetta. Sabato pomeriggio alle 16:00, in contemporanea dal Porto di Marina di Camerota e di Palinuro (dove sono stati seguiti dall’associazione Eso es Palinuro), centinaia di bambini hanno partecipato alla quarta edizione del Minimito, gara podistica non competitiva che da anni fa parlare di se.

Il seminario Per l’edizione numero sette l’associazione Tuttinsieme, in collaborazione con la Fidal regionale, ha pensato anche a formare. Sabato mattina infatti, il Cinema Bolivar, ha ospitato il seminario dal titolo “Osservazione e valutazione delle attitudini motorie in età evolutiva”. A parlare di sport e salute, di come avvicinare i più piccoli al mondo dello sport e quali discipline praticare, ci hanno pensato i relatori, prof.ssa Paola Brancaccio, prof.ssa Assunta Vitale e Andrea Capobianco. Ai quali si è aggiunto anche l’intervento di Annalisa Minetti. Presenti per i saluti anche il presidente Mario Scarpitta, Sandro del Naia, delegato Fidal Cilento, Alfonso della Rocca, Carlo Giuliani mentre il sindaco di Centola, Carmelo Stanziola, in qualità di consigliere provinciale con delega al Turismo e ai Trasporti, ha portato i saluti dell’organo provinciale e del presidente del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni Tommaso Pellegrino, assente per un improvviso impegno.

La Corsa del Mito Sabato mattina la cittadina si è riempita di atleti. Mille quest’anno i partecipanti. Infaticabile la macchina organizzativa dell’associazione Tuttinsieme, da giorni al lavoro per curare ogni dettaglio della due giorni. Gli atleti che hanno gareggiato alla settima corsa del Mito, sono giunti da ogni parte d’Italia. Tra di loro anche esperti corridori africani. La gara Fidal è partita puntualissima alle 17:30 dal porto turistico di Palinuro. Dopo 15 chilometri tra verde, blu e panorami mozzafiato è giunta a Marina di Camerota, dove gli atleti sono stati accolti da applausi ed entusiasmo. Vittoria al fotofinish di Rukundo su Oukhrid mentre i giudici Fidal, inflessibili come non mai, li squalificano per illecito sportivo avendo sgomitato a pochi metri dal traguardo. Il vincitore infatti è Jean Baptiste Simukeka, che era arrivato terzo. A premiare gli atleti sono stati i membri dell’associazione Tuttinsieme, il sindaco di Centola Carmelo Stanziola, Sandro Del Naia, presidente regionale Fidal e i campioni del Napoli. Tanti i cilentani che hanno partecipato alla gara, tra i quali Carlo Giuliani, Pierantonio Esposito, Josè Falco, Enzo Colarusso, Vincenzo Iemma, Sandro Paladino, Marco Del Bue, Edoardo Grieco e tanti altri, giunti al traguardo tra l’entusiasmo della folla. 

 

Reportage di Marianna Vallone • 14 maggio 2016 23:42           Risultati/Result

Charlie Chaplin

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita

prima che l’opera finisca senza applausi…

Catanzaro 15 Maggio 2015 " 14^ Stracittadina-2^Trofeo Leandro Guarnieri- 14^Memorial Giuseppe Fiorentino".

I Vincitori dell' ormai consolidata manifestazione catanzarese sono Davide Pirrone e Rossella De Rose.

 

Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,

l'intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.

Siamo stati messi al mondo

assieme ai nostri fratelli e sorelle,

con quelli che hanno quattro zampe,

con quelli che volano e con quelli che nuotano.

Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d'erba,

formano con noi una grande famiglia.

Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.

L'ASD Hobby Marathon Catanzaro, con il Patrocinio del comune di Catanzaro, ha organizzato la 14^ edizione della gara podistica "Stracittadina - "Memorial Fiorentino", "Trofeo Leandro Guarnieri", valida anche come terza prova Gran Prix del CdS regionale master di corsa.

La bella Piazza Basilica Immacolata di Catanzaro, ha accolto i 300 atleti arrivati da ogni parte della Calabria e di fuori regione per partecipare a questa ormai consolidata manifestazione podistica, che quest'anno è passata da edizione serale a diurna e che, come lo scorso anno, oltre che a Fiorentino, è intitolata all'amato Leandro Guarnieri, grande campione, atleta della Hobby Marathon, che lasciandoci l'anno scorso, ha riempito di tristezza i cuori di tutti gli atleti che l'hanno conosciuto, il suo ricordo, però rimarrà sempre brillante e splendente, il ricordo di un grande atleta, nonchè di una persona umile, disponobile, sorridente, quasi magica, così come sono la moglie Loredana e la figlia Lorenza.

La manifestazione, anche quest'anno ha previsto una gara competitiva di 8250 m su un circuito molto bello, ma abbastanza duro di 1650 m da ripetere 5 volte; e anche delle manifestazioni ludico- motorie a passo libero, non competitivo, sulle distanze di 1 km e di 8 km.

La giornata instabile metereologicamente, con vento e pioggia forte, ha reso duro e difficile il lavoro degli organizzatori, ma non ha fermato i numerosi atleti che sotto l' acqua dirompente si sono confrontati con se stessi e con gli altri.

Alle 10:00 circa è stato dato il via alla partenza della passeggiata dei bambini e poi a quella dei ragazzi che, nonostante la pioggia si sono impegnati, hanno tagliato il traguardo con sorriso e forza e sono stati accolti dall'abbraccio dei loro genitori.

Alle 10.30 circa, tutti gli atleti si sono ritrovati sotto l'arco di partenza ed è stato dato il via alla camminata lunga ed alla competitiva femminile e maschile, i cui protagonisti hanno dovuto fare 5 giri del percorso, e dove tutti hanno lottato con forza e determinazione nonostante la pioggia e il vento. Per quanto riguarda al gara maschile, fin dal primo giro si è consolidato un gruppetto di testa formato da Pirrone, Bruno, Magisano e Audia che si sono scambiati le posizioni fino all'ultimo giro, quando, a tagliare il traguardo per primo è stato il giovanissimo ragazzo dela Hobby Marathon Catanzaro, Davide Pirrone con il tempo di 29:43, dietro a lui è arrivato Antonio Bruno della Libertas Lamezia, 29:49; terzo Paolo Audia dell' ASD Jure Sport 30:10; quarto Giuseppe Terranova della Cosenza K42 30:26; quinto Antonio Magisano della Libertas Lamezia 30:31; sesto Francesco Monti della Cosenza K42 che nonostante una brutta caduta, si è rialzato ed ha tagliato il traguardo con l'ottimo tempo di 31:13.

 

La gara femminile è stata dominata da subito da quella che è stata la vincitrice dell'edizione passata, ovvero la fortissima atleta dell'ASD Jure Sport Rossella De Rose con il tempo di 35:52, al secondo posto si è piazzata la sempre forte Nella Zofrea della Hobby Marathon Catanzaro 36:58, terza è arrivata Valentina Maiolino dell'ASD Corricastrovillari 37:44, quarta Sabrina Gioberti del Team Basile 38:35, quinta Rossana Cardamone della Hobby marathon 39:17, sesta Rita Giordano dell'Atletica Sciuto 39:21

La Miletomarathon era presente con gli atleti Fortunato Varone che ha disputato una bellissima gara nonostante abbia ripreso a correre da poco,Caterina Fogliaro che ha conquistato il secondo posto di categoria e Lisa Prinzi, prima di categoria. Terminata la competizione, gli atleti si sono rifocillati e sono state fatte le premiazioni velocemente perchè la pioggia che ha continuato a scendere, ha messo in fuga un pò tutti.

Intrattenitore della mattinata, come sempre è stato Carmelo Sanzi, che ha gestito in modo impeccabile tutta al manifestazione.

Ringraziamo la Hobby Marathon, gli atleti, i giudici, il pubblico che non si è lasciato spaventare dal brutto tempo e ci diamo appuntamento al prossimo anno, augurandoci che il tempo sia più clemente.

 

Un abbraccio a Leandro!

 

Redazione correre.org -Rossella Artusa               FotoGallery By Salvatore Auddino        Risultati/Result

 

 

Siamo a 300 grazie a v oi

Siamo donne uomini e marziani

Siamo il coraggio

che ti fa cominciare

la passione per continuare

la sfida con te stesso

Siamo le gocce di sudore

le lacrime di gioia

il bacio alla terra di Gelindo

il pugno al cielo di Stefano

Siamo i master pieni di futuro

i chili che hai perso

i compagni di strada

che altrimenti

non avresti conosciuto

Siamo borracce, canfora

e pipì dietro gli alberi

Siamo la tua prima maratona

e non saremo l'ultima

neve, deserto, pietr e città

e polvere di pioggia

e rispetto dell'avversario

Siamo albe

di colazioni al miele

buio di sentieri da trail

tende e veglie nella 24 ore

scarpe che non vuoi

ti buttino via

siamo bottega amara

di cortesia

Siamo domande, dubbi,

perchè, errori, infortuni

Siamo e saremo solo

tempi di passaggio.

 

Lo sport, va da dire che le discipline sportive sono tante, di sicuro il loro papà si chiama sport ed è il proprietario di tutte le attività psico- fisiche. Quando si intraprende una disciplina, si entra far parte di un mondo diverso, un mondo fatto di regole e di rispetto, un mondo che ti matura dentro l'anima e ti fa sopportare fatiche immense,un mondo che ti ricompensa con momenti di vera felicità, è come il contadino quando ara la terra e semina, all'inizio è sofferenza e stanchezza ma poi arriva il tempo del raccolto dei frutti; chi ha seminato bene raccoglie frutti buoni. Quando sono arrivato qui a mileto non avevo né terra né alberi da frutto, allora, ho pensato che bisognava seminare qualcosa e così ho fatto; ho seminato quello che la vita mi ha insegnato ossia amare la natura, vivere lo sport come stile di vita, avere rispetto delle cose e degli altri, e così, anche io, mi ritrovo a raccogliere i frutti della mia semina che si chiamano amicizia, amore, fraternità; cose che ultimamente sono diventate una merce molto rara. Se non avessi divulgato lo sport ,oggi , non avrei avuto gli amici che ho, che mi fanno sentire importante e mai solo, sono fiero di loro e ne ho molta stima; questa ricchezza va conservata gelosamente e anche se a volte abbiamo opinioni diverse, è bene,perché ciò serve a cementare e a far diventare sempre più forte il legame che ci unisce. Tutto ciò però, non è farina del nostro sacco ma semplicemente lo sport che ci ha uniti, padre buono dei valori importanti della nostra vita sociale. Salvatore Auddino 30 gennaio 2009

Chiesi a Dio...

di essere forte per eseguire progetti grandiosi:

Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse la salute

per realizzare grandi imprese:

egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto:

mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere

perché gli uomini avessero bisogno di me:

egli mi ha dato l'umiliazione

perché io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita:

mi ha lasciato la vita

perché potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello

che chiedevo,

ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno

e quasi contro la mia volontà.

Le preghiere che non feci furono esaudite.

Sii lodato; o mio Signore,

fra tutti gli uomini

nessuno possiede quello che ho io!

Kirk Kilgour

 

A.S.D. Miletomarathon Presidente Salvatore Auddino  Sede: Via Cattaneo 28 - 89852 Mileto (VV) - C:F:e.P.iva:96025290790 - Codice Fidal VV 363 - Coni: Registro Nazionale N°921312 -ASI CAL-VV0084 - Tl.09631936630 - Cell.3388306612

 

info@correre.org

miletomarathon@libero.it

salvatoreauddino@email.it 

 

Correre.org e Miletomarathon Webmaster Salvatore Auddino

Created By Correre.org

Entra qui

Created By correre.org