ATTENZIONE TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE SCARICABILI GRATUITAMENTE LE TROVERETE IN ARCHIVIO GENERALE NEL MENU' DI SINISTRA "EVENT SUL TERRITORIO". ---- 19/01 B IV^ Winter Night Run TRAIL Dobbiaco/toblach BZ  19/01 I CAMPIONATI DEL MEDITERRANEO UNDER 23 INDOOR INDOOR Miramas --  20/01 S XLII^ Cross della Vallagarina CROSS Villa Lagarina (TN)  26-27/01 N CAMPIONATI ITALIANI DI PROVE MULTIPLE INDOOR INDOOR Padova (PD)  27/01 N C.D.S. DI MARCIA - 1^ Prova: km. 50 Sen/Pro M/F (Campionato Italiano Individuale) - (Passaggio ufficiale ai km 35) - km 20 Sen/Pro M/F - km 20 Jun M/F (Campionato Italiano Individuale) - km 10 Allievi M/F - CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE MASTER km 20 M MARCIA SU STRADA San Giorgio Di Gioiosa Marea ME  27/01 N 1^ prova del CAMPIONATO di SOCIETA' di CROSS (i Comitati Regionali possono organizzare i Campionati Regionali Individuali insieme al CdS oppure in altra data) entro il 27 gennaio 2019 CROSS Sedi Varie --  27/01 G LXXXVII^ Cinque Mulini km 11,5 U / km 8 J U / km 5,6 D e S / km 4,2 A CROSS San Vittore Olona (MI)  27/01 B XI^ Maratonina dello Jonio 2019 km 21,097 STRADA Gallipoli (LE)  27/01 B XVI^ Straragusa km 21,097 STRADA Ragusa (RG)  27/01 B XVI^ Maratona di Ragusa km 42,195 STRADA Ragusa (RG) 27/01 B II^ Trail della Disfida TRAIL Barletta (BT)  31/01 B XLV^ Corrida di San Geminiano km 13,350 STRADA Modena (MO) ****Nel rullo tutte le gare Nazionali mese per mese.Posizionate il mouse sopra e il rullo si fermerà.

 

Foligno

Tutte le edizioni della Normanna foto video montepremi

LE GARE NAZIONALI DI GENNAIO 2019--------------- 19/01 B IV^ Winter Night Run TRAIL Dobbiaco/toblach BZ  19/01 I CAMPIONATI DEL MEDITERRANEO UNDER 23 INDOOR INDOOR Miramas --  20/01 S XLII^ Cross della Vallagarina CROSS Villa Lagarina (TN)  26-27/01 N CAMPIONATI ITALIANI DI PROVE MULTIPLE INDOOR INDOOR Padova (PD)  27/01 N C.D.S. DI MARCIA - 1^ Prova: km. 50 Sen/Pro M/F (Campionato Italiano Individuale) - (Passaggio ufficiale ai km 35) - km 20 Sen/Pro M/F - km 20 Jun M/F (Campionato Italiano Individuale) - km 10 Allievi M/F - CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE MASTER km 20 M MARCIA SU STRADA San Giorgio Di Gioiosa Marea ME  27/01 N 1^ prova del CAMPIONATO di SOCIETA' di CROSS (i Comitati Regionali possono organizzare i Campionati Regionali Individuali insieme al CdS oppure in altra data) entro il 27 gennaio 2019 CROSS Sedi Varie --  27/01 G LXXXVII^ Cinque Mulini km 11,5 U / km 8 J U / km 5,6 D e S / km 4,2 A CROSS San Vittore Olona (MI)  27/01 B XI^ Maratonina dello Jonio 2019 km 21,097 STRADA Gallipoli (LE)  27/01 B XVI^ Straragusa km 21,097 STRADA Ragusa (RG)  27/01 B XVI^ Maratona di Ragusa km 42,195 STRADA Ragusa (RG) 27/01 B II^ Trail della Disfida TRAIL Barletta (BT)  31/01 B XLV^ Corrida di San Geminiano km 13,350 STRADA Modena (MO) ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ GARE REGIONALI CALABRIA GENNAIO 2019 ---------------------  26/01 R Campionati Invernali Lanci Giovanili/Assoluti 1^ prova regionale Campionati Regionali Invernali lanci Cad/Master - 1^ parte OUTDOOR Reggio Calabria RC  27/01 R Festa del Cross - 2^ Trofeo Città di Crotone CdS di Cross All/Ass m/f - 1^ prova regionale 2^ prova Calabria Cross Rag/Cad


Segnala questo sito Introduci la E-mail del destinatario

Santi del giorno

Ora esatta e fuso orario in tutti i paesi del Mondo calocola qui

MESSINA 13 GENNAIO 2019 "LOTTI E RALLO VINCONO L’UNDICESIMA MESSINA MARATHON”

L’evento organizzato dalla Polisportiva Odysseus è andato in scena con partenza e arrivo nei pressi di Piazza Unione Europea. L’emiliano si è aggiudicato la Maratona “Antonello da Messina”, stabilendo anche il record personale. L’atleta della Pol. Marsala Doc prima tra le donne. Nella Mezza Maratona “Eufemio da Messina” successi di Bonavita e Arco.

compleanno/birthdays

cumpleanos/anniversaires 

geburtstage                                               

L’evento organizzato dalla Polisportiva Odysseus è andato in scena con partenza e arrivo nei pressi di Piazza Unione Europea. L’emiliano si è aggiudicato la Maratona “Antonello da Messina”, stabilendo anche il record personale. L’atleta della Pol. Marsala Doc prima tra le donne. Nella Mezza Maratona “Eufemio da Messina” successi di Bonavita e Arco.

E’ scattata qualche minuto dopo le ore 9, nei pressi di Piazza Unione Europea, l’undicesima edizione della Messina Marathon. La manifestazione nazionale Fidal, ideata e promossa dalla Polisportiva Odysseus, ha visto partire inizialmente i maratoneti ed i partecipanti al fitwalking, la camminata di 10,548 km. Otto i giri della maratona, che ha messo in palio i titoli regionali individuali Assoluti e Master, ciascuno da 5,274 km, quattro per gli atleti impegnati nella Mezza maratona e due, invece, le tornate per quanto riguarda la Shakespeare Run, gare che hanno preso invece il via alle 10.30. Il percorso, più corto per motivi legati a sicurezza e viabilità, si è sviluppato tra viale Boccetta e viale Europa, passando davanti al Duomo, a Largo San Giacomo e a Piazza Cairoli, dunque nel centro storico messinese. Complessivamente quasi 700 i partecipanti. Tanti provenienti dall’intera Sicilia, dalla vicina Calabria e anche dalle altre regioni italiane. Presenti pure dall’estero runners di Polonia, Giappone, Usa, Gran Bretagna, Russia, Ucraina e Messico.

Nella Maratona “Antonello da Messina” di 42,195 km bella affermazione dell’emiliano Lorenzo Lotti, tesserato per la Corri Forrest, che ha stabilito il proprio personale giungendo al traguardo con il tempo di 2h31’53”.

<<E' il mio record. In un mese e venti giorni ho partecipato a quattro maratone, mantenendomi praticamente sempre su questi tempi. Andare sotto le 2h30’? Pensavo di fare la corsa insieme a Puccio, ma verso il ventiduesimo chilometro è calato un po' e da lì ho fatto la corsa da solo. Il percorso? A me è piaciuto tantissimo, era molto muscolare, non era piatto e c'era un po' di dislivello. Faccio quindi i complimenti all'organizzazione ad alla gente di Messina, la Sicilia è fantastica>> ha dichiarato un soddisfatto Lotti all’arrivo. Alle sue spalle, secondo posto per don Vincenzo Puccio, che all’esordio ufficiale con la maglia dell’Athletica Vaticana ha chiuso in 2h38’55”. Terzo Massimo Buccafusca (Club Atletica Partinico) in 2h51’10”. Tra le donne, prima Matilde Rallo (Pol. Marsala Doc) in 3h59’52”. Ha preceduto Valeria Sturniolo (Pisa Road Runners Club), seconda in 4h02’28” e Anna Maria Matone (Marathon Club Minervino), terza in 4h18’41”.

Per conoscere la vostra posizione societaria cliccare sulla  Regione

Yeman Crippa

Siamo forti maratoneti perchè siamo il piede dell’Italia

Nella mezza maratona “Eufemio da Messina”, sulla distanza di 21,097 km, per il secondo anno di fila ha vinto Francesco Bonavita della Podistica Messina, in 1h19’38”, davanti a Giuseppe Gaudioso del Running Palmi, secondo in 1h20’57” e Luigi Ruggia della Podistilocri, terzo in 1h20’59”. Nella prova femminile Caterina Arco (Atletica Barbas) si è imposta in 1h32’38”. Sul podio anche le messinesi Maria Pistone (Forte Gonzaga) con il crono di 1h35’47” e Clementina Picciolo (Polisportiva Monfortese Running), terza in 1h38’59”. Nella “Shakespeare Run” di 10,548 km, tra gli uomini successo di Francesco Nastasi (Ortigia Marcia) in 35’58”, poi Francesco De Caro e Giuseppe Trimarchi, entrambi della Podistica Messina, rispettivamente in 37’16” e 38’27”. Tra le donne ha prevalso Nadiya Sukharyna della Torrebianca in 44’28”. Seconda la britannica Valerie Anne Woodland della Podistica Messina in 47’56”, terza Francesca Colafati della Fidippide Messina con il crono di 49’27”.

 

Alla partenza il saluto del Sindaco Cateno De Luca, al quale è stato affidato il taglio del nastro: <<Ho visto nascere questa manifestazione, poi l'ho seguita come sostenitore della Polisportiva Odysseus che la organizza e ora essere qui da primo cittadino è per me una grande soddisfazione. La Messina Marathon è cresciuta ulteriormente e ciò testimonia la serietà e la professionalità con le quali si è lavorato in questi anni>>. Con lui gli Assessori Massimiliano Minutoli e Giuseppe Scattareggia: <<Conosco personalmente Antonello Aliberti e la Polisportiva Odysseus, una società che ha sempre operato bene. Anche quest'anno la buona riuscita della manifestazione è stata sotto gli occhi di tutti>> ha detto quest’ultimo.

 

Presenti, inoltre, il sub-commissario della FIDAL Sicilia, Davide Bandieramonte e il delegato provinciale del CONI, Alessandro Arcigli. Il patron Antonello Aliberti ha spiegato le variazioni approntate al percorso: <<Per motivi di sicurezza ci siamo dovuti adeguare al decreto riducendo il percorso, ma ciò ha potuto comunque rappresentare una diversa opportunità per gli atleti. La prima Maratona dell'anno, in otto giri, è stata infatti un’assoluta novità. Correre in sicurezza è per noi di primaria importanza. Abbiamo lavorato con il prezioso supporto del Comune, del sindaco Cateno De Luca che ci ha sempre aiutati, sin dalla prima edizione, anche sotto un’altra veste e di tutti gli assessori>>. Questo, infine, il commento del presidente della FIDAL Messina, Nunzio Scolaro: <<La Messina Marathon è l’evento che apre la stagione delle Maratone e delle Mezze. E’ stata premiata la collocazione in questo periodo della manifestazione. C’erano le condizioni ideali per gareggiare, con delle novità interessanti dal punto di vista tecnico. Lotti si è confermato campione, dopo l’exploit di Catania >>.

Associazione Dilettantistica Polisportiva Odysseus Messina

www.polisportivaodysseus.com mailto:info@polisportivaodysseus.com

 

Comunicato organizzatori  Foto organizzatori   Classifiche complete

Created By MiletoMarathon

Provincia di Vibo Valentia

Cross Villa Imperiale

A Galliera Veneta Simone Gobbo e Ilaria Bonetto trionfano nell'8va edizione del Cross Villa Imperiale

Oltre 1.300 atleti, in una giornata di sole e fango, hanno tenuto a battesimo la stagione regionale del cross, scattata oggia Galliera Veneta, nel Padovano. Ottimamente organizzato dall’Atletica Galliera Veneta, l’8° Cross “Villa Imperiale” – memorial Efrem De Poli era valido come prova inaugurale dei tre campionati regionali della specialità (assoluto, promozionale e master). Il trevigiano Simone Gobbo, al debutto con la maglia di Trevisatletica, e la vicentina Ilaria Bonetto (G.A. Bassano), hanno vinto le gare assolute. Gobbo ha chiuso i 10 chilometri maschili in 34’11”, staccando Luca Solone (Atl. Biotekna Marcon/34’35”) e il campione italiano dei 3000 siepi, Leonardo Feletto (Atl. Mogliano/34’37”). Ilaria Bonetto ha dominato la prova femminile sui 7 chilometri, in 28’16”, precedendo la copia della Boscaini Runners formata da Giovanna Ricotta e Sonia Conceicao Lopes.

Sotto il profilo individuale è stata la grande domenica degli atleti trevigiani. Oltre a Gobbo, altri tre portacolori di Marca sono saliti sul gradino più alto del podio nelle gare del settore assoluto: Abel Campeol (Silca Ultralite), primo tra gli juniores, Nicolò Bedini (Atletica San Biagio), vincitore senza problemi tra gli allievi, e Margherita De Mattia (Atl. Mogliano), leader tra le juniores in un gara che ha offerto un podio interamente trevigiano. Vicenza, oltre al successo di Ilaria Bonetto, ha festeggiato la volata vincente di Francesca Dalla Pozza (Atl. Vicentina) tra le allieve. Tra le società, leadership in classifica generale per Ana Atletica Feltre (uomini) e Atletica Ponzano (donne). In campo giovanile, vittorie per Sofyan Goudadi (Atl. Valdobbiadene) tra i cadetti, Elisa Clementi (Csi Atl. Provincia di Vicenza) tra le cadette, Lorenzo De Fanti (Gs Quantin Alpenplus) tra i ragazzi e Rachele Peloso (Atl. Marostica Vimar) tra le ragazze. Il Csi Atletica Provincia di Vicenza ha vinto il memorial Efrem De Poli, riservato alle società del settore promozionale, precedendo i bellunesi del Gs La Piave 2000 ed Expandia Atletica Insieme Verona. Nelle prove master che hanno aperto la mattinata, i più veloci sono stati l’ex ciclista professionista Massimo Cigana (Atl. Biotekna Marcon) sui 6 chilometri sino alla categoria SM55, Giorgio Centofante (Atl. Riviera del Brenta) sui 4 chilometri dedicati alle categorie over 60 e Augusta Cerci (Atl. Biotekna Marcon) in campo femminile (4 km). Prossima gara il 27 gennaio a Vittorio Veneto.

Risultati Completi

 

Ogni mattina,

alzandoti, e ogni sera, prima di andare a dormire, ringrazia la vita dentro di te e per la vita tutta, per tutte le buone cose che il Creatore ha dato a te e agli altri, e per l’opportunità di crescere ogni giorno di più. Considera quanto hai fatto e pensato nel corso del giorno e chiedi il coraggio e la forza di diventare una persona migliore. Cerca quanto puo’ essere beneficio a tutti.

Rispetto. Rispetto significa:”sentire o dimostrare onore o stima per qualcuno o per qualcosa; considerare il benessere degli altri o trattare qualcuno o qualcosa con deferenza e cortesia”. Mostrare rispetto è un principio di base nella vita: tratta in ogni circostanza ogni persona, dal più piccolo bimbo al più maturo degli anziani, con rispetto

 

NovaraIn 1200 a Novara per la 23ma edizione della Mezza Maratona di San Gaudenzio: successi per Belluschi e MilanesiSono Michele Belluschi e Chiara Milanesi i vincitori della 23ma edizione della Mezza Maratona di San Gaudenzio che, nella mattinata di domenica 13 gennaio 2019, ha visto correre per le strade di Novara circa 1200 runners.Il portacolori dell'Atletica Recanati ha completato i 21.097km in 1h10'22" avendo la meglio su Mattina Bertocchi (1h11'29") e Marco Ercoli (1h11'52").1h22'56" è invece il crono della Milanesi che salirà sul gradino più alto del podio accanto a Benedetta Broggi (1h24'55") e Debhora Li Sacchi (1h24'59").Risultati completi

 

Trofeo SanmartineseIn 500 a Campi Bisenzio per la 38ma edizione del Trofeo Sanmartinese: vittorie per Yuri Mazzei e Margherita CibeiIn 500 a Campi Bisenzio nella giornata di domenica 13 gennaio 2019 per la 38ma edizione del Trofeo Sanmartinese, gara di 15,4km valida anche come 28ma edizione del Trofeo Martiri di Valibona.Nella fredda ma soleggiata mattinata toscana e Yuri Mazzei a tagliare per primo il traguardo in 54'04", podio che sarà completato dal 20enne Ibrahima Sidibe (55'14") e da Andrea Brachi (55'24").Piuttosto delineata anche la gara femminile che ha registrato il successo di Margherita Cibei con il crono di 58'15", dietro di lei Caterina Deiana (62'08") e Costanza Del Bravo (62'27").Risultati completi

 

Terni Half MarathonPrimien Manirafasha e Sofiia Yaremchuk sono i vincitori dell'edizione 2019 della Mezza Maratona di TerniSono stati oltre 500 i runners che nella mattinata di domenica 13 gennaio 2019 hanno preso parte alla seconda edizione della Terni Half Marathon, 21.097km inserita nel calendario nazionale federale.Il primo a tagliare il traguardo è risultato essere il 29enne rwandese Primien Manirafasha che in un ottimo 1h04'13" ha preceduto piuttosto nettamente i keniani Dennis Bosire Kiyaka (1h05'26") e Philemon Kipchumba (1h08'03"). Quinto e primo italiano in 1h11'29" è Pasquale Rutigliano.L'ucraina Sofiia Yaremchuk, ormai sempre più protagonista nelle corse se strada italiana, vince la gara femminile (sesta assoluta) in un eccellente 1h11'59" abbattendo di oltre 4' il suo precedente primato. Completano il podio Aurora Ermini (1h19'03") e Eleonora Bazzoni (1h20'18").

Risultati completi

 

Latina Vertical Sprint

Miroslav e Martinucci in cima alla Torre Pontina: cambiano le gerarchie nel sesto Reale Mutua Latina Vertical SprintNomi nuovi sul podio più alto del sesto Reale Mutua Latina Vertical Sprint, dove si interrompe il dominio nelle donne di enka Sbabikova, che si piazza seconda alle spalle di Ivonne Martinucci, alla sua prima vittoria nella competizione, ma sorride ugualmente perché il vincitore nella categoria uomini è il compagno Burian Miroslav.La sesta edizione della scalata alla Torre Pontina a Latina si è confermato evento internazionale, vista la partecipazione di atleti cinesi, austriaci, cechi, spagnoli e argentini. Italia rappresentata in lungo e largo, da Taormina ai confini con la Svizzera, da Cittadella a Lucca.

Evento non solo per gli sportivi, perché al pubblico è stata data la possibilità di visitare Latina dall’alto, attraverso visite guidate organizzate dal Centro Turistico Giovanile.Come corollario tanti i momenti che hanno animato la domenica mattina, nel villaggio allestito ai piedi del grattacielo, che ospita l’unica tappa italiana del circuito mondiale Towerrunning per quote superiori ai 100 metri. Latina al cospetto di metropoli come New York, Dallas o Pechino.Apertura con Haki Doku, l’atleta paraolimpico italoalbanese, protagonista della discesa del grattacielo sulla siede a rotelle.

A seguire esibizioni di street trial, acrobazie su due ruote del biker pontino Matteo Corvo.Prima dello start ufficiale dato dal sindaco di Latina Damiano Coletta, scalata particolare di Mirko Montin, presidente del Running Club Latina, che da vigile del fuoco è salito con le dotazioni di protezione individuale, vale a dire 25 kg tra bombola di ossigeno, maschera e completo antifiamma. Non male l’esercitazione in 7’18’’. Gara in diretta mondiale sui canali social del Latina Vertical Sprint.

Torre Pontina, 128 metri, 38 piani e 737 scalini. Cifre importanti per uno sforzo muscolare breve e intenso, ma necessario per arrivare sino alla terrazza panoramica dalla quale era possibile ammirare la pianura tra Mar Tirreno e la catena dei Monti Lepini.Nessun record, ma molto equilibrio in una crono esaltata dalla formula delle due manche.

Legami - potrò ancora cantare -

Scacciami - il mio mandolino

Risuonerà sincero, dentro -

Uccidimi - e la mia Anima salirà

Inneggiando in Paradiso -

Ancora tua -

Emily Dickinson

 

E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l'immensità dell'Oceano, ed il volgere degli astri.e si dimenticano di se medesimi

(Sant'Agostino)

 

Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia

(A.Karr)

 

Dovunque l'uomo voglia vendersi trova degli acquirenti

(Henri Lacordaire)

 

E' mia ambizione dire in dieci frasi quello che altri dicono in interi volumi

(Friedrich Nietzsche)

 

E' curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore

Giacomo Leepardi)

 Partenze singole, per garantire il miglior tempo individuale senza i condizionamenti delle prove assolute.In finale i dieci migliori tempi degli uomini e i cinque migliori delle donne. Tra l’una e l’altra manche confermata la gerarchia nella categoria femminile, in quella maschile invece le posizioni sono cambiate sensibilmente.Nella finale le partenze ogni 45 secondi hanno decretato la seguente classifica: quinto posto Maria Grazia Capodiferro, Centro Fitness Montello, in 05’59’’; quarta Chiara Palenga (5’29’’) della SS Lazio Atletica Leggera; terza Teresa Galano dell’Atletica Caivano (5’16’’); seconda Lenka Svabikova della Repubblica che ha chiuso in 4’50’’, lasciando dopo tre vittorie lo scettro ad Ivonne Martinucci con 4’39’’. Per l’atleta della provincia di Sondrio, una grande soddisfazione che ripaga l’alta fedeltà al Latina Vertical Sprint, avendo partecipato a tutte e sei le edizioni.Saltate tutte e dieci le posizioni della prima manche maschile. Al termine della seconda questo l’ordine d’arrivo: decimo Sebastian Marin della Podistica Veio (4'30’’); nono l’apriliano Simone Spirito della OCR Team Italy in 4’29’; ottavo il sonninese Sergio Contenta (Asd Roccagorga) in 4’26’’; settima posizione per Marco Di Mambro (4’18’’); al sesto posto Marco Moretti della Flangar Non Flectar di Latina (4’10’’); quinto il veneto Antonio Zanella (Cittadella 1952) in 4’05’’; l’austriaco Rolf Majcen (Asd MCDonald’s LoosDorf) quarto in 4’04’’; terzo Pasquale Caramanica (Giovanni Scavo 2000) in 3’54’’, al quale non è bastato il miglior tempo assoluto della prima manche (3’57’’); secondo posto consecutivo per Fabio Triulzi (GP Valchiavenna) in 3’53’’ e primato di Burian Miroslav della Repubblica Ceca, che ha fermato il cronometro a 3’52’’.Premiati i primi tre di ogni categoria uomini e donne, mentre la società più numerosa è risultata la Crossfit Latina (29 tesserati).Il Vertical, gara Fidal, fa parte del circuito Opes “In Corsa Libera”. Organizzazione Latina Runners e Maione Store.I RISULTATI COMPLETI

Lamezia Terme 13 Gennaio 2109 "Campionato Regionale Individuale Di Cross All/Jun/Sen-Pro.1^ Prova Cross Ragazzi/Cadetti"

Vince il titolo individuale assoluto Maschile Antonio Amodeo della Marathon CS e quello femminile Francesca Paonessa della Hobby Marathon Catanzaro.

 

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

 

~ Kahlil Gibran ~

L'ASD Nik “Run for Nicholas Green” con il suo presidente Pietro Gatto con la collaborazione del Comitato Regionale Fidal con il suo Presidente Ignazio Vita e con la collaborazione della Violetta Club e del tutto fare Lino Piricò, hanno organizzato la prima prova di Campionato Regionale Individuale di cross; la manifestazione si è svolta a Lamezia Terme nella bellissima Azienda Statti dei fratelli Alberto e Antonio Statti che hanno creato una splendida azienda e hanno scelto di capitalizzare il legame profondo con la storia e la tradizione del territorio con lo sguardo sempre proiettato verso il futuro e l'innovazione.

La loro è una bellissima realtà calabrese, una realtà in cui si trova l'amore per la natura che traspare in ogni piccolo dettaglio, dagli alberi di ulivo che dominano con la loro maestosità, ai vigneti alla loro cura e attenzione, ai giardini intorno curati con gusto e dedizione.

In questo straordinario scenario della piana di Lamezia terme, si sono ritrovati gli atleti venuti a disputare la prima prova di cross del campionato calabrese; l'appuntamento per tutti è stato fissato alle 9:30, gli atleti sono stati accolti nella struttura dove hanno ritirato il proprio pettorale e poi piano piano, si sono disputate la varie gare e prove della giornata.

La bellissima mattinata di sport è iniziata con la gara dei più piccoli, ovvero esordienti, per poi continuare con la partenza dei ragazzi e ragazze, e poi cadetti e cadette, juniores ed infine master e assoluti; ognuno si è cimentato nella propria competizione, percorrendo la distanza che gli spettava,partendo da 300 m degli esordienti e finendo ai 10 km degli assoluti, su un circuito mozzafiato,studiato insieme al grande Maurizio Leone, un circuito che si snodava tra i maestosi ulivi che con i loro rami proteggevano e quasi abbracciavano gli atleti al loro passaggio.

Dal punto di vista metereologico, il tempo è stato clemente infatti il sole con i suoi tiepidi raggi ha illuminato la giornata ed ha mitigato il freddo del vento di tramontana che soffiava, permettendo agli atleti di esprimersi al meglio in un percorso di cross che mette sempre a dura prova i partecipanti.

Terminate tutte le gare, gli atleti sono stati deliziati da una buonissina degustazione dei prodotti dell'Azienda Statti, dall'ottimo vino al delizioso olio e dalle pizze sfornate al momento dai piazzaioli del ristorante il Boccone.

La mattinata si è conclusa con le premiazioni e poi ognuno è ritornato a casa propria con negli occhi l'immagine di un piccolo paradiso, con le pupille gustative cariche di sapori buoni e genuini e con il cuore felice per la bella competizione fatta.

Per questa bella esperienza sportiva ringraziamo Pietro Gatto, Lino Piricò, l'azienda Statti,la Fidal Calabria, i giudici, gli atleti e speriamo di ritrovarci il prossimo anno per un altro bellissimo cross.

 

Redazione Correre.org-Rossella Artusa        FotoGallery By Salvatore Auddino    Classifiche    Photogallery Gare Giovanili   Photogallery Gare Adulti

Charlie Chaplin

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita

prima che l’opera finisca senza applausi…

L'atletica siciliana verso il futuro 12 Gennaio 2019

Nell’evento “Con impegno verso il futuro”, ad Aci Castello (Catania), riconoscimenti per 18 cadetti, 16 allievi e 4 tecnici. Trofei speciali ad Antibo e Gibilisco.

Si è svolta oggi, nell’Hotel Four Points by Sheraton di Aci Castello (Catania), l’iniziativa che ha preso il nome di “Con impegno verso il futuro”: un’idea resa possibile grazie al prezioso sostegno di tre partners (Menarini Group, Femar Servizi Speciali, Nissan Comer Sud) e due official supplier (Four Points by Sheraton e Campo Marzio) che, con passione ed entusiasmo, hanno aderito al progetto. Niente coppe o targhe ma borse di studio per dare un input ai giovanissimi atleti, pronti ad affrontare nuovi traguardi sportivi.

Alla presenza del presidente FIDAL, Alfio Giomi, del vice presidente del CONI Sicilia, Sergio Parisi, dell’argento olimpico ai Giochi di Seul 1988, Totò Antibo e del campione mondiale di Parigi 2003, Giuseppe Gibilisco, del presidente della Federazione italiana scherma, Giorgio Scarso, del consigliere nazionale del CONI Orazio Arancio, la struttura commissariale composta dal commissario straordinario Vincenzo Parrinello e dai sub commissari Paolo Gozzo (area amministrativa) e Davide Bandieramonte (area tecnica), ha consegnato 34 borse di studio a giovani atleti (18 della categoria cadetti di 250 euro cadauna e 16 della categoria allievi di 350 euro cadauna), 4 borse di studio a tecnici di 500 euro e alcuni riconoscimenti speciali.

Le borse di studio sono state attribuite, a conclusione della stagione agonistica 2018, su indicazione di una giuria composta da giornalisti del settore appartenenti alle tre testate giornalistiche: Il Giornale di Sicilia, La Gazzetta del Sud e La Sicilia.

Il progetto ha voluto anche sensibilizzare tutto il movimento sulla necessità che l’atletica siciliana si spinga oltre le divisioni e riesca a trovare, puntando sui giovanissimi, quella serenità necessaria a raggiungere nuovi e prestigiosi traguardi, rinverdendo i fasti del passato tra cui due imprese particolarmente care: il podio olimpico di Totò Antibo, di cui è appena ricorso il trentennale, e a quindici anni dall’impresa l’alloro mondiale di Giuseppe Gibilisco. Le loro medaglie sono state ricordate dallo studioso e appassionato di atletica leggera Enzo Pennone, anche con l’ausilio di alcuni filmati e con vecchie copie della Gazzetta dello Sport, e premiate con due originali trofei in pietra lavica a significare come la forza della natura possa coniugarsi in modi diversi. Il riconoscimento ha ricordato le gesta dei due grandi campioni, suscitando non poca emozione tra i presenti.

 

Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,

l'intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.

Siamo stati messi al mondo

assieme ai nostri fratelli e sorelle,

con quelli che hanno quattro zampe,

con quelli che volano e con quelli che nuotano.

Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d'erba,

formano con noi una grande famiglia.

Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.

       ANTIBO                            PARRINELLO              GIBILISCO

Ad aprire la serie di interventi il commissario straordinario Vincenzo Parrinello: “Un pomeriggio di atletica, grazie al ricordo delle imprese di Antibo e Gibilisco e al coinvolgente racconto di Enzo Pennone abbiamo assistito a momenti di grande commozione. Spero che i giovani presenti oltre a ricevere la borsa di studio abbiano ricevuto un’iniezione di entusiasmo e passione”.

Nel corso degli interventi di saluto il vice presidente del CONI Sicilia, Sergio Parisi, che ha affermato: “Devo fare i complimenti a tutti per quest’iniziativa bellissima. Ringrazio in particolare il CONI Regionale per gli sforzi che ha fatto per far gestire i contributi alle Federazioni e sono felice del progetto presentato per il bando di concorso Sport e Periferie per rifare il Campo Scuola di Picanello”.

Infine, ha concluso gli interventi il presidente FIDAL Alfio Giomi:“Questo è un momento bellissimo, vedere insieme tanti giovani e ragazzi ma soprattutto è un momento di incontro tra le nuove generazioni e due leggende non solo dell’atletica leggera ma dello sport italiano”.

TUTTI I PREMIATI

Cadette: Erika Maisano (Atletica Villafranca), Giorgia Prazza (Trinacria Solarino), Gaia Denaro (Libertas Acate), Asia Policastrese (Atletica Villafranca), Sara Lucia (Arci XIII Dicembre Altofonte), Gilda Arceri (Real Paceco), Lorenza Blandi (Atletica Mazzarino), Marcella Roccasalva (Diana Siracusa) e Irene Scarpisi (Cus Palermo).

Cadetti: Francesco Milani (Siracusatletica), Giuseppe Scianna (Partinico Running), Alessandro Ben Chabene (No Doping RG), Nicolò Cannistrà (Atletica Villafranca), Matteo Buggea (Milone Siracusa), Vincenzo Naccarino (No Doping RG), Giuseppe Faliti (Torrebianca Messina), Paolo Cianci (Trinacria Solarino) e Gioele Ciravolo (Atletica Partinico).

Allieve: Francesca Reali (Cus Catania), Megane Aprile (Running Modica), Carola Leggio (No Doping), Arianna Del Bono (Atletica Villafranca), Claudia D’Antonio (SAL Catania), Eleonora Valtorta (Siracusatletica).

Allievi: Carmelo Cannizzaro (Running Modica), Riccardo Meli (Cus Palermo), Zouhir Sahran (Amatori Duilia Messina), Marc Sztandera (Siracusatletica), Christian Indelicato (Milone Siracusa), Matteo Melluzzo (Milone Siracusa), Raffaele Di Maggio (Cus Palermo), Paolo Morfino (Cus Palermo), Luca Grasso (Virtus Acireale), Vincenzo Nania (A. Duilia Messina).

Tecnici: Massimo Bianca (Young Runner Gela), Nino Bruno (Arci XIII Dicembre Altofonte), Salvatore Dell’Aquila (Siracusatletica) e Francesco Giannone (Atletica Mazzarino).

Riconoscimenti speciali 2018: Premio “L’atletica è cultura” a Pino Clemente, Premio “L’Atletica è storia” a Enzo Pennone, Premio “L’Atletica è rispetto delle regole” a Giovanni Lopez, Premio “L’Atletica è tradizione” al Gruppo Atletico Polisportivo Castelbuonese, Premio “L’Atletica è impegno sociale” a CorriCatania e Premio “L’Atletica è condivisione della propria passione” a Maratona Internazionale Città di Palermo.

(da comunicato CR FIDAL Sicilia)

 

- Il sito FIDAL Sicilia

 

Siamo a 300 grazie a v oi

Siamo donne uomini e marziani

Siamo il coraggio

che ti fa cominciare

la passione per continuare

la sfida con te stesso

Siamo le gocce di sudore

le lacrime di gioia

il bacio alla terra di Gelindo

il pugno al cielo di Stefano

Siamo i master pieni di futuro

i chili che hai perso

i compagni di strada

che altrimenti

non avresti conosciuto

Siamo borracce, canfora

e pipì dietro gli alberi

Siamo la tua prima maratona

e non saremo l'ultima

neve, deserto, pietr e città

e polvere di pioggia

e rispetto dell'avversario

Siamo albe

di colazioni al miele

buio di sentieri da trail

tende e veglie nella 24 ore

scarpe che non vuoi

ti buttino via

siamo bottega amara

di cortesia

Siamo domande, dubbi,

perchè, errori, infortuni

Siamo e saremo solo

tempi di passaggio.

20 anni di Corsa di Miguel l1 Gennaio 2019

Domenica 20 gennaio, sulle strade della capitale, torna la 10 chilometri di sport e solidarietà dedicata al poeta e maratoneta argentino desaparecido Miguel Sanchez

 

Lo sport, va da dire che le discipline sportive sono tante, di sicuro il loro papà si chiama sport ed è il proprietario di tutte le attività psico- fisiche. Quando si intraprende una disciplina, si entra far parte di un mondo diverso, un mondo fatto di regole e di rispetto, un mondo che ti matura dentro l'anima e ti fa sopportare fatiche immense,un mondo che ti ricompensa con momenti di vera felicità, è come il contadino quando ara la terra e semina, all'inizio è sofferenza e stanchezza ma poi arriva il tempo del raccolto dei frutti; chi ha seminato bene raccoglie frutti buoni. Quando sono arrivato qui a mileto non avevo né terra né alberi da frutto, allora, ho pensato che bisognava seminare qualcosa e così ho fatto; ho seminato quello che la vita mi ha insegnato ossia amare la natura, vivere lo sport come stile di vita, avere rispetto delle cose e degli altri, e così, anche io, mi ritrovo a raccogliere i frutti della mia semina che si chiamano amicizia, amore, fraternità; cose che ultimamente sono diventate una merce molto rara. Se non avessi divulgato lo sport ,oggi , non avrei avuto gli amici che ho, che mi fanno sentire importante e mai solo, sono fiero di loro e ne ho molta stima; questa ricchezza va conservata gelosamente e anche se a volte abbiamo opinioni diverse, è bene,perché ciò serve a cementare e a far diventare sempre più forte il legame che ci unisce. Tutto ciò però, non è farina del nostro sacco ma semplicemente lo sport che ci ha uniti, padre buono dei valori importanti della nostra vita sociale. Salvatore Auddino 30 gennaio 2009

La corsa che fa correre a tutti di nuovo al via. Fino al punto di toccare domenica 20 gennaio il suggestivo traguardo della ventesima edizione. Tutto è pronto per la Corsa di Miguel, la manifestazione podistica che ricorda a Roma la figura del maratoneta-poeta argentino desaparecido Miguel Sanchez. L’appuntamento si svolgerà sul classico percorso di 10 chilometri lungo il Tevere e all’interno del Parco del Foro Italico, per poi concludersi nell’atmosfera unica dello stadio Olimpico. L’obiettivo degli organizzatori del Club Atletico Centrale è quello di avvicinare quota 10 mila presenze e stabilire il record della manifestazione, che si svolge con le collaborazioni e i patrocini di FIDAL, Coni Servizi, Roma Capitale, Regione Lazio e Uisp Roma. Come sempre, l’università di Roma Foro Italico, che ospita anche la conferenza stampa, farà da quartier generale della manifestazione nelle ore febbrili che precedono il via.

Ancora volta il tema chiave sarà la bellezza dello stare insieme per sport, dicendo no a ogni tempo di muro, barriera, discriminazione. Così il pettorale numero 1 della gara competitiva andrà all’atleta paralimpico argentino Martin Sharples, un mito della storia della Corsa di Miguel, che correrà i 10 chilometri con una protesi e che arriverà appositamente dall’Argentina. Lo stesso pettorale, ma per la Strantirazzismo, la passeggiata per le scuole e le famiglie, sarà invece consegnato a Massimo Antonelli, ideatore e trascinatore della squadra multietnica giovanile Tam Tam basket di Castelvolturno. Ma ci saranno anche i ragazzi migranti del Cara di Castelnuovo di Porto grazie a un gemellaggio con il comune della cittadina della via Flaminia. Sempre più robusta la partecipazione del Sod Italia running team, che si presenterà con 7 joelette, spinte da 120 podisti, che consentiranno a ragazzi “trasportati” di poter vivere le emozioni della Corsa di Miguel.

Ma non mancheranno anche i campioni. Particolarmente suggestiva si presenta la gara femminile con in gara due vincitrici del passato, affezionatissime alla Corsa di Miguel: Rosaria Console (Fiamme Gialle), a segno quattro volte, e Laila Soufyane (Esercito). Da segnalare anche la presenza di Said El Otmani (Esercito) e della coppia dell’Aeronautica formata da Francesco Bona e Michele Fontana.

Fra le caratteristiche della Corsa di Miguel, come sempre, anche una colonna sonora d’autore. A chiudere la giornata, allo stadio dei Marmi Pietro Mennea, sarà infatti la Piccola Orchestra di Torpignattara, reduce dal grande successo dello spettacolo di Capodanno al Circo Massimo. Particolarmente importante anche la partnership con Radio 2, che si presenterà anche al via con una squadra di podisti formata fra gli ascoltatori, mentre in tv la giornata di domenica 20 sarà raccontata come sempre da RaiSport.

La manifestazione non si esaurirà in una sola giornata. Dopo la grande festa dello stadio Olimpico, infatti, partiranno le gare studentesche del Mille di Miguel e del Lungo di Jesse e Luz, anticipate già in autunno da più di 100 incontri nelle scuole di Roma e del Lazio sul tema della lotta al razzismo nello sport.

 

(da comunicato stampa Organizzatori)

San Giorgio su Legnano 06 Gennaio 2019 "Campaccio" Crippa ai piedi del podio

Nel cross a San Giorgio su Legnano l’azzurro quarto davanti a Meucci, che si piazza quinto come Dossena al femminile. Vittorie dell’etiope Gebrhiwet e della turca Can

Una sfida avvincente tra gli uomini e un assolo al femminile nel 62° Campaccio Cross Country. Sui prati di San Giorgio su Legnano (Milano), la stagione 2019 prende il via con una grande classica della corsa campestre, prima tappa italiana del circuito IAAF di specialità, vinta dall’etiope Hagos Gebrhiwet in 29:18 sui 10 chilometri e dalla keniana con passaporto turco Yasemin Can, 6 km in 19:21 per la tre volte campionessa europea.

In una giornata di sole quasi primaverile, il bronzo olimpico dei 5000 metri prende il largo nell’ultimo dei cinque giri per avere la meglio sul connazionale Selemon Barega (29:22), protagonista di una partenza ad handicap per essersi presentato sulla linea di avvio quando il gruppo era già scattato, mentre chiude terzo l’ugandese Albert Chemutai (Athletic Club 96 Alperia, 29:23) che aveva dettato il ritmo nella fase centrale della gara.

 

L’azzurro Yeman Crippa arriva quarto, dopo essere rimasto nel gruppo di testa fino all’inizio della tornata conclusiva. Per il 22enne trentino delle Fiamme Oro, bronzo continentale dei 10.000 metri su pista, è il miglior piazzamento della carriera in questa manifestazione con il tempo di 29:56 davanti a Daniele Meucci (Esercito), quinto in 30:11 e compagno di team al recente Eurocross dove la squadra italiana ha centrato la terza posizione. Alle sue spalle Yohanes Chiappinelli (Carabinieri), 30:14 e sesto posto al rientro per il bronzo europeo dei 3000 siepi, quindi ottavo Michele Fontana (Aeronautica, 31:01) preceduto dal britannico Ross Millington (30:16).

 

La gara delle donne è invece dominata dalla turca Yasemin Can, in fuga nel secondo giro sui tre previsti e leader per distacco in 19:21 sull’etiope Silenat Ysmaw (19:37). Terza la keniana Caroline Chepkemoi (19:46) che supera l’israeliana di origine keniana Lonah Chemtai Salpeter (19:58), oro agli Europei di Berlino nei 10.000 metri. Fra le azzurre in evidenza Sara Dossena (Laguna Running), argento continentale a squadre di maratona, quinta con una buona prova di efficienza in 20:24.

 

Per il sesto posto allunga nel finale la 18enne Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre), 20:51 il crono della campionessa europea under 20 di corsa campestre, nei confronti di Isabel Mattuzzi (Us Quercia Trentingrana Rovereto, 20:57) e di Giulia Viola (Fiamme Gialle, 21:01).

 

Nel ricco programma di competizioni anche quella juniores maschile (6 km) vinta dal 17enne Francesco Guerra (Rcf Roma Sud, 18:53), appena entrato nella categoria, mentre a livello under 18 successi della ceca Karolina Sasynova e di Andrea Azzarini (Trionfo Ligure) che si aggiudica la seconda edizione del Memorial Sergio Meraviglia.

 

 

RISULTATI/Results

Mezza Maratona sul Brembo, a Dalmine trionfo per il ruandese Primien Manirafasha

Il ruandese dell’Atletica Dolomiti Belluno, vincitore qualche settimana fa della Maratonina della Valle Imagna, ha tagliato il traguardo di Dalmine con un tempo di 1h 04’41”, nuovo record della competizione

Epifania ricca di doni per Primien Manirafasha che nella mattinata di domenica 6 gennaio ha conquistato l’undicesima edizione della Mezza Maratona sul Brembo.

Il ruandese dell’Atletica Dolomiti Belluno, vincitore qualche settimana fa della Maratonina della Valle Imagna, ha tagliato il traguardo di Dalmine con un tempo di 1h 04’41”, nuovo record della competizione, distanziando di 1’29” il keniano Philemon Kipchuba (Atletica Recanati) e il mezzofondista della Recastello Luca Magri, terzo a 1’43”.

Lungo i 21 chilometri del percorso il ruandese ha imposto un ritmo elevato che gli ha permesso di distanziare sin da subito i diretti avversari, un ritmo mantenuto da Manirafasha nel finale e in grado di permettere all’africano di ampliare nuovamente il vantaggio.

A livello bergamasco da segnalare il quarto posto di Pietro Sonzogni (Atletica Valle Brembana) che sulla linea del traguardo ha battuto Giovanni Gualdi, al debutto in maglia Cus Bergamo, mentre alle loro spalle sono giunti Nicola Nembrini (Gruppo Alpinistico Vertovese)e Michele Belluschi (Atletica Recanati).

In campo femminile buona prova per la marocchina Mina El Kannoussi (Atletica Saluzzo), che torna al successo nella compezione bergamasca dopo la vittoria nell’edizione 2016, mentre arriva un secondo posto in rimonta per Federica Zenoni (Atletica Bergamo ’59) che negli ultimi chilometri supera l’altra orobica Elisabetta Manenti (ABC Progetto Azzurri).

 

di Marco Cangelli- 06 gennaio 2019

Maratonina della Befana Firenze

Salah Eddine Farhate e Marta Bernardi sono i vincitori della 45ma edizione della Maratonina della Befana di Firenze

Supera il muro dei 1000 arrivati la 45ma edizione della Maratonina della Befana andata in scena a Firenze domenica 6 gennaio 2018, la gara di 13.6km ha visto salire sul gradino più alto del podio il giovane marocchino Salah Eddine Farhate e l'atleta di casa Marta Bernardi.

LEGGI ANCHE: VOTA ORA IL BEST OF 2018

Farhate ha tagliato il traguardo dopo 44'41" avendo la meglio su Hicam Midar (45'14") Malvin Metushi (45'16"). 50'06" è invece il crono della portacolori del GS Le Panche che condividerà il podio con Chiara Ingletto (50'55") e Tiziana Giannotti (51'52").

 

Risultati completi

 

Corri per la Befana Roma

Oltre 1700 a Roma per la 27ma edizione della Corri per la Befana: primi sul traguardo Mohamed Zerrad e Sveva Fascetti

Si apre con il botto il 2019 del running romano che, nella mattinata di domenica 6 gennaio 2019, ha visto oltre 1700 runners correre per le strade della Capitale in occasione della 27ma edizione della Corri per la Befana. La gara è andata in scena nei pressi della Circonvallazione Tuscolana sulla distanza dei 10km.

LEGGI ANCHE: VOTA ORA IL BEST OF 2018

L'atleta classe 1993 della Biotekna Marcon Mohamed Zerrad ha tagliato per primo il traguardo dopo 31'53" precedendo Freedom Amaniel (32'00") e Luca Filipponi (32'27").

Al femminile torna al successo Sveva Fascetti che in 35'48" regola nettamente Pamela Gabrielli (38'22") e Flavia Ferrari (38'31").

 

Risultati completi

Chiesi a Dio...

di essere forte per eseguire progetti grandiosi:

Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse la salute

per realizzare grandi imprese:

egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto:

mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere

perché gli uomini avessero bisogno di me:

egli mi ha dato l'umiliazione

perché io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita:

mi ha lasciato la vita

perché potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello

che chiedevo,

ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno

e quasi contro la mia volontà.

Le preghiere che non feci furono esaudite.

Sii lodato; o mio Signore,

fra tutti gli uomini

nessuno possiede quello che ho io!

Kirk Kilgour

Created By Correre.org

 

A.S.D. Miletomarathon Presidente Salvatore Auddino  Sede: Via Cattaneo 28 - 89852 Mileto (VV) - C:F:e.P.iva:96025290790 - Codice Fidal VV 363 - Coni: Registro Nazionale N°921312 -ASI CAL-VV0084 -  Cell.3388306612

 

info@correre.org

 

salvatoreauddino@email.it 

 

Correre.org Webmaster Salvatore Auddino