ATTENZIONE TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE SCARICABILI GRATUITAMENTE LE TROVERETE IN ARCHIVIO GENERALE NEL MENU' DI SINISTRA "EVENT SUL TERRITORIO". ---- GARE NAZIONALI DI FEBBRAIO--  17/02 B I^ Grand Prix Nazionale di Corsa Campestre CROSS Piazza Armerina (EN)  17/02 B XXXVI^ Strabusseto in Maschera km 21,097 STRADA Busseto (PR)  17/02 B III^ Martina Locorotondo Sciot & Vnot 10 miglia - km 16,093 STRADA Martina Franca (TA)  17/02 B IX^ Maratona di San Valentino km 42,195 STRADA Terni (TR)  17/02 B IX^ Maratona di San Valentino km 21,097 STRADA Terni (TR)  17/02 G XII^ Gensan Giulietta e Romeo Half Marathon km 21,097 STRADA Verona (VR)  17/02 B III^ Monferrun km 21,097 STRADA Canelli (AT)  22-24/02 N CAMPIONATI ITALIANI INDOOR MASTER INDOOR Ancona (AN)  23-24/02 N CAMPIONATI ITALIANI INVERNALI DI LANCI: ASSOLUTI - PROMESSE - GIOVANILI (JUN/ALL) - Finale Nazionale OUTDOOR Lucca (LU)  24/02 B III^ World Running Academy Half Marathon km 21,097 STRADA Carrara (MS)  24/02 G VI^ Napoli City Half Marathon km 21,097 STRADA Napoli (NA)  24/02 B XXII^ Maratona delle Terre Verdiane km 42,195 STRADA Salsomaggiore Terme (PR)  24/02 B XVIII^ Maratonina Citta' di Treviglio km 21,097 STRADA Treviglio (BG)  24/02 B XXII^ Mezza Maratona Fontanellato - Verdimarathon km 21,097 STRADA Salsomaggiore Terme (PR)  24/02 B II^ Napoli 5km Grand Prix km 5 STRADA Napoli (NA)  24/02 B XX^ Maratonina Salento d'Amare km 21,097 STRADA Parabita (LE)  24/02 B XV^ Mezza Maratona di Trecate - ANNULLATA km 21,097 STRADA Trecate (NO)  24/02 B III^ White Marble Marathon km 42,195 STRADA Carrara (MS)  24/02 N 2^ Prova del CAMPIONATO di SOCIETA' di CROSS (i Comitati Regionali sono liberi di organizzare i Campionati Regionali Individuali insieme al CdS oppure in altra data) entro il 24 febbraio 2019 CROSS Sedi Varie --

ISCRIZIONI SONO STATE PROROGATE A MARTEDI 12

LE GARE NAZIONALI DI FEBBRAIO 2019---------------  17/02 B I^ Grand Prix Nazionale di Corsa Campestre CROSS Piazza Armerina (EN)  17/02 B XXXVI^ Strabusseto in Maschera km 21,097 STRADA Busseto (PR)  17/02 B III^ Martina Locorotondo Sciot & Vnot 10 miglia - km 16,093 STRADA Martina Franca (TA)  17/02 B IX^ Maratona di San Valentino km 42,195 STRADA Terni (TR)  17/02 B IX^ Maratona di San Valentino km 21,097 STRADA Terni (TR)  17/02 G XII^ Gensan Giulietta e Romeo Half Marathon km 21,097 STRADA Verona (VR)  17/02 B III^ Monferrun km 21,097 STRADA Canelli (AT)  22-24/02 N CAMPIONATI ITALIANI INDOOR MASTER INDOOR Ancona (AN)  23-24/02 N CAMPIONATI ITALIANI INVERNALI DI LANCI: ASSOLUTI - PROMESSE - GIOVANILI (JUN/ALL) - Finale Nazionale OUTDOOR Lucca (LU)  24/02 B III^ World Running Academy Half Marathon km 21,097 STRADA Carrara (MS)  24/02 G VI^ Napoli City Half Marathon km 21,097 STRADA Napoli (NA)  24/02 B XXII^ Maratona delle Terre Verdiane km 42,195 STRADA Salsomaggiore Terme (PR)  24/02 B XVIII^ Maratonina Citta' di Treviglio km 21,097 STRADA Treviglio (BG)  24/02 B XXII^ Mezza Maratona Fontanellato - Verdimarathon km 21,097 STRADA Salsomaggiore Terme (PR)  24/02 B II^ Napoli 5km Grand Prix km 5 STRADA Napoli (NA)  24/02 B XX^ Maratonina Salento d'Amare km 21,097 STRADA Parabita (LE)  24/02 B XV^ Mezza Maratona di Trecate - ANNULLATA km 21,097 STRADA Trecate (NO)  24/02 B III^ White Marble Marathon km 42,195 STRADA Carrara (MS)  24/02 N 2^ Prova del CAMPIONATO di SOCIETA' di CROSS (i Comitati Regionali sono liberi di organizzare i Campionati Regionali Individuali insieme al CdS oppure in altra data) entro il 24 febbraio 2019 CROSS Sedi Varie -- ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ GARE REGIONALI CALABRIA FEBBRAIO 2019 ---------------------  17/02 R San Michele Cross Country 7^ Edizione - CdS Master Cross Fase Regionale CROSS Cetraro (CS)  17/02 R Trofeo Calabria Invernale di Marcia su strada tutte le categorie STRADA Borgia (CZ)  24/02 R 2^ Serragiumenta Cross CdS Cross Ass/All m/f - 2^ prova regionale Campionati Regionali Individuali Cross Eso/Rag/Cad m/f CROSS Altomonte (CS)

compleanno/birthdays

cumpleanos/anniversaires 

geburtstage                                               

Sono le di

Segnala questo sito Introduci la E-mail del destinatario

Barletta 10 febbraio 2019 "Barletta Half Marathon"

 

Oltre 2000 a Barletta per l'edizione 2019 della Barletta Half Marathon: vincono Pasquale Selvarolo e Daniela Tropiano

 

Oltre 2000 a Barletta per l'edizione 2019 della Barletta Half Marathon che nella giornata di domenica 10 febbraio ha incoronato l'azzurro classe 1999 Pasquale Selvarolo e la pugliese Daniela Tropiano in una delle 21.097km che si conferma tra le più apprezzate del sud italiana.

 

Selvarolo, tesserato per l'Atletica Casone Noceto, chiude le fatiche in 1h09'53" sfiorando di una decina di secondi il suo primato personale. Sul podio saliranno anche Pasquale Rutigliano (1h11'29") e Massimiliano Strappato (1h12'11").

 

Netto anche il successo della portacolori dell'Atletica Monopoli che corre in 1h27'06" davanti a Paola Di TIllo (1h28'49") e ad Alessandra Scatigna (1h32'22").

 

Risultati

Per conoscere la vostra posizione societaria cliccare sulla  Regione

Siamo forti maratoneti perchè siamo il piede dell’Italia

Created By Correre.org

Tutte le edizioni della Normanna foto video montepremi

Roma domenica 10 febbraio 2019 "Corsa del Ricordo"

Oltre 1000 atleti al via della gara in ricordo delle vittime delle Foibe: vincono Rafal Nordwing e Sofiya Yaremchuk

 

Emozioni, solennemente scandite dalle note dell’Inno di Mameli, e tanta, tantissima partecipazione, con oltre 1000 al via, fra gara competitiva e non, in rappresentanza dei più importanti gruppi sportivi di Roma e di società provenienti da tutto il centro sud.

 

A far da ala agli atleti lungo il percorso tantissima gente che ha voluto partecipare insieme ai protagonisti a questa particolare giornata che va al di la degli aspetti meramente sportivi.

 

La VI Edizione della Corsa del Ricordo, mai come in questa edizione, ha commemorato nelle strade del quartiere Giuliano Dalmata, le vittime delle Foibe e l’esodo forzato degli italiani negli anni tragici post Seconda Guerra Mondiale. La gara, che quest’anno si è corsa proprio nel Giorno del Ricordo, ha dunque risposto appieno alle aspettative di Asi, l’Ente che ha promosso ed organizzato l’evento, delle Associazioni e delle famiglie di coloro che lasciarono la propria casa e che oggi più che mai vogliono che la memoria non si spenga.

 

Dal punto di vista tecnico la manifestazione è stata onorata dalla presenza di atleti di livello internazionale che dato hanno lustro alla gara dandosi battaglia sui 10 chilometri disegnati sull’impegnativo percorso che ha attraversato le strade del Laurentino, percorrendo anche l’interno della Città Militare della Cecchignola. Fra gli uomini sin dalle prime battute è stato un terzetto a prendere il comando della corsa.

 

Un vero e proprio testa a testa fra il polacco Rafal Nordwing, l’eritreo Amaniel Freedom e l’etiope Biniyam Adugna che hanno fatto hanno fatto il vuoto alle loro spalle per giocarsi negli ultimi chilometri la vittoria finale.

Lo scatto decisivo di Nordwing, intorno al nono chilometro in prossimità della salita che precede l’arrivo, gli ha consentito di prendere un leggero margine di vantaggio sui due irriducibili avversari i quali si sono dovuti arrendere ed accontentarsi delle piazze che valgono il podio. 32.05 il tempo del vincitore.

Provincia di Vibo Valentia

Fra le donne il successo è andata alla favorita della vigilia, Sofiya Yaremchuk, già vincitrice della passata edizione. L’atleta ucraina ha fatto corsa solitaria staccando di quasi due minuti l’ottima Camille Chenaux, l’atleta italo-svizzera piazzatasi al posto d’onore. Terzo posto per Sara Carnicelli compagna di squadra della Chenaux.

Al fianco dei podisti un nutrito gruppo di marciatori, oltre 60 fra uomini e donne, hanno preso parte, sui 3 chilometri del percorso della non competitiva, al Trofeo Tokyo 1964 dando vita ad una gara nella gara che ogni anno cresce dal punto di vista della partecipazione e della qualità degli atleti. Fra gli uomini il primo a tagliare il traguardo è stato Daniele Dalcon davanti a Carlo Capitani mentre fra le donne un tandem della Liberatletica Daniela Ricciutelli e Melania Aurizzi hanno fatto la gara in testa classificandosi nell’ordine.

Tantissime le autorità presenti per le cerimonie commemorative, che hanno avuto inizio con le note de’ Il Silenzio intonate da un trombettiere dei bersaglieri. Presenti Daniele Frongia, Assessore allo Sport di Roma Capitale, Roberto Tavani, in rappresentanza di Nicola Zingaretti presidente della Regione Lazio, Fabio Martelli, presidente di Fidal Lazio, Riccardo Viola, presidente del Coni Lazio, Claudio Barbaro Presidente di Asi, il Senatore Maurizio Gasparri, il Deputato Maria Tripodi, Marco Cerisola, presidente del consiglio Municipale Roma IX, Roberto Cipolletti, ideatore della manifestazione e presidente di Asi Lazio, Sandro Giorgi, Responsabile Nazionale di Asi Atletica, Andrea Roberti della Giunta Esecutiva Asi.

 

Presenti inoltre, in rappresentanza delle Associazioni degli Esuli, Donatella Schurtzel (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia), Carla Cace (Associazione Nazionale Dalmata), Marino Micich (Società di Studi Fiumani).

 

Fra i premiati gli organizzatori hanno voluto dare un particolare riconoscimento all’atleta più giovane, Geremia Taino di 16 anni, e al più anziano, Enrico Mariotti che ha festeggiato le 85 primavere

 

I RISULTATI/Result

 

Ogni mattina,

alzandoti, e ogni sera, prima di andare a dormire, ringrazia la vita dentro di te e per la vita tutta, per tutte le buone cose che il Creatore ha dato a te e agli altri, e per l’opportunità di crescere ogni giorno di più. Considera quanto hai fatto e pensato nel corso del giorno e chiedi il coraggio e la forza di diventare una persona migliore. Cerca quanto puo’ essere beneficio a tutti.

Rispetto. Rispetto significa:”sentire o dimostrare onore o stima per qualcuno o per qualcosa; considerare il benessere degli altri o trattare qualcuno o qualcosa con deferenza e cortesia”. Mostrare rispetto è un principio di base nella vita: tratta in ogni circostanza ogni persona, dal più piccolo bimbo al più maturo degli anziani, con rispetto

 

La Mezza del Castello

Sara Dossena vince la 15ma edizione de La Mezza del Castello con il miglior crono italiano del 2019

Supera il muro dei 1000 arrivati la 15ma edizione de La Mezza del Castello andata in scena a Vittuone nella mattinata di domenica 10 febbraio 2019: primi sul traguardo sono risultati essere Roberto Dimiccoli e l'azzurra Sara Dossena, sesta assoluta.

Il portacolori dell'Unione Sportiva San Maurizio ha completato i 21.097km in 1h10'32" precedendo Claudio Alberto (1h11'12") e Fabio De Angeli (1h11'20").

La Dossena corre invece in 1h13'26", vale a dire miglior crono italiano del 2019, avendo nettamente la meglio su Chiara Milanesi (1h24'54") e Valentina Dameno (1h26'32").

Risultati

Corrifregene

Fabio Lupinetti e Michela Ciprietti sono i vincitori della quinta edizione della Corrifregene: tutti i risultati

Sono stati oltre 1000 i runners che nella mattinata di domenica 10 febbraio 2019 si sono presentati al via della quinta edizione della Corrifregene, gara di 21km alla quale è stata abbinata una non competitiva di 7km.

Fabio Lupinetti è stato il primo atleta capace di tagliare il traguardo, e lo ha fatto con un riscontro cronometrico di 1h14'16"; podio completato da Fabrzio Chiominto (1h15'12") e Giulio Conforti (1h15'14").

Al femminile successo per Michela Ciprietti, che ha chiuso con il crono di 1h25'55" davanti a Cecilia Tirelli (1h30'09") ed a Luminita Lungu (1h33'38").

Risultati

 

Straliterno

Nell'8° edizione della Straliterno trionfi maghrebini con Youssef Aich e Hanane Janat, oltre 1200 i runners al via

Sono stati oltre 1200 i runners che nella mattinata di domenica 10 febbraio 2019 hanno preso parte all'ottava edizione della Straliterno, gara di 10km su strada che si è snodata a Villa Literno (CE).

Il primo a tagliare il traguardo è stato Youssef Aich che con il crono di 30'34" ha preceduto di 10" Gennaro Varrella, completa il podio Francesco Tescione (32'50").

Marocco anche al femminile con l'esperta Hanane Janat che corre in 36'00" avendo nettamente la meglio su Grazia Razzano (38'54") e Loredana Lamberti (39'48").

Risultati

Drammatico 3000 ai Millrose Games di New York, crolla a terra il giamaicano Campbell 10 febbraio 2019

 

 

Il corridore giamaicano Kemoy Campbell è stato portato all’ospedale sabato dopo che è crollato e ha smesso di respirare durante i 3000 metri ai Millrose Games di New York.

 

Campbell, 28 anni, durante il sesto giro è caduto dalla pista sopraelevata nel campo vicino dove era in corso la gara di gettog del peso maschile.

 

Gli spettatori dell’angolo sud-ovest dell’Armory urlavano invano affinché la gara fosse interrotta imentre i funzionari della pista tentavano di rianimare l’olimpionico del 2016 fino all’arrivo dei paramedici, che eseguivano il CPR e lo trattavano con un defibrillatore esterno automatico mentre l’altra giaceva immobile.

 

 

Un portavoce dei paramedici non ha immediatamente fornito ulteriori informazioni sulle condizioni di Campbell.

 

 

Legami - potrò ancora cantare -

Scacciami - il mio mandolino

Risuonerà sincero, dentro -

Uccidimi - e la mia Anima salirà

Inneggiando in Paradiso -

Ancora tua -

Emily Dickinson

 

E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l'immensità dell'Oceano, ed il volgere degli astri.e si dimenticano di se medesimi

(Sant'Agostino)

 

Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia

(A.Karr)

 

Dovunque l'uomo voglia vendersi trova degli acquirenti

(Henri Lacordaire)

 

E' mia ambizione dire in dieci frasi quello che altri dicono in interi volumi

(Friedrich Nietzsche)

 

E' curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore

Giacomo Leepardi)

Genzebe Dibaba a caccia del record mondiale nei 1000 stasera a Liévin (Fra)10 febbraio 2019

 

 

Tornato al programma dall’anno scorso, l’incontro di Liévin vuole diventare di nuovo il più grande incontro al coperto del mondo, come negli anni 2000. Per questo, gli organizzatori non hanno lesinato per inventare un plateau di grande livello. Gli spettatori non si sono sbagliati: non ci sono più biglietti disponibili per questa sera da diversi giorni.

 

Tra i punti salienti previsti, il tentativo del record mondiale di Genzebe Dibaba sui 1.000 metri (2’30”94) avrà il formidabile onore di chiudere la serata. L’etiope, che detiene già i record dei 1500 m ai 3000 m, cerca quello che ancora gli sfugge ancora.

 

Anche il mezzofondo giocherà un ruolo importante in serata, visto che e previsto anche un 1500m maschile con Elia Manangoi insieme a Gibuti Ayanleh Souleiman l’etiope Samuel Tefera. Gli uomini del 800 metteranno in evidenza il polacco Marcin Lewandowski, fresco di record personale.

 

Lo sprint non sarà da meno, poiché sul rettilineo tornerà dopo molti mesi in pista Jimmy Vicaut (Sco Sainte-Marguerite Marseille). Il detentore del record europeo nei 100m gestisce i suoi 60 metri contro Arthur Cisse (EFS Reims A) e Amaury Golitin (EC Orleans CJF).

 

Nelle donne, c’è la vice-campionessa del mondo l’ ivoriana Marie Josée Ta Lou (francese Stage), che inizia con il favore delle previsioni, anche se Carolle Zahi (Pays de Fontainebleau Athlé) vorrà renderle la vita difficile.

Ras Al Khaimah

Spettacolo alla RAK Half Marathon: Julian Wanders corre il nuovo record europeo, 11 uomini sotto il muro dei 60'!

Non delude le aspettative la Mezza Maratona di Ras Al Khaimah con un numero record di 11 uomini che hanno infranto la barriera di un'ora sui 21.097km, ed un terzetto di donne che hanno lottato per la supremazia in uno sprint finale che le ha portate tutte sotto i 66 minuti.

In una mattinata perfetta, con le strade del nuovo circuito del complesso di Al Marjan Island baciate dal sole, un gruppo ristretto di donne è partito deciso superando i 10 km in 31:02 ed i 15 in 46:43, fino a quesl momento il gruppo constava di 5 unità, tra cui la campionessa mondiale di mezza maratona Netsanet Gudeta e la connazionale etiope Senbere Teferi.

Il gruppo si è poio ridotto a tre al 20mo chilometro (62:26), con la sorprendente Zeineba Yimer ancora in lizza. Nonostante il ritmo forsennato, nessuna delle tre ha fatto la differenza ed alla fine l'ha spuntata la Teferi sulla Gudeta; 65:45 il crono di entrambe ma la Gudeta diventa oggi la debuttante più veloce della storia sulla Mezza. Completa il podio la Yimer in 65:46 mentre dietro altre 5 atlete hanno corso sotto l'ora e dieci minuti, compresa la Campionessa Mondiale 2017 Peres Jepchirchir che quest'oggi rientrava in gara dopo la maternità.

Al maschile invece si è transitati al 5km in 14:13 ed al 10° in 28:10. Poco dopo il ventunenne Abadi Hadis si è reso protagonista di una brusca accelerazione facendo un'evitabile scrematura nel gruppo di testa. Al 15km rimanevano soli al comando l'etiope ed il 20enne keniano Stephen Kiprop.

La sfida è proseguita fino alle battute conclusive quando Kiprop riusciva a scrollarsi di dosso l'avversario e chiudere in 58:42, Hadis chiude in 58:44 mentre il podio sarà completato da Fikadu Haftu (59:08).

A fare notizia è però il quarto posto dell'elvetico Julien Wanders che grazie ad uno straordinario 59:13 scalza Mo Farah e si prende il nuovo record europeo sui 21.097km.

 

Sito Ufficiale   Risultati/Result

 

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

 

~ Kahlil Gibran ~

Charlie Chaplin

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita

prima che l’opera finisca senza applausi…

Santa Margherita Ligure 3 febbraio 2019 "La Mezza delle due Perle"

Primien Manirafasha e Valeria Straneo sono i vincitori della 14° Mezza Maratona internazionale delle due perle

Domenica 3 febbraio oltre 600 sono stati i partenti, a Santa Margherita Ligure (Genova), in occasione della 14° Mezza Maratona internazionale delle due perle, che ha avuto il grande significato di rinascita sportiva dopo la catastrofe ecologica (mareggiata) del 29 ottobre 2018.

 

Un nuovo percorso (giro di lancio verso il centro cittadino e andirivieni verso la magnifica Abbazia della Cervara) ha visto fin dall’inizio la fuga del ruandese (residente in Toscana) Primien Manirafasha sul piede dei 20 chilometri orari.

Solo il keniano Denis Kiyaka ha cercato di seguirne l’andatura, tallonato a circa 100 m da Ahmed Nasef. Poi, nell’ordine, Corrado Pronzati, Gebrehanna Savio, Mohamed Rity e tutti i migliori liguri. Un pò più staccati due “miti” come il campione mondiale 1995 Martin Fiz e l’ultramaratoneta Giorgio Calcaterra.

Tra le donne subito in testa la primatista azzurra di maratona Valeria Straneo. Manirafasha man mano ha incrementato il vantaggio, fino a vincere in assoluta solitudine in 1h04’32”. Ahmed Nasef, che ha recuperato molto nel finale, ha conquistato il secondo posto in 1h07’06” davanti a un esausto Kiyaka, 1h07’16”. Primi liguri al traguardo rispettivamente Gebrehanna Savio (Cambiaso Risso, quarto in 1h10’21”) e Corrado Pronzati (Team 42.195, quinto in 1h10’45”). Fra le donne vittoria senza discussioni per Valeria Straneo (Laguna Running) in 1h18’02” davanti a Margherita Cibei (Atletica Alta Toscana, 1h21’45”) e a Silva Dondero (Maratoneti Genovesi), 1h26’15”. Di rilievo le prestazioni di Fiz, primo della categoria M55 in 1h16’01”, e di Giorgio Calcaterra, 11° in 1h17’44”.

 

Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,

l'intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.

Siamo stati messi al mondo

assieme ai nostri fratelli e sorelle,

con quelli che hanno quattro zampe,

con quelli che volano e con quelli che nuotano.

Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d'erba,

formano con noi una grande famiglia.

Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.

I RISULTATI COMPLETI

Uomini: 1° Manirafasha (Ruanda) 1h04’32”; 2° Nasef (Atletica Desio) 1h07’06”; 3° Kiyaka (Kenya) 1h07’16”; 4° Savio (Cambiaso Risso) 1h10’21”; 5° Pronzati (Team 42195) 1h10’45”; 6° EL Jaoui (Delta Spedizioni) 1h15’18”; 7° Denegri (Novese) 1h15’21”; 8° Imberciadori (Frecce Zena) 1h15’37”; 9° Fiz (Spagna) 1h16’01”; 10° Cangiano (Albenga Runners) 1h17’05”; 11° Calcaterra (Calcaterra Sport) 1h17’44”.

Donne: 1° Straneo (Laguna Running )1h18’02”; 2° Cibei (Atletica Alta Toscana ) 1h21’44”; 3° Dondero (Maratoneti Genovesi) 1h26’14”; 4° Meneghetti (Albenga Runners) 1h26’47”; 5° Pilla (Atletica San Marco) 1h28’30”.

Straneo, test nella mezza in Liguria 03 Febbraio 2019

La primatista italiana di maratona vince a Santa Margherita Ligure: "Ottimo allenamento, buone sensazioni"

Seconda uscita stagionale per Valeria Straneo. La primatista italiana della 42 km ha partecipato stamattina alla Mezza Maratona Internazionale delle Due Perle di Santa Margherita Ligure (Genova), un test in vista degli appuntamenti primaverili. La 42enne alessandrina del Laguna Running ha completato la propria prova al primo posto nella classifica femminile (1h18.02) dopo aver già corso 14 km in precedenza, per un totale di una mattinata da 35 km. “A casa mia è nevicato parecchio - le parole della Straneo, passata di recente sotto la guida tecnica dell'olimpionico Stefano Baldini - ho preferito venire qui in Liguria per trovare più caldo e strade pulite.

 Ho iniziato con 14 chilometri, di cui i primi 5 molto tranquilli. Poi mi sono alleggerita, mi sono cambiata e sono partita dopo una decina di minuti per la mezza. Ottimo allenamento, buone sensazioni. Tutto sta procedendo per il meglio e speriamo di andare avanti sempre così”.

La Straneo, che giovedì ha cominciato il proprio 2019 con il terzo posto a Modena nella Corrida di San Geminiano, ha in programma altre due mezze maratone nelle prossime settimane, il 17 febbraio a Verona e il 10 marzo alla RomaOstia. Al maschile la vittoria è andata al ruandese Primien Manirafasha (Atl. Dolomiti Belluno) in 1h04:32. Ieri nella Portofino Run (10 km), sempre a Santa Margherita Ligure, esordio stagionale con vittoria per il portacolori delle Fiamme Oro Eyob Faniel (32:19).

- RISULTATI/Results

 

Siamo a 300 grazie a v oi

Siamo donne uomini e marziani

Siamo il coraggio

che ti fa cominciare

la passione per continuare

la sfida con te stesso

Siamo le gocce di sudore

le lacrime di gioia

il bacio alla terra di Gelindo

il pugno al cielo di Stefano

Siamo i master pieni di futuro

i chili che hai perso

i compagni di strada

che altrimenti

non avresti conosciuto

Siamo borracce, canfora

e pipì dietro gli alberi

Siamo la tua prima maratona

e non saremo l'ultima

neve, deserto, pietr e città

e polvere di pioggia

e rispetto dell'avversario

Siamo albe

di colazioni al miele

buio di sentieri da trail

tende e veglie nella 24 ore

scarpe che non vuoi

ti buttino via

siamo bottega amara

di cortesia

Siamo domande, dubbi,

perchè, errori, infortuni

Siamo e saremo solo

tempi di passaggio.

4a Coppa Sant’Agata: vincono Alessandro Brancato e Maria Grazia Bilello

Epilogo di gara col giallo, molti atleti non concludono il giro finale in pista di 400 metri e si ritrovano squalificati. A farne le spese anche Chiara Immesi lanciata verso la vittoria

 

Splende il sole allo stadio Angelo Massimo di Catania, che stamane ha accolto circa 600 atleti provenienti da ogni parte della Sicilia. L’occasione è la 4a Coppa Sant’Agata, manifestazione legata alle festività “agatine”, che ha arricchito la mini olimpiade che in questa settimana ha ulteriormente animato a Catania la festa di Sant’Agata, che già nelle prossime ore vivrà il suo momento più sentito e coinvolgente.

Organizzato dalla Fortitudo Catania, sotto l’egida della Fidal e con il patrocinio del Comune di Catania – Assessorato allo Sport, del Comitato per la Festa di Sant’Agata e del CONI, la 4a Coppa Sant’Agata ha di fatto aperto il 25° Grand Prix Sicilia di corsa su strada. Apertura di manifestazione con l’esibizione di tre handbike; quattro i giri attorno al Cibali con capo fila il monrealese Salvo Campanella.

Dieci i chilometri, di un percorso studiato tutto attorno alla struttura del “Cibali”, con partenza e arrivo al suo interno. Giri ridotti invece per donne over 60 e gli uomini sopra i 75 anni. A vincere sono stati Alessandro Brancato (Parco Alpi Apuane) e Maria Grazia Bilello (Universitas Palermo).

Lo svolgersi della gara ha però raccontato una storia con un epilogo amaro per tanti atleti. Conclusi i sei giri infatti sono stati non pochi quelli a non aver capito o ricordato che prima del traguardo bisognava compiere un giro di anello completo. Quattrocento metri fatali anche per la battistrada Chiara Immesi fermatasi a 9600 metri con gara compromessa. L’atleta Universitas ripartita dopo un paio di minuti ha concluso lo stesso la gara perdendo ben tre posizioni. Il successo così è andato a Maria Grazia Bilello, alle sue spalle le agguerrite gemelle Vassallo, Barbara e Francesca. Tutti coloro invece che non hanno effettuato i 400 metri finali sono incappati nella squalifica, e dunque non classificati.

Tutto normale, almeno per le prime posizioni tra gli uomini, con Brancato subito schizzato alla partenza e diventato imprendibile per gli avversari. Un passo diverso fra l’atleta che vanta un personale in maratona di 2h17’59 e gli avversari. Così la battaglia è stata tutta per il resto del podio con Luigi Spinali (vincitore delle ultime tre edizioni della Coppa Sant’Agata), che allo sprint ha battuto Antonino Liuzzo.

Un imprevisto che è diventato un rompicapo per tutti, organizzatori e giudici compresi. La scelta è stata quella di premiare per la Coppa Sant’Agata tutti coloro che hanno concluso regolarmente i 10.000 metri.

Discorso diverso per quanto riguarda il Grand Prix Sicilia, manifestazione che, oltre all’agonismo, punta alla promozione del podismo; già nelle prossime ore gli organizzatori troveranno un escamotage per non penalizzare nessuno, soprattutto coloro che non hanno concluso la gara di Catania.

Facile pensare che potrebbero rientrare tutti a punti magari con classifica “ferma” sui 9600 metri, distanza percorsa dalla totalità degli atleti. Nel pomeriggio la cerimonia di premiazione dei podi assoluti si è svolta presso l’Aula Magna del Palazzo della Cultura, insieme a tutte le federazioni sportive che hanno preso parte alla settimana sportiva promossa dal CONI nell’ambito dei festeggiamenti in onore di Sant’Agata, patrona di Catania.

 

Reportage di Sicilia runnig Michele Amato

Risultati/result

Mezza Maratona Bergamo

Francesco Bona e Eliana Patelli sono i vincitori della Mezza Maratona di Bergamo, oltre 1000 i runners al via

Supera ampiamente il muro dei 1000 arrivati l'edizione 2019 della Mezza Maratona di Bergamo che, oltre alla 21.097km, ha visto molti altri runners nella 10km, competitiva e non, e nella staffetta.

Nella gara principale affermazione dell'aviere Francesco Bona che taglia il traguardo dopo 1h07'51" precedendo Giovanni Gualdi (1h09'38") e Claudio Chiarini (1h16'54").

Al femminile Eliana Patelli chiude in 1h19'41", dietro di lei Giulia Montagnin (1h20'09") e Giovanna Ricotta (1h20'36").

Risultati

StabiaeAequa

Giorgio Mario Nigro e Hanane Janat fanno loro l'edizione 2019 della StabiaeAequa Half Marathon

Sono stati 800 i runners che nella mattinata di domenica 3 febbraio 2019 hanno preso parte alla StabiaeAequa Half Marathon di Castellammare di Stabia, a vincere sono stati Giorgio Mario Nigro e Hanane Janat.

Il portacolori della Carmax Camaldolese ha chiuso con il tempo di 1h12'47" precedendo Hamid Kadiri (1h13'28") e Massimiliano Fiorillo (1h14'47").

Al femminile la marocchina vince in 1h23'59", podio completato da Ilenia Nicchinello (1h30'08") e Alessandra Ambrosio (1h30'24").

Risultati

Athletes' Run

Oltre 650 a Vicofertile per la 17ma edizione della El Fathaoui: a vincere sono Yassine El Fathaoui e Rosa Alfieri

Sono stati oltre 650 gli atleti che nella mattinata di domenica 3 febbraio 2019 hanno preso parte alla 17ma edizione della Athletes' Run, gara di 10km che va in scena a Vicofertile e valido come 1° prova del campionato provinciale di Parma e come prova per la Mezza Combinata.

Il primo a tagliare il traguardo è stato Yassine El Fathaoui, capace di correre in 31'59" davanti a Yonas Tsegaye (32'28") e Said Ahmed Mohamud (32'48").

Al femminile la spunta Rosa Alfieri con il crono di 38'40", dietro di lei Fiorenza Pierli (38'59") e Laura Ricci (39'03").

Risultati

Trofeo Oltrarno

Hicam Midar e Hodan Mohamed Mohamud sono i vincitori della 33ma edizione del Trofeo Oltrarno di Firenze

In 600 a Firenze per la 33ma edizione del Trofeo Oltrarno, ormai classico appuntamento del running toscano che è andato in scena domenica 3 febbraio 2019 su un percorso di 14km.

Al maschile doppietta marocchina con Hicam Midar che chiude in 50'28" davanti al connazionale e vincitore due anni fa Lablaida Abdelolamed (50'32"). Più staccato Samuele Cassi (51'09").

Tra le donne c'è il terzo successo consecutivo per Hodan Mohamed Mohamud che completa le fatiche dopo 56'38" avendo la meglio su Tiziana Gianotti (57'46") e Laura Chiaramonti (58'45").

Risultati

 

 

Lo sport, va da dire che le discipline sportive sono tante, di sicuro il loro papà si chiama sport ed è il proprietario di tutte le attività psico- fisiche. Quando si intraprende una disciplina, si entra far parte di un mondo diverso, un mondo fatto di regole e di rispetto, un mondo che ti matura dentro l'anima e ti fa sopportare fatiche immense,un mondo che ti ricompensa con momenti di vera felicità, è come il contadino quando ara la terra e semina, all'inizio è sofferenza e stanchezza ma poi arriva il tempo del raccolto dei frutti; chi ha seminato bene raccoglie frutti buoni. Quando sono arrivato qui a mileto non avevo né terra né alberi da frutto, allora, ho pensato che bisognava seminare qualcosa e così ho fatto; ho seminato quello che la vita mi ha insegnato ossia amare la natura, vivere lo sport come stile di vita, avere rispetto delle cose e degli altri, e così, anche io, mi ritrovo a raccogliere i frutti della mia semina che si chiamano amicizia, amore, fraternità; cose che ultimamente sono diventate una merce molto rara. Se non avessi divulgato lo sport ,oggi , non avrei avuto gli amici che ho, che mi fanno sentire importante e mai solo, sono fiero di loro e ne ho molta stima; questa ricchezza va conservata gelosamente e anche se a volte abbiamo opinioni diverse, è bene,perché ciò serve a cementare e a far diventare sempre più forte il legame che ci unisce. Tutto ciò però, non è farina del nostro sacco ma semplicemente lo sport che ci ha uniti, padre buono dei valori importanti della nostra vita sociale. Salvatore Auddino 30 gennaio 2009

Cross: Casone Noceto, secondo posto in Coppa 03 Febbraio 2019

Ad Albufeira, in Portogallo, il team emiliano riporta l’Italia sul podio nel trofeo continentale con la vittoria dell’ugandese Kiplimo. Nella gara under 20, settima La Fratellanza 1874 Modena al femminile.

 

Una squadra italiana sul podio ad Albufeira, in Portogallo, nella Coppa Europa per club di cross. Gli uomini dell’Atletica Casone Noceto conquistano il secondo posto nella gara senior maschile con 52 punti, preceduti soltanto dagli spagnoli dell’Atletismo Bikila Toledo (43) ma davanti a tutte le altre formazioni con i portoghesi dello Sporting Lisbona, campioni uscenti, terzi a quota 69.

 

A trascinare il team emiliano è l’ugandese Jacob Kiplimo che si prende il successo individuale in 29:00 sui 9,730 km. Fondamentali anche i piazzamenti dell’azzurro Ahmed El Mazoury, tricolore di mezza maratona, quattordicesimo in 30:34 e del piemontese Italo Quazzola, 18esimo con 30:38, per la società che nella scorsa stagione si è aggiudicata lo scudetto e migliora notevolmente il settimo posto di un anno fa in Coppa Europa.

Completa il risultato collettivo l’altro azzurro Yassine Rachik, bronzo europeo di maratona, 19esimo al traguardo con 30:38 insieme a Vincenzo Agnello, 31esimo in 31:19, e Ahmed Ouhda, 47esimo con 32:03. La vittoria di Kiplimo, dominatore della stagione di cross a livello mondiale, arriva grazie all’allungo decisivo nell’ultimo giro per staccare il keniano Davis Kiplangat (Sporting Lisbona, 29:01), leader della scorsa edizione, con cui fino a quel momento aveva condotto una gara di coppia, mentre è terzo lo svedese Robel Fsiha (Sparvagens, 29:50).

Era da sei anni, dal secondo posto delle Fiamme Gialle nel 2013, che una squadra italiana non riusciva a salire sul podio senior maschile nel trofeo continentale di corsa campestre.

Nella prova under 20 femminile, settimo posto per La Fratellanza 1874 Modena. A livello individuale, si mette in luce Martina Cornia che arriva quarta dopo una gara coraggiosa, in testa nella prima parte e poi recuperando una posizione nel finale. La 17enne emiliana, azzurra agli ultimi Europei di cross, chiude in 15:17 a soli dieci secondi dalla turca Emine Akbingol, vincitrice con 15:07 sui 4,270 km di un percorso asciutto e scorrevole, per condurre alla conferma del titolo le compagne di club del Fenerbahce. Piazza d’onore alla francese Emilie Renaud (15:10), terza invece la danese Anna Mark Helwigh (15:14) che aveva trionfato alle ultime due edizioni. Nella competizione a squadre, stesso ordine di classifica con il Fenerbahce Istanbul a imporsi nettamente (23 punti) davanti alle francesi del Clermont Athletisme Auvergne (69) e alle danesi dello Sparta Copenhagen (77). Lo score della Fratellanza 1874 Modena è di 117 punti, con il 24esimo posto di Bernadette Pulpito in 16:34, poi 40esima Chiara Tognin (17:19) e 49esima Chiara Di Giovanni (17:43). Conferma dello Sporting Lisbona nella gara senior femminile, con la vittoria individuale della keniana Fancy Cherono, e successo per i turchi del Darica Belediyesi tra gli under 20 al maschile, in cui davanti a tutti c’è il keniano Edward Zakayo Pingua.

l.c.

- RISULTATI/Results      - Il sito della manifestazione

Malore durante una corsa, salvato da un infermiere runner a Bari 2 febbraio 2019

Luca Benedetto è un infermiere in servizio presso il servizio di Emodinamica del Policlinico di Bari, ma da runner appassionato qual è, stava partecipando al 1° Cross Masseria Vero, memoria Vito Prezioso e Nino Danisi, organizzato dal quelli della Dynamyc Fitness Club.

 

Verso le 10:45 un iscritto alla gara si è improvvisamente accasciato al suolo, colto da malore. Per sua fortuna in quel frangente si è trovato a passare proprio Luca Benedetto, che non ci ha pensato un attivo a mollare tutto per correre in suo soccorso.

 

La prontezza di spirito e l’altruismo evidentemente non mancano al nostro infermiere, non è infatti la prima volta che si trova a soccorrere persone in difficoltà, sebbene fuori servizio. Le cronache riportano, per esempio, il salvataggio di un tifoso vittima infarto mentre assisteva dagli spalti del San Nicola alla partita Bari-Latina.

Luca Benedetto

Lagos 2 febbraio 2019

 

L’ Etiope LEGESE vince LA MARATONA DI LAGOS CITY … SI PORTA A CASA $ 50.000

 

Vittoria dell”etiope Sintayehu Legese che ha vinto l’edizione 2019 della Maratona di Lagos dopo aver raggiunto il traguardo in un tempo di 2:17:26. Il keniano Joshua è arrivato secondo.

 

Legese con questo successo intasca 50.000 dollari mentre il secondo classificato ne prende 40.000. Somme consistenti per una competizione che indubbiamente ha visto dei risultati cronometrici al quanto modesti.

RomaOstia

Pioggia di campioni per la 45ma edizione del 10 marzo: al via Tola, Meucci, La Rosa, Salpeter e Straneo

 

Nella Sala della Protomoteca del Campidoglio, Laura Duchi, Presidente di GS Bancari Romani GSBRun, affiancata dai conduttori di Rai Radio 2 Mauro Casciari e Silvia Boschero, ha presentato la 45^ Edizione della Huawei RomaOstia, la mezza maratona più partecipata d’Italia l’unica nel nostro paese a fregiarsi nel 2018 della Gold Label, massimo riconoscimento della IAAF, che ottiene per il settimo anno consecutivo.

 

Alla presenza delle Istituzioni, degli enti organizzatori, degli atleti e dei Partner, sono state illustrate le novità della gara in calendario il prossimo 10 marzo.

 

Chiesi a Dio...

di essere forte per eseguire progetti grandiosi:

Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse la salute

per realizzare grandi imprese:

egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto:

mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere

perché gli uomini avessero bisogno di me:

egli mi ha dato l'umiliazione

perché io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita:

mi ha lasciato la vita

perché potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello

che chiedevo,

ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno

e quasi contro la mia volontà.

Le preghiere che non feci furono esaudite.

Sii lodato; o mio Signore,

fra tutti gli uomini

nessuno possiede quello che ho io!

Kirk Kilgour

Created By Correre.org

Created By Correre.org

info@correre.org   3388306612/09631936630