CORRERE.ORG E' IL PORTALE DEL RUNNER ...ATTENZIONE TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE SCARICABILI GRATUITAMENTE LE TROVERETE IN ARCHIVIO GENERALE NEL MENU' DI SINISTRA. ---- GARE NAZIONALI. IN FONDO CALENDARIO CALABRIA DI GIUGNO--  15-16/06 N C.D.S. ASSOLUTO su PISTA - Finale ORO OUTDOOR Firenze (FI)  15-16/06 N C.D.S. ASSOLUTO su PISTA - Finale BRONZO OUTDOOR Orvieto (TR)  15-16/06 N C.D.S. ASSOLUTO su PISTA - Finale B OUTDOOR La Spezia (SP)  15-16/06 N C.D.S. ASSOLUTO su PISTA - Finale ARGENTO OUTDOOR Imola (BO)  16/06 B IX^ Straferrandina km 10,524 STRADA Ferrandina (MT) 16/06 N CAMPIONATI ITALIANI INDIVIDUALI e di SOCIETA' MASTER di CORSA in MONTAGNA MONTAGNA Pompegnino Di Vobarno BS  16/06 S XIII^ Trofeo Città di Telesia km 10 STRADA Telese Terme (BN)  16/06 B VII^ La 10 km del Parco Nord Milano km 10 STRADA Sesto San Giovanni (MI) 16/06 B VII^ Pompegnino Mountain Running MONTAGNA Vobarno (BS) 16/06 B IV^ Cansiglio Run km 34,5 MONTAGNA Piana Del Cansiglio (alpago) BL  16/06 B III^ Aspettando il Giro - Trofeo Citta' di Castelbuono km 10 STRADA Castelbuono (PA)  19/06 N XIV^ Meeeting Sotto Le Stelle OUTDOOR Ariano Irpino (AV)  21-23/06 N CAMPIONATI ITALIANI INDIVIDUALI su PISTA ALLIEVI (comprese le Prove Multiple) OUTDOOR Agropoli (SA)  21-30/06 I EUROPEAN GAMES (atletica: 23/28 giugno) OUTDOOR Minsk --  21/06 I XXVIII^ Meeting Citta' di Conegliano OUTDOOR Conegliano (TV)  21/06 B V^ Bari Night Run - RINVIATA km 10 STRADA Bari (BA)  22/06 B IV^ Run for the Whales km 21,097 STRADA Sanremo (IM) 22/06 B II^ Trail dei Monti Ebolitani km 13,5 TRAIL Eboli (SA)  22/06 B V^ La Mezza di Chiavari km 21,097 STRADA Chiavari (GE) 23/06 B VII^ 10 Miglia Internazionale Aviano Piancavallo 10 miglia MONTAGNA Aviano (PN)  23/06 N XX^ Meeting di Primavera OUTDOOR Mondovi' CN 23/06 B Campionato Italiano Nordic Walking - 4^ tappa km 10 NORDIC WALKING Bosisio Parini (LC)  23/06 I X^ Meeting Memorial Luca Coscioni OUTDOOR Orvieto (TR)  28/06 I XXIII^ Meeting Int.le Città di Nembro OUTDOOR Nembro (BG)  29-30/06 N Campionati Naz.li Libertas su Pista OUTDOOR Boissano (SV) 29/06 B III^ La Ponale Mountain Running - ANNULLATA MONTAGNA Riva Del Garda (TN)  29-30/06 B II^ La Corsa della Corona km 70 ULTRAMARATONA Finale Ligure (SV)  29-30/06 N XIII^ Mezzofondo Party e Meeting Citta' di Codroipo OUTDOOR Codroipo (UD)  29/06 N XV^ Meeting Giovanile "Gomitolo di Lana" OUTDOOR Biella (BI) 30/06 B IV^ Vai Canyon Race JF km 6 / U-D km 10 MONTAGNA Vallio Terme (BS)  30/06 N XV^ Trofeo "Sandro Calvesi" Sprint e Hurdles OUTDOOR Saint Christophe AO  30/06 N 15° Trofeo Marche 9"14 e 14° Meeting Giovanile Citta' di Osimo - ANNULLATO OUTDOOR Osimo (AN)  30/06 B XLIV^ Pistoia-Abetone km 50 ULTRAMARATONA Pistoia (PT) ---------------------------- CALABRIA LE GARE DI GIUGNO 2019  16/06 R 11^ Edizione 5 Ponti Al/Ass/Mas Km 9 circa 2^ prova CRI Master corsa su strada STRADA Galatro (RC)  23/06 R 8° Memorial Avv.De Biase-B.Malomo All/Ass/Mas Km 10 circa 5^ prova regionale CdS Master corsa su strada STRADA Castrovillari (CS)  29/06 R 17^ Stranotturna - 5° Memorial L.Guarneri - 10° Memorial G.Fiorentino All/Ass/Mas Km 8 circa 6^ prova regionale CdS Master corsa su strada STRADA Catanzaro (CZ)  29/06 R 3° Meeting Città di Cosenza - Manifestazione regionale su pista giovanile OUTDOOR Cosenza (CS)  30/06 R CorriAvis Gallina corsa su strada All/Ass/Mas Km 6 circa STRADA Gallina RC

LE GARE NAZIONALI DI GIUGNO 2019---------------  15-16/06 N C.D.S. ASSOLUTO su PISTA - Finale ORO OUTDOOR Firenze (FI)  15-16/06 N C.D.S. ASSOLUTO su PISTA - Finale BRONZO OUTDOOR Orvieto (TR)  15-16/06 N C.D.S. ASSOLUTO su PISTA - Finale B OUTDOOR La Spezia (SP)  15-16/06 N C.D.S. ASSOLUTO su PISTA - Finale ARGENTO OUTDOOR Imola (BO)  16/06 B IX^ Straferrandina km 10,524 STRADA Ferrandina (MT) 16/06 N CAMPIONATI ITALIANI INDIVIDUALI e di SOCIETA' MASTER di CORSA in MONTAGNA MONTAGNA Pompegnino Di Vobarno BS  16/06 S XIII^ Trofeo Città di Telesia km 10 STRADA Telese Terme (BN)  16/06 B VII^ La 10 km del Parco Nord Milano km 10 STRADA Sesto San Giovanni (MI) 16/06 B VII^ Pompegnino Mountain Running MONTAGNA Vobarno (BS) 16/06 B IV^ Cansiglio Run km 34,5 MONTAGNA Piana Del Cansiglio (alpago) BL  16/06 B III^ Aspettando il Giro - Trofeo Citta' di Castelbuono km 10 STRADA Castelbuono (PA)  19/06 N XIV^ Meeeting Sotto Le Stelle OUTDOOR Ariano Irpino (AV)  21-23/06 N CAMPIONATI ITALIANI INDIVIDUALI su PISTA ALLIEVI (comprese le Prove Multiple) OUTDOOR Agropoli (SA)  21-30/06 I EUROPEAN GAMES (atletica: 23/28 giugno) OUTDOOR Minsk --  21/06 I XXVIII^ Meeting Citta' di Conegliano OUTDOOR Conegliano (TV)  21/06 B V^ Bari Night Run - RINVIATA km 10 STRADA Bari (BA)  22/06 B IV^ Run for the Whales km 21,097 STRADA Sanremo (IM) 22/06 B II^ Trail dei Monti Ebolitani km 13,5 TRAIL Eboli (SA)  22/06 B V^ La Mezza di Chiavari km 21,097 STRADA Chiavari (GE) 23/06 B VII^ 10 Miglia Internazionale Aviano Piancavallo 10 miglia MONTAGNA Aviano (PN)  23/06 N XX^ Meeting di Primavera OUTDOOR Mondovi' CN 23/06 B Campionato Italiano Nordic Walking - 4^ tappa km 10 NORDIC WALKING Bosisio Parini (LC)  23/06 I X^ Meeting Memorial Luca Coscioni OUTDOOR Orvieto (TR)  28/06 I XXIII^ Meeting Int.le Città di Nembro OUTDOOR Nembro (BG)  29-30/06 N Campionati Naz.li Libertas su Pista OUTDOOR Boissano (SV) 29/06 B III^ La Ponale Mountain Running - ANNULLATA MONTAGNA Riva Del Garda (TN)  29-30/06 B II^ La Corsa della Corona km 70 ULTRAMARATONA Finale Ligure (SV)  29-30/06 N XIII^ Mezzofondo Party e Meeting Citta' di Codroipo OUTDOOR Codroipo (UD)  29/06 N XV^ Meeting Giovanile "Gomitolo di Lana" OUTDOOR Biella (BI) 30/06 B IV^ Vai Canyon Race JF km 6 / U-D km 10 MONTAGNA Vallio Terme (BS)  30/06 N XV^ Trofeo "Sandro Calvesi" Sprint e Hurdles OUTDOOR Saint Christophe AO  30/06 N 15° Trofeo Marche 9"14 e 14° Meeting Giovanile Citta' di Osimo - ANNULLATO OUTDOOR Osimo (AN)  30/06 B XLIV^ Pistoia-Abetone km 50 ULTRAMARATONA Pistoia (PT) km 11 TRAIL Dobbiaco/toblach BZ ---------------------------- CALABRIA LE GARE DI GIUGNO 2019  16/06 R 11^ Edizione 5 Ponti Al/Ass/Mas Km 9 circa 2^ prova CRI Master corsa su strada STRADA Galatro (RC)  23/06 R 8° Memorial Avv.De Biase-B.Malomo All/Ass/Mas Km 10 circa 5^ prova regionale CdS Master corsa su strada STRADA Castrovillari (CS)  29/06 R 17^ Stranotturna - 5° Memorial L.Guarneri - 10° Memorial G.Fiorentino All/Ass/Mas Km 8 circa 6^ prova regionale CdS Master corsa su strada STRADA Catanzaro (CZ)  29/06 R 3° Meeting Città di Cosenza - Manifestazione regionale su pista giovanile OUTDOOR Cosenza (CS)  30/06 R CorriAvis Gallina corsa su strada All/Ass/Mas Km 6 circa STRADA Gallina RC

Mileto 14 giugno 2019 Museo Statale di Mileto Giornate per l'Archeologia

compleanno/birthdays

cumpleanos/anniversaires 

geburtstage                                               

Sono le di

Segnala questo sito Introduci la E-mail del destinatario

Telese Terme -Benevento-16 Giugno 2019-13^edizione "Trofeo Città di Telesia"

10 km Internazionali Silver , spettacolare vittoria al fotofinisch per Eyob Faniel Ghebrehiwet e Sara Dossena.

Per conoscere la vostra posizione societaria cliccare sulla  Regione

Siamo forti maratoneti perchè siamo il piede dell’Italia

Created By Correre.org

Tutte le edizioni della Normanna foto video montepremi

Uno scenario senza uguale per la 13^ edizione Trofeo Città di Telesia. Daniele Meucci , Eyob Faniel Ghebrehiwet, Stefano La Rosa ,Alessio Terrasi, Sara Dossena , Veronica Inglese, Sara Brogiato, Clementine Mukandanga e Silvia La Barbera; un parterre di tuttordine che è stato presentato sabato alle 19:30 alla conferenza stampa che si è svolta nello spettacolare Anfiteatro delle Terme e che domenica 16 era allo start di questa spettacolare gara podistica internazionale sui 10 km.

 

Già dal primo pomeriggio, le Terme di Telese della famiglia Minieri e Viale Europa, il viale della partenza erano in un grande fermento; gli organizzatori completavano gli ultimi ritocchi, mentre gli atleti dopo aver ritirato il pettorale presso la sala Goccioloni, si preparavano ad affronatre questa spettacolare gara, in una giornata caratterizzata da un sole ultra cocente che di sicuro ha reso la loro impresa ancora più dura .

 

Ore 18:50 gli speaker Mariscalchi e Cascone chiamano i circa 2000 atleti sulla linea di partenza tra cui, oltre ai top, spiccano i nomi del Presidente di Confindustria della Provincia di Benevento, il dottor Filippo Liverini e il Questore di Taranto nonchè ex questore di Benevento, dottore Giuseppe Bellassai che, alle 19:00, insieme agli altri 2000 atleti si sono lanciati in quella che per ognuno rappresenta un' impresa personale.Come tutti gli anni ci sono migliaia di persone ai bordi pista, venuti a guardare questo grande evento sportivo, che ha partecipato attivamente incitando ed incoraggiando tutti gli atleti,sia i grandi campioni che i tantissimi amatori che con il loro grande entusiasmo permettono di fare queste bellissime manifestazioni.

 

Partita la gara, si incominciano a delineare le prime selezioni, così per la gara maschile in testa troviamo Meucci, Ghebrehiwet e Niyomukiza mentre per quella femminile Sara Dossena, che si è prefissata di battere il record della gara che è di 32’24” fa una gara in solitaria.

 

Dopo il passaggio nelle terme al quinto chilometro, tutto il pubblico si porta sul traguardo per aspettare il vincitore, ed ecco che in lontananza sul lungo viale Minieri si vede arrivare la macchina arpri corsa e dietro si vedono due figure che spingono animatamente con i gomiti e lottano con forza e passione, si avvicinano, sono Meucci e Ghebrehiwet che danno vita ad un'arrivo a dir poco spettacolare, combattono fino alla fine quando sulla linea del traguardo con uno sprint pazzesco taglia per primo fermando il cronometro a 29’17”,l'atleta delle fiamme oro Eyob Faniel Ghebrehiwet, seguito a 29'18" da Daniele Meucci ( Esercito), terzo è Jean Marie Niyomukiza del Burundi che chiude in 29'38", quarto è Ishmael Kalale 29'44" e quinto chiude un altro azzurro che corre per i carabinieri, Stefano La rosa che chiude in 30'39".

 

Molto bella anche la gara femminile con il successo di Sara Dossena, al comando sin dall’avvio per poi concludere in solitaria con un crono di 33’06”splendido tempo ma non riesce a migliorare il record della gara di 32'24" stabilito da Valeria Straneo. Dietro alla Dossena si piazza Asmae Ghizlane della Caivano Runners 34'21"", terza è l'ucraina Sofia Yaremchuk 34’34”,quarta è l'atleta dell'Esercito Veronica Inglese 35'13" e quinta Federica Sugamiele della Caivano Runners 35'40".

 

Dopo i primi arrivi dei topo runner, c'è l'arrivo in massa dei tantissimi amatori che creano uno spettacolo nello spettacolo.

Le premiazioni a fine gara, come da protocollo,si sono svolte nel bellissimo anfiteatro delle terme di Telese, sopra la Fontana con il mascherone, presenti tante personalità tra cui Filippo Liverini, il proprietario delle Terme Minieri, il sindaco di Telese Pasquale Carofano, l'Assessore allo sport della città di Telese Guido Romano e il presidente della Running Telese Terme Diego Viscusi con il supporto della moglie Pina, sempre presente e tutto fare.

 

Il Trofeo Città di Telesia, è una manifestazione sportiva culturale e sociale che ha saputo negli anni costruirsi uno spazio importante nel panorama nazionale ed internazionale, una manifestazione a cui tutti gli atleti partecipano con amore e passione perchè sanno di trovare un ambiente ricco di passione, amore e solidarietà. Grazie a tutti coloro che con grande impegno, ogni anno, realizzano questo evento meraviglioso, ovvero l'A.S.D. Telesia Running Team che è molto soddisfatta anche per il risultato tecnico , per il numero degli iscritti 2016 e ben 1826 i classificati cifra superiore alle ultime due edizioni del 2018 (1727) e 2017 (1733).

 

Redazione Correre.org- Rossella Artusa       FotoGallery By Salvatore Auddino      Classifica Generale

 

 

Ogni mattina,

alzandoti, e ogni sera, prima di andare a dormire, ringrazia la vita dentro di te e per la vita tutta, per tutte le buone cose che il Creatore ha dato a te e agli altri, e per l’opportunità di crescere ogni giorno di più. Considera quanto hai fatto e pensato nel corso del giorno e chiedi il coraggio e la forza di diventare una persona migliore. Cerca quanto puo’ essere beneficio a tutti.

Rispetto. Rispetto significa:”sentire o dimostrare onore o stima per qualcuno o per qualcosa; considerare il benessere degli altri o trattare qualcuno o qualcosa con deferenza e cortesia”. Mostrare rispetto è un principio di base nella vita: tratta in ogni circostanza ogni persona, dal più piccolo bimbo al più maturo degli anziani, con rispetto

 

El Otmani e Crippa si migliorano a Rabat 16 Giugno 2019

 

Nella sesta tappa della Diamond League bella serata per i due mezzofondisti italiani: 13:19.30 nei 5000 con standard per Doha, 3:37.81 nei 1500. Tamberi 2,19 e tre errori a 2,22

 

Nella sesta tappa della IAAF Diamond League a Rabat, doppio primato personale in chiave azzurra per Said El Otmani sui 5000, che chiude sesto in 13:19.30 e ottiene lo standard per i Mondiali di Doha, mentre Yeman Crippa è undicesimo sui 1500 metri firmando il suo primato di 3:37.81, miglior crono italiano 2019. Gianmarco Tamberi nel salto in alto è out a 2,22 dopo aver superato i 2,19. Vince Bondarenko con 2,28. La serata marocchina regala due migliori prestazioni mondiali dell'anno firmate Etiopia, sui 1500 metri donne con Genzebe Dibaba al termine di una gara superba in 3:55.47 (primato del meeting), rintuzzando il tentativo di sorpasso dell'olandese Sifan Hassan, seconda con il record nazionale di 3:55.93, e sui 3000 siepi uomini con Getnet Wale in 8:06.01 (record nazionale). World lead anche nel disco maschile: 70,78 per il giamaicano Fedrick Dacres, che al termine della gara si vede convalidato dalla giuria d’appello il terzo lancio, inizialmente dato nullo. Primato del meeting con Sandi Morris nell'asta (4,82) e con Sergey Shubenkov sui 110hs (13.12/-0.3) nonostante una caduta sul traguardo, oltre che nel disco femminile con la cubana Yaimé Perez (68,28). Sugli 800 metri successi di Nijel Amos (1:45.57) e Nelly Jepkosgei (1:59.50), il cubano Juan Miguel Echevarria vince il lungo (8,34/0.0), Salwa Eid Naser i 400 donne mantenendo l'imbattibilità (50.13). Nello sprint, 100 donne alla nigeriana Blessing Okagbare 11.05 (-0.6), i 200 uomini sono del canadese Andre de Grasse in 20.19 (-0.5).

 

EL OTMANI NONO ITALIANO DI SEMPRE - Ottimo risultato di Said El Otmani a Rabat in Diamond League. Il 27enne dell'Esercito ha ottenuto sui 5000 metri lo standard di qualificazione per i campionati del mondo di Doha, centrando un eccellente 13:19.30 che migliora di ampio margine il vecchio personale, datato quattro anni, di 13:31.02.

 Una prova condotta con grande acume tattico da El Otmani, che al quarto chilometro ha animato il gruppo degli inseguitori dei fuggitivi Berihu e Zakayo, prendendo l'iniziativa e alzando il ritmo. Nei 400 metri conclusivi, un po' di fatica e qualche posizione persa, ma l'obiettivo è stato pienamente raggiunto con un bel sesto posto e il personale, un crono che gli vale la nona posizione nelle liste italiane di sempre. Vittoria al keniano campione del mondo U20 Edward Zakayo in 13:11.49, secondo l'etiope Solomon Berihu in 13:16.08, terzo il marocchino Bouqantar in 13:17.26.

 

"OBIETTIVO MONDIALE" - “L’obiettivo era proprio lo standard per i Mondiali di Doha - racconta il mezzofondista che dallo scorso settembre si allena a Torino con Gianni Crepaldi - ho trovato la gara giusta, sono stato anche fortunato ed è andato tutto come volevamo. Ero un po’ bloccato all’inizio perché non ho gare veloci nelle gambe, quindi ho sofferto un po’, ma verso i 3000 mi sono sbloccato e ho provato a fare l’azione per recuperare sui rivali davanti. Adesso speriamo di migliorare ancora: è un risultato che significa tanto per me, perché vuol dire che stiamo lavorando bene e finalmente sto trovando continuità”.

 

CRIPPA AVANZA - A Rabat bravo anche Yeman Crippa (Fiamme Oro), che alla seconda uscita stagionale nei 1500 metri centra il primato personale in 3:37.81, migliorando il 3:38.22 stabilito al Golden Gala dell'anno scorso. Gara dettata su ritmi abbastanza veloci in cui l'azzurro ha saggiamente evitato di compromettere gli obiettivi cronometrici della trasferta marocchina, infilandosi nella bagarre.

 

La scelta tattica ha pagato, con un bel finale e diverse posizioni guadagnate in rettilineo, fino all'undicesimo posto. Vittoria del keniano Vincent Kibet in 3:35.80, secondo il marocchino Akankam in 3:35.85 (personale), terzo il sorprendente transalpino Miellet in 3:35.98 (personale). Dietro Crippa anche cavalli di razza come l'altro marocchino El Kaam e l'australiano Gregson. Continuano quindi i progressi del 22enne trentino, medaglia di bronzo lo scorso anno agli Europei di Berlino nei 10.000 metri: la scorsa settimana al Golden Gala Pietro Mennea di Roma aveva stupito con 13:09.52 nei 5000 metri, terzo azzurro di sempre. Eppure, come logico, vuole sempre di più: “Non sono troppo soddisfatto della mia prova di Rabat - le parole di Crippa - ho corso sotto i 3:38 ma mi aspettavo molto meglio, non sono mai riuscito a entrare in gara. Ora non ci resta che tornare a casa e lavorare più forte di prima”.

 

di Marco Buccellato

Legami - potrò ancora cantare -

Scacciami - il mio mandolino

Risuonerà sincero, dentro -

Uccidimi - e la mia Anima salirà

Inneggiando in Paradiso -

Ancora tua -

Emily Dickinson

 

E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l'immensità dell'Oceano, ed il volgere degli astri.e si dimenticano di se medesimi

(Sant'Agostino)

 

Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia

(A.Karr)

 

Dovunque l'uomo voglia vendersi trova degli acquirenti

(Henri Lacordaire)

 

E' mia ambizione dire in dieci frasi quello che altri dicono in interi volumi

(Friedrich Nietzsche)

 

E' curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore

Giacomo Leepardi)

Tripletta Rachik alla mezza di Olomouc 15 Giugno 2019

 

In Repubblica Ceca, l’azzurro fa il tris nel Challenge EuroHeroes vincendo con 1h04:26

 

Terza mezza maratona in Repubblica Ceca di Yassine Rachik, nell’arco di un mese, e terza vittoria. Il bergamasco dell’Atletica Casone Noceto conquista un netto successo anche sulle strade di Olomouc in 1h04:26 per confermare il suo dominio nel Challenge EuroHeroes in una calda serata, con 32 gradi e vento, correndo praticamente tutta la gara in solitaria.

 

Pochi giorni dopo aver festeggiato 26 anni, l’azzurro si fa un bel regalo e stacca ancora l’ucraino Roman Romanenko, secondo in 1h06:01, mentre il terzo posto nella Mattoni Olomouc Half Marathon è dell’irlandese Paul Pollock con 1h06:12.

 

In precedenza Rachik aveva trionfato sui 21,097 chilometri il 18 maggio a Karlovy Vary e poi il 1° giugno a Ceske Budejovice. Dopo il bronzo europeo di maratona nella passata stagione, quest’anno è diventato il quarto italiano di sempre con il notevole crono di 2h08:05 realizzato a Londra e ha già ricevuto la convocazione per i Mondiali di Doha.

 

- RISULTATI/Results

Doping: confermata squalifica di 4 anni per la medaglia d’argento della maratona alle olimpiadi di Rio 17 giugno 2019

 

La runner del Bahrein Eunice Jepkirui Kirwa , nata in Kenya , che ha vinto l’argento alle Olimpiadi di Rio nel 2016 nella maratona, è stats sospesa per quattro anni per doping, lo ha annunciato oggi l’Athletics Integrity Unit (AIU).

 

Kirwa era stata provvisoriamente bandita da maggio dopo che nel suo campione di sangue era stata rilevata l’EPO, sostanza proibita.

La sospensione di quattro anni è retrodatata al 7 maggio 2019.

 

La trentacinquenne è arrivata seconda a Rio dietro al Jemima Sumgong del Kenya, che è stata a sua volta bandita per otto anni a gennaio per aver tentato di ostacolare un’indagine sul suo uso dell’EPO fornendo documenti falsi.

Kirwa, che ha vinto anche il bronzo mondiale a Pechino nel 2015, può appellarsi presso il tribunale arbitrale per lo sport.

 

 

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

 

~ Kahlil Gibran ~

Imprigionata per 16 giorni la cameriera 23enne che avrebbe rubato nella stanza di Mo Farah

Abebech Gradisa, 23 anni, ha trascorso 16 giorni in una cella di prigione dormendo sul pavimento dopo che Mo Farah ha denunciato la sottrazione di denaro e oggetti personali dalla sua stanza. La giovane cameriera che è stata gettata in prigione dopo essere stata accusata di aver rubato da Sir Mo Farah ha dichiarato: “Se credi che io sia innocente, allora chiedi scusa”. Gradisa ha trascorso 16 giorni in una cella di prigione rigida dove dormiva sul pavimento, lavandosi da un secchio.

Abebech, parlando a bassa voce tratteneva a stento le lacrime mentre raccontava come il suo incubo avesse avuto inizio quando Farah chiamò la polizia e lei venne immediatamente sospettata perché addetta alla sua stanza.

 

“Sapevo di essere innocente, ma avevo paura. Non c’erano prove contro di me, ma mi hanno comunque messo in prigione.

“Ho servito la sua stanza per due mesi e lui ha lasciato spesso il suo laptop e i suoi soldi e io li ho sempre messi sul tavolo per lui.

‘Non ho mai rubato nulla e ho lavorato in hotel per otto mesi senza alcun reclamo contro di me. Pulisco 12 stanze ogni giorno.

Abebech, che ha una figlia di tre anni, è stata arrestata con altri quattro membri dello staff presso lo Yaya Village Hotel dopo essere stata coinvolti nel mezzo di un’aspra disputa tra Sir Mo e la leggenda olimpica Haile Gebrselassie.

 

Farah claims a £8,000 TAG watch, two mobile phones and cash worth £2,600 were stolen from this hotel room 133 (pictured) at the Yaya Village Hotel while he was training on March 24

Farah rivendica un orologio TAG da £ 8.000, due telefoni cellulari e contanti del valore di £ 2.600 che gli sono stati rubati da questa camera d’albergo 133 (nella foto) al Yaya Village Hotel mentre si allenava il 24 marzo.

Farah dice che la stanza è stata aperta e che i ladri hanno rubato un importante oggetto personale, l’orologio TAG datogli dalla moglie. L’hotel ribatte che gli ospiti sono tenuti a lasciare oggetti del valore di oltre $ 350 (£ 271) alla reception per la custodia o usare la cassaforte in camera (nella foto)

 

Farah ha pubblicato un video della valigia che dice di aver trovato sul letto nella sua stanza d’albergo aperta, su Instagram mentre si trovava allo Yaya Africa Athletics Village in Etiopia dove sostiene che il personale dell’hotel ha rubato soldi e altri oggetti di pregio.

In una guerra di parole con la leggenda etiope Gebrselassie, proprietario dell’hotel, Sir Mo è stato accusato di aver colpito un collega atleta al collo nella palestra del resort

Charlie Chaplin

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita

prima che l’opera finisca senza applausi…

Sir Mo has also been accused by Gebrselassie of leaving the hotel without paying a bill for 81,345 Birr (£2,178) (pictured) which he said was still outstanding on Farah's account

Sir Mo è stato anche accusato da Gebrselassie di aver lasciato l’hotel senza pagare una fattura per 81.345 Birr (£ 2.178) (nella foto sopra), che secondo lui era ancora in sospeso sul conto di Farah.

Il presunto furto, oggetto di indagine da parte della polizia, è avvenuto nell’hotel di proprietà di Gebrselassie e i due atleti sono stati coinvolti qualche settimana fa in un botta e risposta pubblico.

Gebrselassie, 46 anni, all’epoca dei fatti ha dichiarato a MailOnline: “Fino a quando Farah ha reso pubblica la sua affermazione eravamo amici. Se me lo chiedi oggi … siamo nemici. “

Abebech, nel giorno in cui Farah presentò la sua denuncia il 24 marzo, era stata autorizzata ad entrare nella famigerata stanza, fece il letto, pulì il bagno e tirò le tende prima di andarsene. Poi è successo il putiferio.

La donna che guadagna 50 sterline al mese è stata liberata con cauzione di 80 sterline e ha dovuto raccogliere i soldi dalla sua famiglia. Vedremo gli ulteriori sviluppi di una vicenda che non fa certo onore a questi due campionissimi.

 

Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,

l'intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.

Siamo stati messi al mondo

assieme ai nostri fratelli e sorelle,

con quelli che hanno quattro zampe,

con quelli che volano e con quelli che nuotano.

Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d'erba,

formano con noi una grande famiglia.

Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.

Telese Terme -Benevento-15 Giugno 2019  Conferenza Stampa di presentazione della 13^ edizione Trofeo Città di Telesia.

 

Siamo a 300 grazie a v oi

Siamo donne uomini e marziani

Siamo il coraggio

che ti fa cominciare

la passione per continuare

la sfida con te stesso

Siamo le gocce di sudore

le lacrime di gioia

il bacio alla terra di Gelindo

il pugno al cielo di Stefano

Siamo i master pieni di futuro

i chili che hai perso

i compagni di strada

che altrimenti

non avresti conosciuto

Siamo borracce, canfora

e pipì dietro gli alberi

Siamo la tua prima maratona

e non saremo l'ultima

neve, deserto, pietr e città

e polvere di pioggia

e rispetto dell'avversario

Siamo albe

di colazioni al miele

buio di sentieri da trail

tende e veglie nella 24 ore

scarpe che non vuoi

ti buttino via

siamo bottega amara

di cortesia

Siamo domande, dubbi,

perchè, errori, infortuni

Siamo e saremo solo

tempi di passaggio.

Un parterre senza uguali per la 13^ edizione Trofeo Città di Telesia: Daniele Meucci , Eyob Faniel, Ghebrehiwet, Clementine Mukandanga,Stefano La Rosa ,Alessio Terrasi, Sara Dossena , Veronica Inglese e Sara Brogiato , nonchè l’atleta ucraino Ivan Heshko che è stato uno dei grandi specialisti a livello mondiale degli 800 e 1500 mt, tra il 2003 e il 2006 si è messo in bacheca la bellezza di 1 Oro Europeo Indoor nei 1500, 1 Oro Mondiale Indoor sempre nei 1500, 1 Argento Indoor nei 1500, 1 Argento Outdoor nei 1500, 1 Bronzo Outdoor sempre nei 1500, senza contare titoli e primati per la sua nazione.

 

Tutti questi top atleti sono stati presentati durante la Conferenza Stampa che si è svolta nello spettacolare Anfiteatro delle Terme; il Moderatore Gabriele Pastore, ha dato la parola ai tanti relatori, iniziando con il saluto del sindaco del Comune di Telese Terme, Pasquale Carofano che ha sottolineato che questa 13^ edizione è stata arricchita dal sodalizio Sannio- Falanghina città europea del vino, infatti, oltre a lui erano presenti tutti i sindaci delle città del vino interessate.

 

Presenti anche il Presidente di Confindustria della provincia di Benevento, Filippo Liverini, che nel suo intervento ha detto come sia importante cogliere l'occasione dello sport per parlare del territorio e delle sue potenzialità; poi c'è stato l'intervento del Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria e a finire il Consigliere Regionale Erasmo Montuarolo che ha evidenziato come queste manifestazione devono Promuovere e Valorizzare ma anche e soprattutto Unire, per lavorare insieme e raggiungere grandi obiettivi.

 

Terminati gli interventi, gli speaker Michele Marescalchi e Gennaro Varrella, hanno consegnato i pettorali ai top atleti presenti.

 

Redazione Correre.org- Rossella Artusa              FotoGallery by Salvatore Auddino

San Giovanni in Fiore-Cosenza- 9 Giugno 2019 10^ Corrinfiore” “Memorial Giovanni Talerico”

Danilo Ruggiero e Francesca Paone conquistano la città dell'abate Gioacchino vincendo la 10^ edizione della Corrinfiore.

 

Lo sport, va da dire che le discipline sportive sono tante, di sicuro il loro papà si chiama sport ed è il proprietario di tutte le attività psico- fisiche. Quando si intraprende una disciplina, si entra far parte di un mondo diverso, un mondo fatto di regole e di rispetto, un mondo che ti matura dentro l'anima e ti fa sopportare fatiche immense,un mondo che ti ricompensa con momenti di vera felicità, è come il contadino quando ara la terra e semina, all'inizio è sofferenza e stanchezza ma poi arriva il tempo del raccolto dei frutti; chi ha seminato bene raccoglie frutti buoni. Quando sono arrivato qui a mileto non avevo né terra né alberi da frutto, allora, ho pensato che bisognava seminare qualcosa e così ho fatto; ho seminato quello che la vita mi ha insegnato ossia amare la natura, vivere lo sport come stile di vita, avere rispetto delle cose e degli altri, e così, anche io, mi ritrovo a raccogliere i frutti della mia semina che si chiamano amicizia, amore, fraternità; cose che ultimamente sono diventate una merce molto rara. Se non avessi divulgato lo sport ,oggi , non avrei avuto gli amici che ho, che mi fanno sentire importante e mai solo, sono fiero di loro e ne ho molta stima; questa ricchezza va conservata gelosamente e anche se a volte abbiamo opinioni diverse, è bene,perché ciò serve a cementare e a far diventare sempre più forte il legame che ci unisce. Tutto ciò però, non è farina del nostro sacco ma semplicemente lo sport che ci ha uniti, padre buono dei valori importanti della nostra vita sociale. Salvatore Auddino 30 gennaio 2009

Danilo Ruggiero e Francesca Paone conquistano la città dell'abate Gioacchino vincendo la 10^ edizione della Corrinfiore.

 

La Fidal Calabria ha indetto e l' A.S.D. Jure Sport ha organizzato la decina Corrinfiore “Memorial Giovanni Talerico", inserita nel calendario nazionale delle corse su strada di 10 km e valida per il CdS ed Individuale Regionale di Società dei 10Km su strada All/Ass e Master M/F con percorso omologato. La bellissima cittadina di San Giovanni in Fiore che è il più antico, vasto e popolato centro abitato della Sila, posta a 1049 m s.l.m, avvolta in uno scenario paesaggistico ed architettonico splendido, ha fatto da palcoscenico a una gara molto interessante e suggestiva, che si è svolta su un percorso per le vie del paese, carattezizzato da sali e scendi molto duri. Come lo scorso anno, il ritrovo della giuria e concorrenti è stato a Piazza Abate Gioacchino, da dove è partita la gara non competitiva di 3,5 Km aperta a tutti; mentre la gara competitiva è partita da via Vallone con arrivo a Piazza Gioacchino, dopo aver percorso 3 giri da 3,5 km.

 

La prima partenza è stata quella della passeggiata di 3,5 Km aperta a tutti, che ha visto una notevole partecipazione e che è stata vinta da Gaetano Amelio e Ida Cardace.

 

Terminata la passeggiata si è dato il via alla bellissima gara competitiva, una gara durissima, che con le sue salite mette a dura prova anche i fortissimi, tra cui il campione mondiale dei 100 km Giorgio Calcaterra che è venuto ad onorare questa splendida manifestazione. Al pronti via, subito si sono staccati dal gruppo gli atleti Ruggiero, Altomare, Audia e Calcaterra,al primo passaggio sono passati in testa Ruggiero,Calcaterra e Altomare mentre Audia era un pò staccato; al secondo passaggio Ruggiero è passato al comando, seguito a breve distanza da Calcaterra e subito dopo Altomare, ed alla fine dei 3 giri previsti, il primo a tagliare il traguardo è proprio l'atleta crotonese tesserato per la Milonrunn Danilo Ruggiero che con il tempo di 35:30 precede Giorgio Calcaterra; terzo è Luigi Altomare della Dojo Judo Run che chiude in 36:50;quarto è Luigi Imbrogno della Cosenza K42 che chiude in 38:22. Il grande atleta della Jure Sport, Paolo Audia, si piazza ottavo con il tempo di 40:57.

 

Anche la gara femminile è stata molto bella ed ha visto la vittoria dell'atleta della Hobby Marathon Catanzaro, Francesca Paone che con il tempo di 42:11 ha sbaragliato tutte le altre partecipanti, infatti, la seconda ha tagliare il traguardo è Caterina Tassoni della Dojo Judo Run che chiude in 50:12, terza si piazza l'atleta della Hobby Marathon Catanzaro Antonia Tarantino con il tempo di 55:13.

 

Anche questa decima edizione della Corrinfiore si conclude con il segno super positivo; tutto è andato secondo i programmi e la bellissima cittadina di San Giovanni in Fiore, è stata arricchita da questa manifestazione,che ogni anno la Jure Sport organizza in modo superlativo, senza lasciare nulla al caso; tutti gli atleti e i loro accompagnatori sono accolti e coccolati in modo esemplare e per tutto questo va ringraziata la Jure Sport con il suo presidente Pasquale Martino, Paolo Audia e a tutti gli altri collaboratori; quest'anno poi, si sono superati infatti i primi due assoluti M/F sono stati premiati con dei bellissimi trofei in legno, realizzati da un'artista locale, ovvero Antonella Lauria di "Eureka", che ha realizzato anche tutte le medaglie in legno per le altre premiazioni.

 

Archiviamo questa splendida giornata di sport ringraziando tutta la Jure Sport, gli atleti, i giudici, il pubblico e tutti gli sponsor che hanno permesso la realizzazione di una così bella manifestazione, che fa conoscere le bellezze della Sila con i suoi paesaggi caratterizzati da mille colori che vanno dall'azzurro del cielo al giallo vivo e splendente delle ginestre che dominano questi territori.

Grazie per questa bella esperienza sportiva, culturale e paesaggistica e arrivederci al 2020.

 

 

Redazione Correre.org-Rossella Artusa           FotoGallery By Salvatore Auddino       Classifica

 

KIPCHUMBA E YIMER cancellano i record della 15Km di Valencia 9 giugno 2019

La gara maschile del Banco Mediolanum di Valencia 15 km, è iniziata con un ritmo costante di 2:47 per chilometri e il gruppo formato da 10 uomini ha superato i 5 km in 13:54, in perfetto orario per finire in 42 minuti. Tutti i favoriti principali erano nel gruppo di testa, guidato da Kipchumba e dal collega Kenyan Henry Ronoh.

Il ritmo però, si è rivelato troppo forte per tutti tranne che per Kipchumba, che ha mantenuto il ritmo per raggiungere il checkpoint dei 10 km in 27:43 con un vantaggio di otto secondi sul connazionale Alfred Barkach e 22 secondi su Ronoh.

Nei chilometri finali – e nonostante fosse un evento notturno terminato poco prima di mezzanotte – Kipchumba è riuscito a mantenere un ritmo vivace e arrivare al traguardo con il record di 41:55. Con un podio keniota, Kipchumba ha concluso con 33 secondi di vantaggio su Barkach e 1:04 su Rono, tutti al PB.

Zeineba Yimer in Etiopia e Dorcas Jepchumba Kimeli del Kenya, entrambi affiancate dalla marocchina Hassane Ahouchar, sono state le prime leader nella corsa femminile, che si è svolta insieme a quella maschile.

L’apertura e un po ‘in salita dei primi 5 km di 15:26 ha fatto subito capire che il record sarebbe potuto cadere. Le leader hanno coperto i secondi 5 km in 15:52, passando ai 10 km in 31:18.

La mossa chiave è arrivata poco dopo il dodicesimo chilometro quando – ancora stimolata da Ahouchar – Yimer è riuscita a staccarsi da Kimeli e poi ha aumentato il ritmo nelle battute finali per finire in 47 minuti con un record della corsa di 46:52. Kimeli seconda con 40″ di distacco. Fikadu si è assicurata il terzo posto in 49:15.

Più di 10.000 corridori hanno preso parte all’evento.

 

RISULTATI PRINCIPALI

Uomini

1 Abel Kipchumba (KEN) 41:55

2 Alfred Barkach (KEN) 42:27

3 Henry Rono (KEN) 42:59

4 Afewerki Berhane (ERI) 43:40

5 Peter Kiprotich (KEN) 43:42

 

Chiesi a Dio...

di essere forte per eseguire progetti grandiosi:

Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse la salute

per realizzare grandi imprese:

egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto:

mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere

perché gli uomini avessero bisogno di me:

egli mi ha dato l'umiliazione

perché io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita:

mi ha lasciato la vita

perché potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello

che chiedevo,

ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno

e quasi contro la mia volontà.

Le preghiere che non feci furono esaudite.

Sii lodato; o mio Signore,

fra tutti gli uomini

nessuno possiede quello che ho io!

Kirk Kilgour

Donne

1 Zeineba Yimer (ETH) 46:52

2 Dorcas Jepchumba Kimeli (KEN) 47:33

3 Jebesa Zenebu Fikadu (ETH) 49:15

4 Sandrafelis Chebet Tuei (KEN) 49:19

5 Juliet Chekwel (UGA) 50:09

The Color Run 2019. UN’ESPLOSIONE DI COLORI HA INVASO PARMA – 5089 I COLOR RUNNER ALLA TAPPA INAUGURALE 9 giugno 2019

Parma, 09 Giugno 2019 – Per la prima volta, The Color Run #LoveTour ha invaso le strade di Parma oggi, domenica 9 giugno: un vero successo per questo coloratissimo appuntamento che ha visto il coinvolgimento di ben 5.089 partecipanti e che si è svolto a conclusione del ricco programma di eventi di «Alè Parma Sport Festival», una due giorni coordinata dal Comune di Parma per avvicinare le giovani generazioni all’attività sportiva.

 

La 5 chilometri non competitiva dai colori dell’arcobaleno, organizzata in Italia da RCS Sports & Events/RCS Active Team, si riconferma un format estremamente apprezzato da tutti e in grado di coinvolgere un pubblico sempre più variegato: adolescenti, genitori con i loro piccoli e gli amici a quattro zampe, tutte le generazioni sono state protagoniste di questa giornata. Una vera festa, ispirata al tema LOVE, l’amore in tutte le sue sfumature; la fun race più attesa dell’anno è stata un inno allo sport, al benessere, alla voglia di stare insieme e celebrare l’arrivo della stagione estiva.

 

Marco Bosi, Vice Sindaco di Parma con delega allo Sport ha affermato: “Per il primo Festival dello Sport abbiamo voluto fare le cose in grande e non poteva esserci chiusura migliore che con The Color Run. I valori della fun race più bella del mondo sono gli stessi della nostra tre giorni: divertimento attraverso lo sport e lo stare insieme. Rimarrà una corsa indimenticabile per la nostra città”

 

“Il Festival dello Sport organizzato dal Comune di Parma si sposa perfettamente con lo spirito di The Color Run #Lovetour. Dal suo esordio, più di 400 mila persone hanno partecipato alla corsa più divertente e colorata del pianeta e molti hanno, poi, continuato a correre perché è uno sport amico del benessere delle persone. Questo conferma che The Color Run è un ‘veicolo divertente’ per condurre le persone a fare sport”, ha sottolineato Andrea Trabuio, Head of Mass Events di RCS Sports & Events.

Con partenza dal Parco della Cittadella, cuore pulsante della manifestazione, i color runner hanno percorso un tracciato davvero unico che dalla storica location li ha condotti per le vie del centro storico. Ad ogni chilometro, a rendere spettacolare e ancora più divertente la corsa, ci hanno pensato i sette punti divertimento: 5 punti colore, 1 bolle e 1 schiuma.

La festa è proseguita al Color Village, collocato proprio nel Parco della Cittadella, dove musica e intrattenimento hanno riscaldato l’atmosfera e il lancio dei color blast ha dipinto dei colori dell’arcobaleno tutti i partecipanti.

 

Sul palco, la speaker ufficiale Chiara Giorgianni, ha coinvolto il caloroso pubblico accompagnata dalla musica di Radio Italia, radio partner dell’evento, introducendo le straordinarie esibizioni della TNT CREW, gruppo hip hop vincitrice del Crazy Dance Contest nel 2018 e 2019, di KIRA, il meraviglioso performer che abbina la forza fisica derivante da anni di breaking alla grazia del Rou Cyr, finalista di Italia’s Got Talent 2016 e dei iMARCHIATI, gruppo musicale italiano che ha presentato l’ultimo singolo alla città della musica!

A Parma, che per la prima volta ha accolto questa straordinaria manifestazione, c’è stata una vera e propria esplosione di colori inaugurando nel migliore dei modi l’edizione 2019 della The Color Run #LoveTour pronta a invadere le strade delle altre tappe italiane!

Il CALENDARIO – Quattro le tappe del #LoveTour 2019: dopo Parma il 9 giugno seguiranno Lignano Sabbiadoro il 27 luglio con la sunset edition, prima tappa al mare, Torino l’8 settembre e Milano il 14 settembre per il gran finale.

Quando corro tutti i pensieri volano via.

Superare gli altri è avere la forza, superare se stessi è essere forti

(Confucio)

Un atleta in corsa è una scultura in movimento.

(Edwin Moses)

Correre è lo spazio aperto dove vanno a giocare i pensieri.

(Mark Rowlands)

Non importa cosa trovi alla fine di una corsa, l’importante è quello che provi mentre stai correndo. Il miracolo non è essere giunto al traguardo, ma aver avuto il coraggio di partire.

(Jesse Owens)

Io sento la terra ed il vento e gli alberi. Io sento il loro spirito. Io sento il ritmo della corsa. E’ come musica

(Gabriel Harmony Jennings)

Più corri, più percepisci il tuo corpo. Più pesa, più la tua mente si fa leggera. È la magia della corsa.

(runlovers, Twitter)

Correre è strappare il ritmo al tempo, è rinascere con un altro respiro

(Fabrizio Caramagna)

Corri Afragola

In 1700 ad Afragola per l'ottava edizione della 10km: tagliano per primi il traguardo Lakriti e GhizlaneFesteggia il Marocco nell'ottava edizione della Corri Afragola andata in scena nella località campana nella mattinata di domenica 9 giugno 2019; i 1700 runners in gara sono stati impegnati su un percorso di 10km che prevedeva un primo giro da 6km seguito da uno da 4km.

Aziz Lakriti ha tagaliato per primo il traguardo facendo segnare un tempo di 30'21", dietro di lui i connazionali Hicam Boufars (20'44") e Youssef Aich (32'11") mentre il primo italiano è Giuseppe Soprano, quinto in 33'29".

Al femminile Asmae Ghizlane chiude in 34'18" davanti a Hanane Janat (36'48") e Loredana Lamberti (40'40").

Risultati completi

Sulle Orme di Enea

Nella 31ma edizione della 8km di Pomezia si impongono Emanuele Battaglia e Maria Casciotti, oltre 400 al via400 finishers per la 31ma edizione della Sulle Orme di Enea andata in scena a Pomezia nel pomeriggio di sabato 8 giugno 2019: tagliano per primi il traguardo Emanuele Battaglia e Maria Casciotti.

Al termine degli 8km di gara il portacolori della Run Forever Aprilia fa segnare un tempo di 35'19", completano il podio Mirco Gaffi (35'43") e Danilo Martin (36'05").

Al femminile l'atleta della Podistica Solidarietà chiude in 37'33" lasciandosi alle spalle Eleonora Bazzoni (39'29") e Irene Spaziani (32'38").

Risultati

Trail: Italia a un passo dal podio iridato 08 Giugno 2019

 

Nella rassegna mondiale a Miranda do Corvo, quarto Puppi come il team maschile.

 

Tra le donne sesta Rampazzo e quinta la squadra.Due quarti posti al maschile per gli azzurri nei Campionati Mondiali di Trail a Miranda do Corvo, in Portogallo.

 

Il team italiano sfiora il podio a squadre e anche nella gara individuale sulla distanza di 44 chilometri con una prova in rimonta di Francesco Puppi, arrivato a soli dieci secondi dalla medaglia di bronzo. Vittoria del britannico Jonathan Albon in 3h35:35 davanti al francese Julien Rancon (3h37:48), terzo lo svizzero Christian Mathys (3h40:35) dopo aver condotto per quasi 30 chilometri, mentre il comasco nel tratto conclusivo scavalca l’altro transalpino Nicolas Martin (3h42:28).

 

Tra gli italiani Luca Cagnati riesce a lottare con i big e chiude quindicesimo in 3h49:33, poi Marco De Gasperi dopo una crisi risale nell’ultima parte fino al diciottesimo posto (3h50:30). Più dietro Alessandro Rambaldini, vittima di una caduta e 24esimo in 3h52:58, seguito da Andreas Reiterer, 36esimo con 3h58:43, e Davide Cheraz, 51esimo in 4h03:40. Dominio della Francia a squadre, davanti a Spagna e Gran Bretagna, con l’Italia in quarta posizione.

 

Al femminile Silvia Rampazzo si conferma una delle migliori al mondo, dopo il bronzo di due anni fa.

La veneta è sesta in 4h17:52, leader di una formazione azzurra che coglie il quinto posto.

 

Per il successo, prende subito il largo la francese Blandine L’Hirondel scavando un solco sempre più profondo tra sé e le avversarie: oro in 4h06:18 con più di otto minuti di vantaggio nei confronti della neozelandese Ruth Croft (4h14:29), in recupero sulle spagnole Sheila Aviles (4h15:05) e Salmones Azara (4h15:31) che superano la romena Denisa Dragomir (4h17:04). Sul traguardo Barbara Bani è ventesima (4h34:12), poi Emma Quaglia (44esima in 4h52:36), Sarah Palfrader (53esima in 4h58:50) e Lidia Mongelli (125esima in 5h42:40), invece Gloria Giudici si ferma dopo pochi chilometri per un problema al quadricipite. Ancora Francia e Spagna in vetta alle classifiche per team, bronzo alla Romania che precede Gran Bretagna e Italia.

l.c.

 

- RISULTATI/Results

Stano è magia: super 1h17:45 nella 20 km! 08 Giugno 2019

Il marciatore azzurro firma la seconda prestazione italiana di sempre a quindici secondi dal record nazionale. È l'ottavo di ogni epoca in Europa: “Incredulo ma contento!”

Grande risultato di Massimo Stano nella 20 chilometri di marcia a La Coruna, in Spagna. L’azzurro firma lo strepitoso crono di 1h17:45 che vale la seconda prestazione italiana di sempre, a quindici secondi dal record nazionale. Un progresso personale di oltre tre minuti per il 27enne pugliese delle Fiamme Oro, allenato a Castelporziano da Patrizio Parcesepe, che aveva sfiorato il podio nella rassegna continentale di Berlino della scorsa estate, dove si era piazzato quarto in 1h20:51. Con questo risultato diventa anche l’ottavo di sempre a livello continentale. Oggi si è piazzato secondo, con un formidabile ultimo chilometro in 3:44 dopo un passaggio in 38:47 a metà gara (19:33 al 5° km e 58:12 al 15° km gli altri parziali ufficiosi). Vittoria in 1h17:41 al giapponese Toshikazu Yamanishi, capolista mondiale dell’anno con il tempo di 1h17:15 realizzato nel mese di marzo. Al terzo posto invece con 1h17:54 l’altro giapponese Yusuke Suzuki (1h17:54), recordman del mondo (1h16:36 nel 2015) superato da Stano nel finale, in un pomeriggio che ha offerto condizioni ideali, con il termometro intorno ai 15 gradi.

 

DAVANTI AI BIG - Esaltante la prova dell’azzurro, che riscatta la delusione della Coppa Europa di Alytus (settimo in 1h21:12) e si mette alle spalle tanti protagonisti della specialità: quarto lo svedese Perseus Karlstrom (1h18:07), vincitore tre settimane fa al trofeo continentale, quinto il russo Vasiliy Mizinov (1h18:41), bronzo agli Europei, invece lo spagnolo Alvaro Martin, oro a Berlino, è sedicesimo in 1h20:50. Nelle liste italiane alltime resta in cima Alex Schwazer (1h17:30 nel marzo 2012), ma vengono sorpassati gli altri olimpionici Maurizio Damilano (1h18:54) e Ivano Brugnetti (1h19:36).

Stefano Baldini Nato a Castelnovo Sotto (RE) il 25 maggio 1971.  guarda il video

STANO: “CON I MIGLIORI AL MONDO” - “La parola chiave di oggi? Felicità! Sono incredulo ma contento - le parole di Stano - e forse ci vorrà un po’ di tempo per crederci. Fino a ieri pensavo che scendere sotto 1h19 non era umano, adesso invece ho dimostrato che è possibile fare anche meglio di 1h18. Questo risultato mi dà la consapevolezza che posso stare con i migliori al mondo e che stiamo lavorando bene. Oggi sono riuscito a essere sempre presente, con una gara nelle posizioni di testa. All’ultimo chilometro ho anche accelerato, non me ne sono quasi reso conto, ma le sensazioni erano ottime. Sarebbe stato meglio fare questa prestazione in Coppa Europa, però avevo capito subito che quella era una giornata no. Mi piace gareggiare con gli asiatici, come era successo anche nei Mondiali a squadre di Taicang. E poi mi piace il Giappone, dopo il raduno dell’anno scorso mi sono sentito uno di loro. Alle Olimpiadi di Tokyo mi sembrerà di essere quasi a casa. Intanto penso ai Mondiali di Doha e adesso li vedrò da un altro punto di vista, ma non saranno un punto di arrivo. Sono contento anche di aver superato il mio idolo Ivano Brugnetti, che si era portato a 1h19:36. Prima di ogni gara mi rivedo sempre le immagini della sua vittoria olimpica ad Atene nel 2004. La dedica è per il mio allenatore Patrizio Parcesepe e anche per il tecnico che mi ha avviato alla marcia, Giovanni Zaccheo, e spero che ce ne saranno altre da fare in futuro”.

GLI AZZURRI - Arrivano riscontri interessanti anche per altri marciatori italiani a cominciare da Giorgio Rubino (Fiamme Gialle) che è ventesimo in 1h20:59 e torna sotto l’ora e ventuno, come non accadeva da quasi due anni, mentre il 22enne livornese Gianluca Picchiottino (Fiamme Gialle) si migliora di un minuto abbondante con 1h21:36, al trentesimo posto. Poi al traguardo Stefano Chiesa (Carabinieri), 55esimo in 1h24:16, e Teodorico Caporaso (Aeronautica), convocato per la 50 km dei Mondiali, 59esimo con la seconda prestazione della carriera sulla distanza in 1h24:55, seguiti dal ventenne Giacomo Brandi (Sport Atl. Fermo), 76esimo in 1h27:06, e da Niccolò Coppini (Atl. Firenze Marathon), 78esimo con il personal di 1h27:11.

di Luca Cassai

Created By Correre.org

Created By Correre.org

Salvatore Auddino

info@correre.org   3388306612/09631936630

Provincia di Vibo Valentia  photo gallery