26/03 P CdS e Individuale Provinciale Cross tutte le categorie CROSS Castrovillari (CS) -- Stefano Baldini dice: Uno degli effetti della corsa è l’aumento del desiderio sessuale, si fa l’amore di più e meglio, anche perché il sesso è anche una componente fisica e con la corsa questo si sviluppa... Visitate i nostri archivi centinaia di gare e migliaia di foto dal 204 ad oggi a vostra disposizione .****Nel rullo tutte le gare Nazionali mese per mese.Posizionate il mouse sopra e il rullo si fermerà.

 

Regolamento 2017 cliccare sulla locandina

Tutte le edizioni della Normanna foto video montepremi

LE GARE NAZIONAI DI MARZO 2017. IN FONDO AL RULLO LE GARE IN CALABRIA --------------------------------------------------------------------------------------------------------------  26/03 N C.D.S. di MARCIA -2^ Prova 2^ Prova: km 20 Sen/Pro e Jun M/F (Campionati Italiani Individuali) - C.D.S. di MARCIA ALLIEVI km 10 M/F e TROFEO NAZIONALE CADETTI DI MARCIA - 1^ Prova: Km 6 C/i e Km 4 C/e MARCIA SU STRADA Cassino (FR)  26/03 XXVI Corritalia Insieme per i Beni Culturali e Ambientali 50 Citta' Italiane STRADA Sedi Varie  26/03 B VI Mezza sul Serio - Diecimila sul Serio km 21,097 STRADA Cene (BG)  26/03 N CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE km. 100 ASSOLUTO e MASTER IX 100 km di Seregno (km100-60 + VII Mezza Maratona di Seregno km 21,097 (Bronze) ULTRAMARATONA Seregno (MB)  26/03 I CAMPIONATI MONDIALI di CROSS CROSS Kampala  26/03 B VII Mezza Maratona Citta' di Enna km 21,097 STRADA Enna (EN)  26/03 B V UNESCO Cities Marathon km 42,195 STRADA Cividale Del Friuli (UD)  26/03 B III Santander La Mezza di Torino km 21,097 STRADA Torino (TO)  26/03 B La Piave Marathon km 42,195 Edizione unica 10 anni Bellunofeltre Run STRADA Fortogna BL  26/03 B XVIII Agropoli Half Marathon km 21,097 STRADA Agropoli (SA) ------------------------------------------------------------------------------------------------------------- CALABRIA 26/03 P CdS e Individuale Provinciale Cross tutte le categorie CROSS Castrovillari (CS)

Fotogallery   Mostra e Museo di Mileto cliccare sulla foto  QUI  articolo del Giornalista Giuseppe Currà

compleanno/birthdays

cumpleanos/anniversaires 

geburtstage                                               

Santi del giorno


Segnala questo sito Introduci la E-mail del destinatario

Ora esatta e fuso orario in tutti i paesi del Mondo calocola qui

Telese Terme, Sabato 18 Giugno 2016

Stramilano keniana, Incerti quarta 19 Marzo 2017

Nella classica mezza maratona, vincono Moranga e Chepngetich. L’azzurra ai piedi del podio in 1h12:35, tra gli uomini settimo Meucci (1h03:43), al via oltre 50.000 runners.

Doppietta del Kenya alla 42esima Stramilano Half Marathon, con il successo di Fredrick Moranga tra gli uomini in 1h01:20 mentre al femminile vince Ruth Chepngetich nel record personale di 1h07:42. Finisce ai piedi del podio Anna Incerti (Fiamme Azzurre), quarta in 1h12:35 nella popolare mezza maratona scattata da piazza Castello per arrivare all’Arena Civica Gianni Brera di Milano, con 7000 partecipanti alla gara agonistica sui 21,097 chilometri. La campionessa europea di maratona nel 2010 viene preceduta dalle altre keniane Betty Lempus (1h09:25) e Pauline Esikon (1h11:21). “Un buon test in vista della maratona di Milano che disputerò tra due settimane - ha detto la Incerti - anche se negli ultimi chilometri si sentiva il caldo. Mi manca ancora un po’ di brillantezza, ma è stato piacevole essere sostenuta dal tifo del pubblico”. La 37enne siciliana ha corso accompagnata dal marito-atleta Stefano Scaini (Gp Parco Alpi Apuane), che dopo il traguardo l’ha presa in braccio per un bel quadretto familiare. Quinto posto alla veneziana Giovanna Epis (Carabinieri) in 1h14:22, che a sua volta sarà al via della prossima 42,195 km di Milano, seguita da Emma Quaglia (Cambiaso Risso Running Team Genova), sesta con 1h14:51, poi ottava Claudia Pinna (Laguna Running, 1h17:06) e decima Ivana Iozzia (Corradini Calcestruzzi Excelsior, 1h17:48).

Nuovo progresso per la vincitrice, che due settimane fa si è aggiudicata la mezza di Parigi in 1h08:08.

Nella gara maschile il primo azzurro è Daniele Meucci (Esercito). Per il 31enne pisano, oro continentale in carica di maratona e nel 2016 bronzo europeo sulla mezza distanza, un crono di 1h03:43 che vale il settimo posto. Nella top ten altri due italiani: Eyob Faniel (Venicemarathon Club) si piazza nono con 1h04:04 per abbassare di dieci secondi il personal best. Il 24enne di origine eritrea, ma vicentino di adozione, era riuscito ad avvicinare Meucci anche nello scorso weekend a Gubbio, nella rassegna tricolore di corsa campestre dove aveva centrato il secondo posto davanti a Marco Salami, oggi decimo e terzo italiano con 1h04:06. Il 31enne mantovano dell’Esercito si migliora di oltre un minuto rispetto al tempo di 1h05:13 realizzato proprio in questa gara nella passata stagione.

Completano il podio invece il marocchino Mustapha El Aziz (1h01:29) e il keniano Simon Muthoni, terzo in 1h01:34, poi lo svizzero Julien Wanders, 21 anni compiuti ieri, quarto al debutto nella mezza maratona con 1h01:43, mentre il leader della gara era alla seconda esperienza sulla distanza.

Per conoscere la vostra posizione societaria cliccare sulla  Regione

Siamo forti maratoneti perchè siamo il piede dell’Italia

Created By MiletoMarathon

CINQUANTAMILA - Anche quest’anno grandissima partecipazione nella non competitiva Stramilano di 10 chilometri, con partenza da piazza Duomo. In questa calda mattinata, praticamente già di primavera, sono oltre 50.000 i runners che hanno scelto, ognuno al suo passo, di mettersi alla prova sulle strade del capoluogo lombardo per la loro speciale avventura di corsa.

 

- RISULTATI/Results

Lamezia terme 19 Marzo 2017 Campionati Regionali Individuali di Cross Master!

Artisti e Convegni 

Cri e Fondazione

 

Papa Francesco site

Provincia di Vibo Valentia Tropea e dintorni photo Gallery

L'ASD Nik "Run for Nicholas Green" e la Fidal Calabria hanno organizzato i Campionati Regionali Individuali di Cross Master, a Lamezia Terme, presso l'azienda Statti, ovvero "in un contesto di pace e natura, tra centinaia di ettari di silenziosi oliveti e fronzuti vigneti, tra scoiattoli, tassi e uccelli palustri, un intero ecosistema raccolto in cinquecento ettari"; questa è la presentazione che si può leggere sul sito dell'azienda, e io direi che la rispetta tutta, infatti, lo scenario che ti si presenta, appena varchi il cancello dell'azienda,è da mozzare il fiato, un lungo stradone si immerge tra uvili curatissimi che ti avvolgono con i loro rami, ti danno il ben venuto e ti conducono nel cuore dell'azienda, dove tutto parla di un grande amore per la natura; complimenti, per tutto questo, al titolare il dottor Alberto Statti che ha saputo creare nel lametino una piccola oasi in cui la natura è curata e rispettata.

 

L'Asd Nik Run For Nicholas Green,è un'associazione fondata quest'anno per volere di Pietro Gatto,nata, come dice lo stesso Gatto come una famiglia che vede con occhi nuovi ciò che è vecchio e crede che nel benessere dell'individuo si possa trovare il benessere della comunità. Pietro Gatto dice: "Camminando, correndo e sudando vogliamo tracciare un nuovo percorso sportivo e sociale in città per tutti".

Sotto questo spirito, sono stati organizzati questi campionati regionali, il ritrovo per tutti gli atleti è stato, appunto l'azienda Statti, dove gli atleti, gli accompagnatori e i giudici, sono stati accolti a braccia aperte e dove a partire dalle 10:10 circa, si sono svolte le diverse gare per le diverse categorie master.

La prima partenza ha visto gareggiare le categorie SF35-SF55 e le SM60 ed oltre che hanno percorso 4 km, subito dopo è stata la volta delle SF60 ed oltre che hanno percorso 3 Km e degli SM35 SM40 che invece hanno percorso 6 Km, l'ultima partenza ha visto gareggiare gli SM45-50-55 che hanno percorso sempre 6 km.

 

La partecipazione degli atleti è stata molto numerosa e di questo l'organizzatore Pietro Gatto è stato molto contento, anche perchè , la gara è stata dedicata al grande atleta lametino Orazio, venuto a mancare da poco, e proprio alla partenza dell'ultima gara,a cui ha dato il via, la Campionessa italiana di Karate, Martina Di Cella e che è avvenuta alla presenza del Presidente regionale Fidal Ignazio Vita e del Sindaco di Lamezia Terme dottor Paolo Mascaro, è stato rispettato un minuto di silenzio in memoria di Orazio.

Tutte le gare si sono svolte su un percorso bellissimo immerso negli ulivi e una volta terminate, l'azienda Statti ha coccolato tutti con una degustazione dei loro prodotti, ovvero olio, vino, formaggi salumi e soprattutto una buonissima pizza appena sfornata.

La mattinata di sport si è conclusa con le premiazioni che ha visto l'assegnazione dei titoli regionali individuali master; il titolo SF35 è andato a Grabiella Di Giovanni della Violetta Club, dietro a lei si è piazzata Maria Pia Cardamone della Fiamma Catanzaro, terza Elena Ivanenko Team Basile.

 

Titolo SF40 Loredana Scarano- Atletica Sciuto, Valeria Debilio -Run For Catanzaro, Francesca Familiari - Libertas Lamezia.

Titolo SF45 Saffioti Concetta- Corri Con Noi palmi, Pasqualina Gualtieri - Run For Catanzaro, Rosa Scalise- Run For Catanzaro.

Titolo SF50 Souma Spyridoula- Cosenza K42, Graziella Di Stefano- Violetta Club, Michela Scalzo- Libertas Lamezia.

Titolo SF55 Maria Gabriella Bartoletti- Cosenza K42, Ivana Carnovale- Libertas Lamezia.

Titolo SF60 Silvana Gigante- Violetta Club, Rosetta Strancone- Cosenza K42.

 

Per quanto riguarda i titoli maschili: SM35 Salvatore Arena- Cosenza K42, Enoeda Basile- Team Basile, Fabrizio Rocca- Libertas Lamezia.

 

Titolo SM40 Vitaliano Rubino- Hobby Marathon Catanzaro, Massimo Palermo- Cosenza K42, Fabio Vazzana- Atletica Olympus.

Titolo SM45 Michelangelo Spingola- CorriCastrovillari, Francesco Turano- Cosenza K42, Vincenzo Mollica- Running Bagnara.

Titolo SM50 Antonio Cristiano- Libertas Lamezia, Calabrese Luigi- Cosenza K42, Federico Brancatelli- Libertas Lamezia.

Titolo SM55 Giuseppe Bruno- Libertas Lamezia, Vincenzo Falvo- Libertas Lamezia, Ruggero Scarcella- Violetta Club.

Titolo SM60 Alberto Adamo- Atletica Olympus, Giancarlo Bernardi- Libertas Lamezia, Antonio Loria- Atletica Sciuto.

Titolo SM65 Antonio Vigna- Libertas Lamezia, Lido Tundis- Team Basile, Ulberico Muzzi- Fiamma Catanzaro.

Titolo SM70 Benedetto Andreoli- Cosenza K42, Franco Armieri- Libertas Lamezia, Francesco Tafuri- Libertas Lamezia.

 

Questa bellissima mattinata di sport è stata sicuramente produttiva perchè ha assegnato i titoli regionali master e ci ha permesso di conoscere una straordinaria realtà calabrese, ovvero l'azienda Statti, ringraziamo per tutto ciò Alberto Statti che ha messo a disposizione la sua azienda, ringraziamo la Fidal Calabria, ringraziamo tutti gli atleti, tutti i giudici ed infine ringraziamo l'organizzatore Pietro Gatti che all'insegna di "Lavorare Insieme" ha organizzato una gara impeccabile.

 

Redazione Correre.org- Rossella Artusa    FotoGallery By Salvatore Auddino   FOTOGALLERY COMPLETA

 

Ogni mattina,

alzandoti, e ogni sera, prima di andare a dormire, ringrazia la vita dentro di te e per la vita tutta, per tutte le buone cose che il Creatore ha dato a te e agli altri, e per l’opportunità di crescere ogni giorno di più. Considera quanto hai fatto e pensato nel corso del giorno e chiedi il coraggio e la forza di diventare una persona migliore. Cerca quanto puo’ essere beneficio a tutti.

Rispetto. Rispetto significa:”sentire o dimostrare onore o stima per qualcuno o per qualcosa; considerare il benessere degli altri o trattare qualcuno o qualcosa con deferenza e cortesia”. Mostrare rispetto è un principio di base nella vita: tratta in ogni circostanza ogni persona, dal più piccolo bimbo al più maturo degli anziani, con rispetto

 

 

LE GARE DI OGGI 19 MARZO

 

Maratonina della Vittoria

Fabio Bernardi e Giovanna Ricotta vincono ma Maratonina della Vittoria andata in scena il 19 marzo, oltre 500 al via

Oltre 500 atleti hanno preso parte alla Maratonina della Vittoria andata in scena a Vittorio Veneto, in provincia di Treviso, nella mattinata di domenica 19 marzo 2017.

Il primo a tagliare il traguardo è stato l'esperto atleta di casa Fabio Bernardi che ha chiuso le fatiche dopo 1h10'43" precedendo Giuseppe Di Stefano (1h12'54") e Christian Salvador (1h13'46").

Domina invece Giovanna Ricotta che percorre i 21.097km in 1h21'29", dietro di lei Marta Santamaria (1h27'44") e Manuela Moro (1h28'42").

 

Maratonina Campovolo

Abderrahim Karim è il vincitore dell'edizione 2017 della 21.097km emiliana, al femminile successo per Isabella Morlini

E' l'esperto marocchino Abderrahim Karim il vincitore della Maratonina Campovolo che nella mattinata del 19 marzo 2017 ha raccolto nella località emiliana oltre 250 runners.

Il portacolori della TRC chiude i 21.097km previsti con il tempo di 1h11'31" precedendo di 21" Marco Ercoli e di un minuto esatto Emanuele Piacentini.

Tra le donne nettissimo successo di Isabella Morlini che in 1h21'34" ha la meglio su Manuela Marcolini (1h24'36") e Simona Rossi (1h30'51").

 

Corri per il Parco

Oltre 200 a Roma per la 27ma edizione della Corri per il Parco: successi per Davide Maugliani e Eleonora Bazzoni

Davide Maugliani e Eleonora Bazzoni sono i vincitori della 27ma edizione della Corri per il Parco, tradizionale appuntamento romano "offroad" che si disputa sulla distanza degli 8km.

Il portacolori dell'Atletica Licovaro taglia il traguardo dopo 27'20" precedendo Antonino Russo (28'05") e Alessandro Principi (28'49"). Più netto il successo della sarda del Runner's Academy che chiude in 32'55" davanti a Wendy Vanzolini (33'57") e Chiara Velocci (34'36").

In totale sono stati circa 250 gli atleti che hanno preso parte alla gara.

 

Meitzä Lauf

Ancora una vittoria per Michele Fantoli alla Meitzä Lauf, che si è tenuta questa mattina a Riale, in Alta Valle Formazza

Ancora una vittoria per Michele Fantoli alla Meitzä Lauf, che si è tenuta questa mattina a Riale, in Alta Valle Formazza. Il portacolori dell'ASD Caddese si è aggiudicato per la terza volta consecutiva la ciaspolata, oggi resa più difficile dalla neve particolarmente pesante a causa delle alte temperature; dopo una prima fase di studio, Fantoli ha forzato nella fase centrale della gara, staccando gli avversari e andando a vincere con il tempo 27'00"82.

Al secondo posto si è classificato il vincitore de La Traccia Bianca 2017, Alessandro Losa (GS Bognanco), che ha fatto fermare i cronometri sul tempo di 27'42"76; in terza posizione è arrivato Damiano Belotti (Ossola Sky Running), che ha percorso i circa 6 km del percorso ricavato nella piana di Riale in 28'16"02.

La gara femminile è vissuta sul duello tra Arianna Matli e Chiara Cerlini: la portacolori della Caddese ha lasciato sfogare l'atleta del GS Bognanco nella prima parte di gara, per poi superarla prima dell'ultima salita alla chiesa di Riale e involarsi verso il traguardo; Matli ha vinto con il tempo di 35'14"00, mentre Cerlini ha chiuso in 35'22"96.

Legami - potrò ancora cantare -

Scacciami - il mio mandolino

Risuonerà sincero, dentro -

Uccidimi - e la mia Anima salirà

Inneggiando in Paradiso -

Ancora tua -

Emily Dickinson

 

E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l'immensità dell'Oceano, ed il volgere degli astri.e si dimenticano di se medesimi

(Sant'Agostino)

 

Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia

(A.Karr)

 

Dovunque l'uomo voglia vendersi trova degli acquirenti

(Henri Lacordaire)

 

E' mia ambizione dire in dieci frasi quello che altri dicono in interi volumi

(Friedrich Nietzsche)

 

E' curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore

Giacomo Leepardi)

 

Maratona di Roma

Rosalba Console torna nella 42.195km della Capitale in una gara femminile che promette scintille, c'è anche Calcaterra

Quest’anno gli organizzatori hanno puntato molto sulla gara femminile, con l’obiettivo di assaltare il record della russa Galina Bogomolova (2:22.53) stabilito nel 2008, che ancora oggi è la migliore prestazione assoluta su suolo italiano. L’impresa sarà tentata dalla 30enne etiope Koreen Jelela, che vanta un personale di 2:22.43, ovvero 10 secondi sotto il record del tracciato di Roma, e la 25enne etiope Edesa Workenesh, che lo scorso anno ha fissato il suo personal best in 2:24.04.

Ma l’attenzione sarà riposta sul rientro in maratona, a quattro anni di distanza, di Rosaria Console, la fondista delle Fiamme Gialle che a Roma arrivò terza nel 2004 e che si presenta con un personale di 2:26.10. Dopo gli ultimi due test sulla mezza maratona, Console si è detta soddisfatta dei crono ed è pronta a puntare in alto, cercando di inserirsi nel gruppo delle africane che da 8 anni monopolizzano la gara. La 37enne atleta di Martina Franca avrà un pace maker d’eccezione: si tratta di Giorgio Calcaterra, il pluricampione del mondo di ultra maratona che alla Maratona di Roma ha sempre stupito per le sue imprese. Il runner romano avrà il compito di tenere il passo da lei indicato e motivarla durante l’intera gara. Grazie alla sua popolarità, Calcaterra avrà migliaia di spettatori che lo inciteranno e di conseguenza Console avrà dalla sua parte il calore dei romani.

Sempre per quanto riguarda la partecipazione di atleti italiani, il 2 aprile sarà in gara il campione italiano in carica Ahmed Nasef (p.b. 2:10.59), che punterà ad un piazzamento d’onore.

 

Ed Whitlock

 

E' morto ad 86 anni Ed Whitlock, il maratoneta che sin dagli anni '90 ha incantato il mondo con i suoi record Master

Ad una sola settimana dal suo 86mo compleanno Ed Whitlock uno dei più noti maratoneti Master del pianeta, è morto questa mattina al Princess Margaret Cancer Centre di Toronto.

In una nota la famiglia ha annunciato il triste evento: "La famiglia di Ed Whitlock è triste di comunicare la dipartita del suo caro avvenuta nella mattinata del 13 marzo 2017 dopo una battaglia con il cancro alla prostata. Ed aveva compiuto 86 anni il 6 marzo. La sua saggezza, il suo carattere e la sua forza mancheranno alla moglie Brenda, ai figli Neil e Clive ed alla sorella Catherine; la famiglia chiede ora il rispetto della privacy."

 

Dopo una buona carriera al British Club Runner delle High School Ed mise lo sport da parte per intraprendere la carriera di ingegnere in Canada per poi ritornare al primo amore in età adulta. Da Master ha stabilito numerosi record tra cui quello di essere il primo M70 della storia a scendere sotto il muro delle 3 ore sulla 42.195km correndo in 2h59'10" alla Scotiabank Toronto Waterfront Marathon 2003, gara nella quale si è sempre sentito di casa.

L'anno seguente Ed si è addirittura migliorato correndo in 2h54'49" a 73 anni, sempre a Toronto per poi stabilire nelle edizioni successive i record mondiali master tra gli M75, M80e e più recentemente degli M85 chiudendo in 3h56'38" la Toronto Marathon del 16 ottobre 2016. Withlock ci lascia con all'attivo 25 record mondiali master dai 1500m alla maratona.

Tristezza anche nelle parole di Alan Brookes, il direttore degli eventi podistici di Toronto, con la quale si era instaurata una vera e propria amicizia con Ed: "Siamo davvero rattristati da questa notizia, per noi era una vera e propria leggenda, è una enorme perdita per il Canada e per l'intera comunità dei runners mondiali. Molti di noi sognavano di vedere Ed stabilire record per sempre. L'intero movimento del running di Toronto e dell'intero Canada è cresciuto con Ed che ha corso tutte le nostre gare sin dagli anni '90 divenendo parte integrante dello spirito dei nostri eventi."

Brooks ha poi continuato dicendo che "Nel 2003 tutti rimanemmo shoccati nel vederlo correre sotto le 3h a 72 anni, fattore che l'anno seguente ha portato la nostra gara sotto i riflettori del mondo; basti pensare che nel 2003 la nostra maratona contava di 936 iscritti mentre nel 2004 ben 2.526".

 

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

 

~ Kahlil Gibran ~

 

Charlie Chaplin

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita

prima che l’opera finisca senza applausi…

100km del Passatore

Dopo le opportune verifiche sono 25 i concorrenti squalificati, 10 per aver saltato alcuni passaggi intermedi

Sono 25 i concorrenti squalificati a margine della 100km del Passatore 2016: 10 di loro sono stati depennati dalla classifica ufficiale in quanto non risultano essere transitati sul "tappetino" del rilevamento cronometrico in determinati punti del tracciato salvo poi risultare aver tagliato il traguardo, sintomo di probabili "tagli" od aiuti.

Della lista, che è possibile scoprire in coda ai risultati ufficiali con i nominativi accompagnati dalla dicitura DSQ, non fa parte l'atleta campano finito al centro delle polemiche per essere stato visto prendere un passaggio da una macchina in quanto, seppur non veritieri, risultano tutti gli intermedi cronometrici e nessun giudice, ne tantomento sono disponibili testimonianze foto/video, era presente al momento dell'accaduto.

 

Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,

l'intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.

Siamo stati messi al mondo

assieme ai nostri fratelli e sorelle,

con quelli che hanno quattro zampe,

con quelli che volano e con quelli che nuotano.

Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d'erba,

formano con noi una grande famiglia.

Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.

 

Attività tecnica: tutti gli azzurri in raduno 20 Marzo 2017

Il programma dell'attività tecnica federale con tanti atleti di tutte le specialità impegnati in periodi di preparazione in Italia e all’estero

Si è concluso sabato 18 marzo, al Centro di Preparazione Olimpica di Formia (Latina) il raduno federale riservato alla velocità e iniziato domenica 12 marzo. Un gruppo di 39 sprinter composto da Audrey Alloh (Fiamme Azzurre), Chiara Bazzoni (Esercito), Anna Bongiorni (Carabinieri), Federico Cattaneo (Atl. Riccardi Milano 1946), Maria Benedicta Chigbolu (Esercito), Riccardo Coriani (N. Atl. Fanfulla Lodigiana), Daniele Corsa (Folgore Brindisi), Lodovico Cortelazzo (Assindustria Sport Padova), Elisabetta De Andreis (Acsi Italia Atletica), Eseosa Desalu (Fiamme Gialle), Gaetano Di Franco (Enterprise Sport & Service), Ilenia Draisci (Esercito), Martina Favaretto (Aristide Coin Venezia 1949), Andrea Federici (Brixia Atletica 2014), Massimiliano Ferraro (Atl. Riccardi Milano 1946), Alessandro Galati (Atl. Futura Roma), Giovanni Galbieri (Aeronautica), Matteo Galvan (Fiamme Gialle), Gloria Hooper (Carabinieri), Giuseppe Leonardi (Carabinieri), Marco Lorenzi (Fiamme Gialle), Raphaela Lukudo (Esercito), Marta Maffioletti (Bracco Atletica), Davide Manenti (Aeronautica), Alice Mangione (Cus Palermo), Marta Milani (Esercito), Lucia Pasquale (Brixia Atletica 2014), Simone Pettenati (La Fratellanza 1874 Modena), Wanderson Polanco (Atl. Riccardi Milano 1946), Federico Ragunì (Cus Palermo), Irene Siragusa (Esercito), Simone Tanzilli (Atl. Riccardi Milano 1946), Daniela Tassani (Bracco Atletica), Chiara Torrisi (Cus Palermo), Michele Tricca (Fiamme Gialle), Alexandra Troiani (Cus Pro Patria Milano), Michael Tumi (Fiamme Oro Padova), Lorenzo Valentini (Fiamme Gialle), Ylenia Vitale (Libertas Friul Palmanova).

Sempre a Formia, dal 19 al 25 marzo, svolgeranno gli allenamenti 6 saltatori: Daniele Cavazzani (Atl. Studentesca Rieti Milardi), Fabrizio Donato (Fiamme Gialle), Marco Fassinotti (Aeronautica), Daniele Greco (Fiamme Oro Padova), Andrew Howe (Aeronautica), Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle).

Appuntamento al Centro di Preparazione Olimpica di Tirrenia (Pisa), dal 20 al 25 marzo, per 12 lanciatori: Valentina Aniballi (Esercito), Federico Apolloni (Aeronautica), Zahra Bani (Fiamme Azzurre), Roberto Bertolini (Fiamme Oro Padova), Norbert Bonvecchio (Atletica Trento), Simone Falloni (Aeronautica), Antonio Fent (Carabinieri), Hannes Kirchler (Carabinieri), Julaika Nicoletti (Carabinieri), Chiara Rosa (Fiamme Azzurre), Daniele Secci (Fiamme Gialle), Stefania Strumillo (Atletica 2005).

A Tirrenia convocati, dal 10 al 18 marzo, anche 5 marciatori: Teodorico Caporaso (Orionina), Leonardo Dei Tos (Athletic Club 96 Alperia), Antonella Palmisano (Fiamme Gialle), Federico Tontodonati (Aeronautica), Valentina Trapletti (Bracco Atletica). Quattro mezzofondisti a Grosseto, nell’ambito del raduno under 25 dal 17 al 25 marzo: Mohamed Abdikadar (Atl. Studentesca Rieti Milardi), Valeria Roffino (Fiamme Azzurre), Elena Romagnolo (Esercito) e Andrea Sanguinetti (Fiamme Oro Padova).

Altri azzurri si trovano invece all’estero. Dal 3 marzo al 2 aprile, a Eldoret (Kenya) le mezzofondiste Margherita Magnani (Fiamme Gialle) e Yusneysi Santiusti (Assindustria Sport Padova), mentre negli Stati Uniti il marciatore Marco De Luca (Fiamme Gialle), ad Albuquerque (New Mexico) dal 28 febbraio al 20 marzo, e i mezzofondisti Giordano Benedetti (Fiamme Gialle) e Yeman Crippa (Fiamme Oro Padova), a Flagstaff (Arizona) dal 13 marzo al 10 aprile.

Tempo di raduno anche per gli specialisti della corsa in montagna, con 22 atleti a Darfo Boario Terme (Brescia) dal 20 al 26 marzo: Alex Baldaccini (Atl. Valle Brembana), Barbara Bani (Freezone), Valentina Belotti (Atl. Alta Valtellina), Sara Bottarelli (Freezone), Luca Cagnati (Atl. Valli Bergamasche Leffe), Nadir Cavagna (Atl. Valle Brembana), Xavier Chevrier (Atl. Valli Bergamasche Leffe), Roberta Ciappini (Csi Morbegno), Ilaria Dal Magro (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), Bernard Dematteis (Corrintime), Martin Dematteis (Corrintime), Marco Filosi (Valchiese), Alice Gaggi (La Recastello Radici Group), Samantha Galassi (La Recastello Radici Group), Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe), Francesco Puppi (Atl. Valle Brembana), Alessandro Rambaldini (Atl. Valli Bergamasche Leffe), Nicola Spada (Atl. Valli Bergamasche Leffe), Tommaso Vaccina (Cambiaso Risso Running Team Genova), Alberto Vender (Valchiese), Federica Zanne (Atl. Brescia 1950), Giulia Zanne (Atl. Brescia 1950).

 

Siamo a 300 grazie a v oi

Siamo donne uomini e marziani

Siamo il coraggio

che ti fa cominciare

la passione per continuare

la sfida con te stesso

Siamo le gocce di sudore

le lacrime di gioia

il bacio alla terra di Gelindo

il pugno al cielo di Stefano

Siamo i master pieni di futuro

i chili che hai perso

i compagni di strada

che altrimenti

non avresti conosciuto

Siamo borracce, canfora

e pipì dietro gli alberi

Siamo la tua prima maratona

e non saremo l'ultima

neve, deserto, pietr e città

e polvere di pioggia

e rispetto dell'avversario

Siamo albe

di colazioni al miele

buio di sentieri da trail

tende e veglie nella 24 ore

scarpe che non vuoi

ti buttino via

siamo bottega amara

di cortesia

Siamo domande, dubbi,

perchè, errori, infortuni

Siamo e saremo solo

tempi di passaggio.

 

Master: altre 11 medaglie a Daegu 20 Marzo 2017

Due nuovi titoli per gli atleti italiani in Corea del Sud, ai Mondiali “over 35” in sala

Pioggia di medaglie per la rappresentativa italiana a Daegu, in Corea del Sud, nella seconda giornata dei Campionati Mondiali Master Indoor: 2 ori, 6 argenti e 3 bronzi, che portano così il totale provvisorio a 12 podi sommando il titolo conquistato ieri. Entrambi i successi di oggi arrivano dalla corsa campestre. Al maschile il viterbese Rolando Di Marco (Atl. Di Marco Sport) festeggia la seconda affermazione iridata della carriera, che si aggiunge a quella della scorsa edizione sulla mezza maratona, e anche l’argento a squadre M65 insieme a Paolo Pellegrini e Renato Goretti, ambedue portacolori della Track & Field Master Grosseto. Nel cross femminile c’è invece il primo oro mondiale di Chiara Gallorini (Track & Field Master Grosseto), tra le W40. Dopo aver indossato la maglia azzurra giovanile, è tornata alle gare pochi mesi prima degli Europei non stadia ospitati due anni fa nella sua città, mentre finora si era messa al collo quattro medaglie nelle rassegne continentali.

Vittoria sfiorata da Monica Buizza (Atl. Virtus Castenedolo) nell’alto W50. La bresciana di Bedizzole cercava il bis, visto che scendeva in pedana da campionessa mondiale all’aperto in carica. Un’impresa mancata di un soffio: infatti eguaglia la sua migliore prestazione nazionale superando 1,50 alla terza prova, come la cilena Marcela Barrientos, ma paga due errori alle quote precedenti (1,38 e 1,44) e si deve accontentare dell’argento. Stesso metallo nei 3000 di marcia M50 in 14:12.68 per il catanese Walter Arena (Atl.

Chiara Gallorini

La squadra italiana M65 di cross: Paolo Pellegrini, Rolando Di Marco, Renato Goretti

Biotekna Marcon), ex iridato in sala nel 2012 e autore di un tris d’oro all’aperto nel 2013 per far seguito a una carriera da protagonista ai massimi livelli: una partecipazione olimpica, tre mondiali ed è ancora il detentore del record italiano assoluto nella 20 km su pista.

Nel peso M60 secondo posto con 11,79 di Lorenzo Locati (Atl. Monza) e anche l’altra squadra italiana nel cross riesce a cogliere l’argento con Claudio Faraoni (Atl. Di Marco Sport), che fa suo il bronzo individuale, Gianfranco Belluomo (Puntese San Giovanni La Punta) e Flavio Bertuzzo (Atl. Cairo) nella categoria M55. Due italiani sul podio nei 3000 di marcia M35: Francesco Scafuro (Track & Field Master Grosseto) chiude secondo in 13:11.82 davanti al 14:09.61 di Igor Sapunov (Aristide Coin Venezia 1949) che prosegue la tradizione di famiglia dopo l’oro vinto nella giornata inaugurale dalla mamma Natalia Marcenco. Ancora un podio nel lungo per il brindisino Stefano Tarì (Amatori Atl. Acquaviva), bronzo M45 con 6,19 nella gara dominata dal fuoriclasse svedese Mattias Sunneborn (6,43). Cadono altri due record mondiali: nel lungo M65 ad opera del tedesco Klemens Grissmer con 5,38 e sui 3000 di marcia M65 portati a termine dal messicano José Luis Lopez Camarena in 14:17.97. Domani la terza giornata della rassegna iridata “over 35” al coperto, sempre con diretta streaming. Cliccando sul link sottostante è possibile consultare il medagliere con i risultati di tutti gli atleti italiani ai Mondiali Master Indoor 2017.

RomaOstia: in due sotto l'ora 12 Marzo 2017

Vittorie dell’etiope Adola (59:18) e della keniana Cherono (1h07:01) nella tradizionale mezza maratona della capitale con più di 12.500 iscritti. Al femminile settima l’azzurra Console in 1h12:19

 

Lo sport, va da dire che le discipline sportive sono tante, di sicuro il loro papà si chiama sport ed è il proprietario di tutte le attività psico- fisiche. Quando si intraprende una disciplina, si entra far parte di un mondo diverso, un mondo fatto di regole e di rispetto, un mondo che ti matura dentro l'anima e ti fa sopportare fatiche immense,un mondo che ti ricompensa con momenti di vera felicità, è come il contadino quando ara la terra e semina, all'inizio è sofferenza e stanchezza ma poi arriva il tempo del raccolto dei frutti; chi ha seminato bene raccoglie frutti buoni. Quando sono arrivato qui a mileto non avevo né terra né alberi da frutto, allora, ho pensato che bisognava seminare qualcosa e così ho fatto; ho seminato quello che la vita mi ha insegnato ossia amare la natura, vivere lo sport come stile di vita, avere rispetto delle cose e degli altri, e così, anche io, mi ritrovo a raccogliere i frutti della mia semina che si chiamano amicizia, amore, fraternità; cose che ultimamente sono diventate una merce molto rara. Se non avessi divulgato lo sport ,oggi , non avrei avuto gli amici che ho, che mi fanno sentire importante e mai solo, sono fiero di loro e ne ho molta stima; questa ricchezza va conservata gelosamente e anche se a volte abbiamo opinioni diverse, è bene,perché ciò serve a cementare e a far diventare sempre più forte il legame che ci unisce. Tutto ciò però, non è farina del nostro sacco ma semplicemente lo sport che ci ha uniti, padre buono dei valori importanti della nostra vita sociale. Salvatore Auddino 30 gennaio 2009

Anche quest’anno si corre veloce alla RomaOstia. Nella 43esima edizione della classica mezza maratona dalla capitale al mare, targata IAAF Gold Label Road Race, arrivano risultati cronometrici di alto livello internazionale con il successo in 59:18 di Guye Adola. Il 26enne etiope, bronzo iridato sui 21,097 chilometri nel 2014, precede il keniano Justus Kangogo a sua volta sotto il muro dell’ora con 59:31 dopo aver guidato a lungo la gara, davanti ai connazionali Peter Kwemoi Ndorobo (1h00:13) che sale un gradino rispetto alla quarta posizione dell’anno scorso e Philip Kangogo (1h00:57), mentre è quinto l’ugandese Geoffrey Kusuro (1h01:15). Era dal 2011 che un etiope non si aggiudicava la prova maschile, mentre per la settima volta consecutiva il vincitore finisce in meno di 60 minuti. Primo italiano al traguardo l’umbro Riccardo Passeri (Tx Fitness), dodicesimo in 1h06:11 seguito da Giovanni Gualdi (Corrintime, 13° con 1h06:19) e Manuel Cominotto (Esercito, 14° in 1h06:41). Grande partecipazione come sempre, con oltre 12.500 iscritti.

Tra le donne, netta affermazione della keniana Gladys Cherono. La campionessa mondiale del 2014 firma il secondo tempo di sempre nella storia della gara con 1h07:01. Alle sue spalle l’altra keniana Angela Tanui in 1h07:43 con il terzo posto in rimonta dell’etiope Aselefech Mergia (1h08:46), argento iridato nel 2008 e bronzo ai Mondiali di maratona nella stagione successiva. Chiude al settimo posto Rosaria Console (Fiamme Gialle), tricolore assoluta e azzurra agli Europei di Amsterdam, che in 1h12:19 centra il suo miglior crono stagionale sulla distanza per un buon test in vista della maratona di Roma del 2 aprile.

43ª RomaOstia (21,097 km)

Uomini: 1. Guye Adola (ETH) 59:18; 2. Justus Kangogo (KEN) 59:31; 3. Peter Kwemoi Ndorobo (KEN) 1h00:13; 4. Philip Kangogo (KEN) 1h00:57; 5. Geoffrey Kusuro (UGA) 1h01:15; 6. Aziz Lahbabi (MAR) 1h02:41; 7. Hassan Chahdi (FRA) 1h02:51; 8. Langat Kipkirui (KEN) 1h03:25; 9. Henryk Szost (POL) 1h04:51; 10. Roman Fosti (EST) 1h05:21.

Donne: 1. Gladys Cherono (KEN) 1h07:01; 2. Angela Tanui (KEN) 1h07:43; 3. Aselefech Mergia (ETH) 1h08:46; 4. Rebecca Chesir (KEN) 1h09:01; 5. Muliyke Dekebo Haylemariyam (ETH) 1h09:10; 6. Izabela Trzaskalska (POL) 1h12:02; 7. Rosaria Console (ITA) 1h12:19; 8. Kuma Dibabe (ETH) 1h12:30; 9. Maria Grazia Bianchi (ITA) 1h20:06; 10. Paola Salvatori (ITA) 1h20:23.

 

Risultati/Result

 

Chiesi a Dio...

di essere forte per eseguire progetti grandiosi:

Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse la salute

per realizzare grandi imprese:

egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto:

mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere

perché gli uomini avessero bisogno di me:

egli mi ha dato l'umiliazione

perché io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita:

mi ha lasciato la vita

perché potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello

che chiedevo,

ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno

e quasi contro la mia volontà.

Le preghiere che non feci furono esaudite.

Sii lodato; o mio Signore,

fra tutti gli uomini

nessuno possiede quello che ho io!

Kirk Kilgour

Entra qui

Created By Correre.org

Created By correre.org

 

A.S.D. Miletomarathon Presidente Salvatore Auddino  Sede: Via Cattaneo 28 - 89852 Mileto (VV) - C:F:e.P.iva:96025290790 - Codice Fidal VV 363 - Coni: Registro Nazionale N°921312 -ASI CAL-VV0084 - Tl.09631936630 - Cell.3388306612

 

info@correre.org

miletomarathon@libero.it

salvatoreauddino@email.it 

 

Correre.org e Miletomarathon Webmaster Salvatore Auddino