--La Normanna Gara Podistica Internazionale Mileto 12 agosto 2018 -- Stefano Baldini dice: Uno degli effetti della corsa è l’aumento del desiderio sessuale, si fa l’amore di più e meglio, anche perché il sesso è anche una componente fisica e con la corsa questo si sviluppa... Visitate i nostri archivi centinaia di gare e migliaia di foto dal 204 ad oggi a vostra disposizione .****Nel rullo tutte le gare Nazionali mese per mese.Posizionate il mouse sopra e il rullo si fermerà.

 


Tutte le edizioni della Normanna foto video montepremi


LE GARE NAZIONALI DILUGLIO 2018--------------  17/07 N XLIII Gran Premio Estivo Mezzofondo 2^ giornata OUTDOOR Trento (TN)  20/07 N XXIV Memorial Mario Agosti OUTDOOR Pordenone (PN) 21/07 B XIX Stralivigno km 21 TRAIL Livigno (SO) 21/07 N C.It. Nordic Walking Agonistico - V tappa km 10 U/km 5 D NORDIC WALKING Tolentino (MC)  21/07 I III Sprint Meeting Merano OUTDOOR Merano (BZ)  21/07 N XXXIX Trofeo Giovanni Moramarco OUTDOOR Matera (MT) 22/07 N CAMPIONATI ITALIANI INDIVIDUALI e di SOCIETÀ Sen/Pro e Jun di CORSA IN MONTAGNA - 2^ Prova (salita) 3^ pr. Mountain Classic Cup - EOLO Mountain and Trail G.P. MONTAGNA Tavagnasco (TO) 22/07 B XX S.Giacomo/Altissimo km 5 MONTAGNA San Giacomo Di Brentonico TN 22/07 B III Cansiglio Run Nazionale km 34.200 - 4^ pr. Trail Cup - EOLO Mountain and Trail G.P. MONTAGNA Alpago BL  24/07 N XLIII Gran Premio Estivo Mezzofondo 3^ giornata OUTDOOR Trento (TN)  26/07 G XCIII Giro Podistico di Castelbuono km 11,340 U/km 5,670 D STRADA Castelbuono (PA) 27/07 N XVII Salto con l'Asta in Piazza a Silandro PIAZZA e altri ambiti Silandro (BZ)  28/07 B XXIII Attraverso le Mura km 10,2 - km 8,2 STRADA Massa (MS)  28/07 I II Meeting Sestriere Meeting nazionale giovanile + gare salti internazionali ad invito OUTDOOR Sestriere (TO)  28/07 N Ascoli Meeting 2018 OUTDOOR Ascoli Piceno (AP)  28-29/07 I INCONTRO INT.LE DI PROVE MULTIPLE JUN/PRO OUTDOOR Aubagne  29/07 B XIII Trofeo delle Due Torri km 12,200 STRADA Torre Santa Sabina BR 29/07 S XXVI Giir di Mont km 32/20 MONTAGNA Premana (LC) ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ GARE REGIONALI CALABRIA LUGLIO 2018 ---------------------  22/07 R 3^ Corrivibomarina All/Ass/Mas 8 km circa 9^ prova CdS Regionale Master su strada STRADA Vibo Marina VV  29/07 R 3^ Corri nel Borgo corsa su strada km 8,5 circa Ass/Master STRADA Cirò (KR)

compleanno/birthdays

cumpleanos/anniversaires 

geburtstage                                               



Segnala questo sito Introduci la E-mail del destinatario

Santi del giorno

Ora esatta e fuso orario in tutti i paesi del Mondo calocola qui

Roccella Jonica -RC- 15 Luglio 2018  "12^ Corrinotte"

Tagliano per primi il traguardo della XII Corrinotte Alberto Caratozzolo e Chiara Raffaele.

Per conoscere la vostra posizione societaria cliccare sulla  Regione

Siamo forti maratoneti perchè siamo il piede dell’Italia

Created By MiletoMarathon

Provincia di Vibo Valentia Tropea e dintorni photo Gallery

Sul suggestivo lungomare della città di Roccella Jonica, città che si trova sulla costa dei Gelsomini e che nel 2016 si è aggiudicata i trofei di Bandiera blu e Bandiera verde delle spiagge, riconoscimento europeo assegnato dalla FEE,si è svolta la " 12^ Corrinotte" , gara podistica di circa 9 km valevole come 8^ prova del Campionato Regionale di Società Master della Fidal Calabria.

 

La manifestazione il cui scopo è stato quello di vivere una splendida giornata dedicata allo sport e al divertimento, è stata organizzata dall'A.S.D. Podisti Locri, in collaborazione con la Fidal Calabria e con il patrocinio del Comune di Roccella Jonica, ed ha previsto la gara dei ragazzi, una non competitiva di 3,2 km aperta a tutti e per finire, la competitiva di circa 9km, con partenza ed arrivo sul bellissimo lungomare della cittadina Ionica e su un circuito di 3,2 km da ripetere 3 volte, un percorso totalmente pianeggiante e molto spettacolare.

 

Ad aprire l'evento, la gara non competitiva con in testa il giovanissimo Nicola, di Amici di NIcola, Associazione Onlus per la tutela dei diritti delle persone con disabilità, che ha fatto la gara sulla carrozzina spinta dal papà e che alla fine ha ricevuto la medaglia dal professore Fausto Certomà, nuovo responsabile regionale della Fidal per il settore FitWalking.

 

Alle 19:45 circa, tutti gli atleti, della competitiva si sono ritrovati sotto l'arco di partenza ed è stato dato prima il via .Partita la gara,fin dall'inizio in testa si piazza un gruppetto formato da Caratozzolo, Turano, Amodeo e Carbone, tallonati da Sanchez e Mollica e questa situazione persiste fino all'ultimo giro, quando Alberto Caratozzolo della Cosenza K42, stacca tutti e taglia per primo il traguardo con il tempo di 32.19; secondo si piazza il compagno di squadra Francesco Turano che chiude in 32.23, terzo è Antonio Amodeo della CorriCastrovillari 32.29; quarto Aldo Carbone della Cosenza K42 che chiude in 32.32 e quinto è il compagno di club Eduardo Sanchez 33.57

 

Anche nella gara al femminile, c'è un' atleta che prende il volo ed è l'atleta della G.S. Il Fiorino Nadine La Cruza che mantiene la testa della corsa fino all'inizio del terzo giro, ma subito dopo è costretta a ritirarsi così Chiara Raffaele della Cosenza K42 vince la gara con il tempo di 41.00; seconda si piazza Rosanna Cardamone della Scuola Atletica Krotoniate 41.38; terza l'atleta della Hobby Marathon Catanzaro Manuela Foresta che ferma il cronometro a 42.42; quarta è la compagna di squadra Alessandra Albanese che chiude in 43:42; quinta è Rosa Ciccone dell'Atletica Sciuto 44:26.

 

A fine gara, gli atleti sono stati rinfocillati con cocomero e dolci e poi si sono svolte le premiazioni in presenza dell'Assessore del Comune di Roccella Jonica, Alessandra Cianflone.

 

Per questa bella serata di sport ringraziamo la società Podisti Locri, con il suo presidente Luigi Mollica, tutti gli atleti partecipanti, i giudici e il pubblico che ha fatto da cornice alla manifestazione.

 

Redazione Correre.org - Rossella Artusa                   FotoGallery by Salvatore Auddino                    Classifiche

 

 

Ogni mattina,

alzandoti, e ogni sera, prima di andare a dormire, ringrazia la vita dentro di te e per la vita tutta, per tutte le buone cose che il Creatore ha dato a te e agli altri, e per l’opportunità di crescere ogni giorno di più. Considera quanto hai fatto e pensato nel corso del giorno e chiedi il coraggio e la forza di diventare una persona migliore. Cerca quanto puo’ essere beneficio a tutti.

Rispetto. Rispetto significa:”sentire o dimostrare onore o stima per qualcuno o per qualcosa; considerare il benessere degli altri o trattare qualcuno o qualcosa con deferenza e cortesia”. Mostrare rispetto è un principio di base nella vita: tratta in ogni circostanza ogni persona, dal più piccolo bimbo al più maturo degli anziani, con rispetto

 

Giro del Lago di Resia Khalid Jbari e Giovanna Epis vincono l'edizione 2018 del Giro del Lago di Resia, oltre 4000 al via

 

Secondo un antico credo venostano, in alcune giornate speciali le campane dello storico campanile sommerso nel profondo del Lago di Resia (BZ) risuonerebbero. Non è dato a sapere se quanto narra la leggenda è accaduto anche in occasione della 19esima edizione del Giro Lago di Resia.

 

Certo è che, oggi, a risuonare in una splendida giornata di sport sono state le imprese dei protagonisti della corsa podistica. Oltre quattromila partenti. Temperatura ideale e scenario da favola. A vincere è stato Khalid Jbari in forza dal 2012 all’Athletic Bolzano Alperia. Il bolzanino di origini marocchine, classe 1989, ha fatto letteralmente il vuoto ponendosi al comando della corsa dopo il primo chilometro, aumentando via via il vantaggio nei confronti degli immediati inseguitori. Ha chiuso i 15,3 chilometri del percorso su sterrato e asfalto con il tempo di 50’09”. Sulla linea d’arrivo ha preceduto di 45” Andrea Soffientini dell’Azzurra Garbagnate e di 1’20” Andrea Eugenio Astolfi (Cus Pro Patria Milano). Giù dal podio Pasquale Roberto Rutigliano (Olimpiaeur) a 1’43”, quinto, a 2’08” il bolzanino Gianmarco Bazzoni a completare il successo di squadra dell’Athletic Club Bolzano.

 

Inizio di gara con un drappello al comando, che si è ben presto sfilacciato, quando Khalid Jbari ha deciso di aumentare l’andatura e di procedere ad un ritmo che Soffientini ha ritenuto non consono alle proprie possibilità, decidendo di proseguire col proprio ritmo. Lo stesso ha fatto Astolfi. Il battistrada è andato avanti spedito, ha accusato una leggera flessione sulla prima salita, dopo la svolta per imboccare la sponda del lago opposta rispetto all’arrivo, per poi riprendere l’andatura sicura.

 

Il 29enne bolzanino alla vista del campanile nel lago ha ulteriormente aumentato il ritmo, si è guardato alle spalle e ha concluso la fatica con il sorriso, a caccia di un record che non è arrivato, ma con immensa soddisfazione in una gara  

praticamente senza storia.

Stesso copione in campo femminile. A fare il vuoto è stata Giovanna Epis, la portacolori dei Carabinieri Bologna ha concluso la prova con il tempo di 53’42”. Una corsa condotta in testa dall’inizio alla fine per la 29enne veneziana allenata da Giorgio Rondelli. Al secondo posto Nicole Svetlana Reina del Cus Pro Patria Milano, attardata di 3’48”, e terzo gradino del podio per Mayada Sayyad, nata a Berlino nel 1992 da padre palestinese e madre tedesca. Gareggia per la Palestina con cui ha partecipato ai Mondiali del 2015 e 2017 a Londra nella maratona e alle Olimpiadi del 2016, tra l’altro nelle vesti di portabandiera nella cerimonia di apertura. Ai piedi del podio Silvia Radaelli (Bracco Atletica) ad oltre sei minuti, e quinto posto per l’altoatesina Petra Pircher, portacolori della società di casa, organizzatrice dell’evento, l’Asv Rennerclub Vinschgau.

 

Giovanna Epis ha rotto ben presto gli indugi, ha trovato due maschi che hanno tenuto il suo passo, dettando anche il ritmo e ha vinto in scioltezza, portandosi avanti nel processo di preparazione dell’Europeo di maratona in programma ad agosto. Un test probante tra il periodo di preparazione a Livigno e la prosecuzione degli allenamenti a Vipiteno, a casa dell’amica Silvia Weissteiner.

 

Al 19° Giro Lago di Resia, corsa pianeggiante sino all’arrivo posto al cospetto del campanile sommerso, circondati dal panorama dell’Ortles, a conclusione di un percorso in un contesto fiabesco, hanno preso parte oltre quattromila runners suddivisi nei vari blocchi di partenza, oltre agli hand bikers, agli Special Olimpics, alle varie categorie giovanili e ai nordic walkers. Al via il gruppo Forteza, proveniente da Verona, ha allietato i partenti con ritmi brasiliani dal vivo: oltre ai big, famiglie con i passeggini, gruppi di amici con abbigliamenti goliardici e con maglie della squadra di calcio del cuore, e anche un addio al nubilato speciale, quello di Julia di Bolzano, prossima sposa, con le amiche agghindate a puntino per festeggiarla.

Tanta gente che ha gareggiato esclusivamente per passione, comunque allenata e preparata.

 

È stata una giornata di sport e di emozioni in un contesto paesaggistico affascinante per tutti coloro che hanno voluto cimentarsi soprattutto contro se stessi, correndo da Curon a San Valentino alla Muta, da Belpiano all’arrivo, completando una manifestazione unica nel suo genere. Alla fine festa grande per tutti sotto il tendone, con tanto di fuochi d’artificio, accanto al suggestivo campanile che si eleva dalle acque del lago. E per la 20.a edizione, la novità è la gara in notturna!

Classifica maschile

1 Jbari Khalid Athletic Club 96 Alperia 00:50:09; 2 Soffientini Andrea Azzurra Garbagnate M.Se 00:50:54; 3 Astolfi Andrea Eugenio Cus Pro Patria Milano 00:51:29; 4 Rutigliano Pasquale Roberto Olimpiaeur 00:51:52; 5 Bazzoni Gianmarco Athletic Club 96 00:52:17; 6 Barizza Filippo Atletica Dolomini Belluno 00:52:19; 7 Haas Christian Lc Bozen/Dieselsport 00:52:21; 8 Pasztor Florian Lg Stadtwerke München 00:52:28; 9 Hofer Daniel Asv Sterzing 00:52:41; 10 Knier Max 00:53:07

 

 

Classifica femminile

1 Epis Giovanna Centro Sportivo Carabinieri 0:53:42; 2 Reina Nicole Svetlana Cus Pro Patria Milano 0:57:30; 3 Sayyad Mayada Palästina 0:58:54; 4 Radaelli Silvia Bracco Atletica 1:00:15; 5 Pircher Petra Asv Rennerclub Vinschgau 1:00:45; 6 Rausch Monika Lg Region Landshut 1:01:34; 7 Kuen Julia Athletikclub2000 Toblach 1:01:51; 8 Stedile

Legami - potrò ancora cantare -

Scacciami - il mio mandolino

Risuonerà sincero, dentro -

Uccidimi - e la mia Anima salirà

Inneggiando in Paradiso -

Ancora tua -

Emily Dickinson

 

E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l'immensità dell'Oceano, ed il volgere degli astri.e si dimenticano di se medesimi

(Sant'Agostino)

 

Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia

(A.Karr)

 

Dovunque l'uomo voglia vendersi trova degli acquirenti

(Henri Lacordaire)

 

E' mia ambizione dire in dieci frasi quello che altri dicono in interi volumi

(Friedrich Nietzsche)

 

E' curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore

Giacomo Leepardi)

The Color Run

Una “prima volta” entusiasmante per Riccione, che ha ospitato la tappa in notturna di The Color Run 2018

Una “prima volta” entusiasmante per Riccione, che ha ospitato oggi la seconda tappa 2018 di The Color Run powered by Skittles.

 

La fun race più divertente del Pianeta, organizzata in Italia da RCS Sport – RCS Active Team, ha coinvolto 4 mila persone, che sin dalle prime ore del pomeriggio si sono ritrovati in Piazzale Roma per partecipare alla grande festa che la corsa non competitiva più colorata dell’estate offre a ogni suo appuntamento.

 

Una location perfetta per un percorso di 5 km che ha toccato i punti più caratteristici della località romagnola: il Lungomare, viale Gramsci – l’area più interna – e l’iconico viale Ceccarini, tra i luoghi più conosciuti della Riviera. L’approdo in spiaggia è stato consentito ai partecipanti attraverso il Bagno 56, dal quale è iniziata una sfilata spettacolare e suggestiva di runner coloratissimi.

 

“L’edizione Sunset, che caratterizzerà quest’anno due appuntamenti del nuovo Tour Hero, si è rivelata una scelta perfetta anche questa volta” – spiega Andrea Trabuio, Responsabile dell’area Mass Events in RCS Sport.

 

“Una formula che ha permesso alle famiglie, sempre più numerose alla The Color Run, di partecipare con i loro bambini, dal momento che la partenza è avvenuta al tramonto, schivando così le ore più calde, che in una giornata estiva possono rivelarsi torride. Contemporaneamente, questa scelta ha dato modo ai giovani di trascorrere in maniera diversa la serata in una località come Riccione rinomata per la sua movida”.

 

Mood di questa edizione 2018 è il tema Hero, da cui #herotour, il nome di tutto il tour, ispirato agli eroi del quotidiano. È stato lanciato negli Stati Uniti da Travis Snyder, il fondatore nel 2013 di questo format-evento volto a promuovere il benessere psico-fisico legato alla corsa.

Sette i punti divertimento posizionati lungo il percorso: 5 di colore, uno di bolle – novità 2018 – e un punto schiuma, quest’ultimo situato in prossimità dell’arrivo, prima della passerella sul Lungomare della Libertà, che è stato apprezzatissimo soprattutto dai più piccoli, ai quali gli Organizzatori da sempre dedicano una grande attenzione. Infatti l’Area Kids era più ricca rispetto al passato, con la presenza della Mascotte ufficiale “Runicorn”, e c’era una corsia speciale in zona partenza riservata ai bambini e ai loro accompagnatori.

 

Tagliato il traguardo, il pubblico è rientrato in Piazzale Roma, dove è stato posizionato il Color Village, centro nevralgico di tutta la manifestazione. Qui le attività proposte da tutti i Partner di The Color Run, capitanati da Skittles, il title sponsor di questa edizione, sono proseguite sino a tarda sera con gli attesissimi color blast, i lanci di colore al ritmo di musica dal palco verso il pubblico. Un’atmosfera resa ancora più suggestiva dalla colonna sonora scelta da RDS 100% Grandi Successi, radio partner di #herotour.

Quattro gli appuntamenti del 2018. Dopo il debutto a Genova del 9 giugno e questa tappa di Riccione, seguirà un’altra Sunset a Lignano Sabbiadoro il 28 luglio. Finale il 15 settembre al Parco Experience di Milano

Primiero Dolomiti.  Spettacolo nella 3° Primiero Dolomiti Marathon: Italo Cassol e Barbara Bani vincono la 42km, a Cagnati e Caglio la 26km

 

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

 

~ Kahlil Gibran ~

C'è chi arriva qui, nel cuore del Parco Naturale Paneveggio – Pale di San Martino (TN), per godersi la bellezza dei suoi invidiatissimi panorami; altri vengono qui per affrontare coraggiosamente i suoi ripidi pendii, e altri ancora, invece, giungono in questo stupendo angolo del Trentino per assaporare le inimitabili proposte enogastronomiche. Oggi, in 2.400, hanno fatto tutto questo e persino di più – e soprattutto più velocemente: parliamo dei runners che hanno partecipato alla quarta edizione della Primiero Dolomiti Marathon, una gara di trail running che ormai è entrata stabilmente nel cuore degli appassionati.

 

Saranno le vedute, sarà la varietà dei passaggi, sarà la gioia che gli atleti incontrano borgo dopo borgo o l'atmosfera festosa che accompagna l'evento dall'inizio alla fine, sarà l'organizzazione sempre sublime dell'US Primiero... sta di fatto che gli atleti arrivano immancabilmente alla striscia dell'arrivo esausti, ma con un sorriso che da solo riesce a descrivere la bellezza di questa gara di corsa alpina che si svolge su tre percorsi diversi. E che tracciati: il più impegnativo parte dall'ottocentesca Villa Welsperg, nella suggestiva Val Canali, e si snoda per 42 chilometri e 1.242 metri di dislivello fino al centro di Fiera di Primiero. L'altro trail, da 26 chilometri, trova invece il proprio start sotto le maestose Pale, a San Martino di Castrozza. Un terzo percorso, poi, è stato preparato anche quest'anno per chi ha voluto sgambettare spensieratamente, senza faticare troppo: si tratta del Family Trail, con i suoi 6,5 chilometri con partenza e arrivo a Fiera di Primiero.

 

A portarsi a casa il primo posto del lungo – valevole per il challenge Eolo Fidal Mountain and Trail Grand Prix 2018 – è stato a sorpresa il ruspante diciannovenne bellunese Italo Cassol del team Alpago Tornado Run, con un tempo record di 3 ore e 34 secondi. Dopo aver percorso i primi chilometri insieme al favorito Michele Tavernaro, il giovane runner ha deciso di andare in solitaria tra le baite, i prati e i boschi che collegano la Val Canali a San Martino di Castrozza.

 

Da lì in poi la solitudine più assoluta, e una crescente convinzione di poter tagliare per primo il traguardo. Fino a poche ore prima, però, Cassol non pensava certo di primeggiare: «mi sono slogato la caviglia tre settimane fa, sono stato fermo per due settimane. Ho ripreso ad allenarmi da poco». Beata gioventù! Dietro di lui, come si diceva, il campione primierotto Tavernaro, soddisfatto del proprio tempo, e Silvano Beatrici, capace di sopravanzare con una irresistibile rimonta, al penultimo punto di ristoro, l'ottimo Carlo Rigoni.

Charlie Chaplin

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita

prima che l’opera finisca senza applausi…

Non c'è stata davvero storia tra le donne: Barbara Bani ha infatti conquistato la prima posizione nei primissimi metri di gara per poi non mollarla più per i successivi 42 chilometri, sfilando gloriosa sotto le favolose cime delle Dolomiti e del Lagorai Orientale, senza rivali e senza troppi pensieri. «Questa gara costringe a correre sempre, e se non ci si gestisce bene ti può mettere in croce» ha spiegato l'azzurra, reduce dai Campionati Mondiali Long Distance in Polonia. 3 ore, 26 minuti e 21 secondi il suo tempo, con quasi 30 minuti di divario dalla seconda classificata, la lussemburghese Tatiana Quesada del team Caeg Grevenmacher. A chiudere il podio della maratona alpina femminile Sara Stella, del team United Trail&Running.

 

Non tutti si sono cimentati nel lungo. Circa 1.400 partecipanti hanno infatti optato per il tracciato di 26 chilometri, con partenza a San Martino di Castrozza. Qui il dislivello in salita si faceva meno impegnativo, con 'soli' 448 metri di salita e 1.198 metri in discesa. La sfida, fin dalla vigilia, si annunciava tra due nomi precisi, ovvero quello del bellunese Luca Cagnati, azzurro fin dal 2013 e già vincitore lo scorso anno sul medesimo percorso, e l'idolo di casa Giancarlo Simion, due volte vincitore della 42 chilometri, che ogni anno scende dalla Svezia, dove lavora, per correre tra i propri boschi e pascoli natali.

I due sono partiti quasi a braccetto, studiandosi a vicenda, puntando magari a correre insieme fino ai 1.683 metri di altitudine del Passet di Calaita, sfilando lungo le affascinanti acque dell'omonimo lago, per poi darsi battaglia in discesa. Non fosse che, come ha spiegato Simion, «Luca ne aveva certamente di più: ho capito che non c'era storia, e quindi dopo qualche chilometro ho scelto di prendermela con calma, godendomi il panorama».

Il traguardo è dunque stato tagliato con un tempo di 1h34'03'' da Cagnati, che ammette «oggi infatti stavo bene, ma gli ultimi 5 chilometri ero un po' in difficoltà, forse perché sono partito troppo forte». Dietro di loro si è invece piazzato il ferrarese Massimo Tocchio del team Salcus, non aduso a queste pendenze ma comunque capace di conquistare orgogliosamente l'ambito podio. La 26 chilometri femminile ha invece visto il trionfo della peraltro orientista Anna Caglio, del team Polisportiva Besanese, dritta dritta dalla Brianza, che con un tempo di 1h50'55'' ha rifilato 5 minuti di distacco alla seconda Giulia Montagnian, dell'Atletica Saluzzo. Chiude in bellezza anche la terza Silvy Turcato, del Gruppo sportivo Piombino Dese.

 

Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,

l'intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.

Siamo stati messi al mondo

assieme ai nostri fratelli e sorelle,

con quelli che hanno quattro zampe,

con quelli che volano e con quelli che nuotano.

Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d'erba,

formano con noi una grande famiglia.

Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.

Più di venti nazioni diverse rappresentate dagli atleti in gara, tante lingue parlate, e tanta, tanta passione per lo sport e per la montagna: anche quest'anno la Primiero Dolomiti Marathon ha dato il meglio di sé, con la soddisfazione di Luigi Zanatel, presidente della US Primiero: «Siamo molto felici, non solo per il numero di partecipanti, ma anche per la qualità degli atleti che si sono presentati al via». Un successo che non arriva certo dal nulla. Dietro a questa perfetta macchina organizzativa ci sono infatti circa 500 volontari, e anni di studio e di impegno: «abbiamo studiato questo percorso con lo staff di Primiero e con degli specialisti per più di 6 anni prima di decidere questo esatto tracciato, che proponiamo già da tre anni». Ora, mentre si scrive, i runner stanno festeggiando al Primiero Dolomiti Village con il Forst Party: l'appuntamento, naturalmente, si rinnova anche per il 2019.

 

RISULTATI COMPLETI

 

 

Barocco Race.Alberto Amenta e Maia Cotrin si aggiudicano l'ottava edizione della Barocco Race

Due onde di colore hanno attraversato il cuore del Barocco della Val di Noto alle ore 6 in Piazza Pola Ragusa Ibla ha preso il via la manifestazione denominata Baroque Race con la gara dedicata ai camminatori , il grupppo fitwalking si e' cimentato sulla distanza dei 24km che copre il copoluogo ibleo fino a Scicli attraversando Modica quasi 200 camminatori si sono distinti nella pratica della camminata sportiva.

Alle 7 lo start della manifestazione competitiva, l'ottava edizione della baroque race con 300 podisti sulla linea di partenza; gia' dal primo chilometro si piazza davanti il vincitore Amenta portandosi sulla linea del traguardo con un tempo degno di nota di 1h 24m 16 s tempo impiegato per percorrere i 24km con una media di 3.31, distaccando di ben 6 minuti il secondo alteta Carrubba Michele tesserato Atletica Padua fermando il crono 1h 30m 27s, chiude il podio maschile Azzollini Cosimo della societa' Ultrarunning Ragusa con un tempo di 1h 31m 06s.

 

Siamo a 300 grazie a v oi

Siamo donne uomini e marziani

Siamo il coraggio

che ti fa cominciare

la passione per continuare

la sfida con te stesso

Siamo le gocce di sudore

le lacrime di gioia

il bacio alla terra di Gelindo

il pugno al cielo di Stefano

Siamo i master pieni di futuro

i chili che hai perso

i compagni di strada

che altrimenti

non avresti conosciuto

Siamo borracce, canfora

e pipì dietro gli alberi

Siamo la tua prima maratona

e non saremo l'ultima

neve, deserto, pietr e città

e polvere di pioggia

e rispetto dell'avversario

Siamo albe

di colazioni al miele

buio di sentieri da trail

tende e veglie nella 24 ore

scarpe che non vuoi

ti buttino via

siamo bottega amara

di cortesia

Siamo domande, dubbi,

perchè, errori, infortuni

Siamo e saremo solo

tempi di passaggio.

Nel podio rosa vince su tutti Maia Cotrin Margareth Asd no al Doping e alla droga "Societa' organizzatrice" con il tempo di 1h 39m 11s rosicando ben 30 secondi dal record della gara femminile, detenuto da Genemisi Elena.

Al secondo posto arriva Mazza Sabrina Barocco Running con il tempo di 1h 47m 28s, nel gradino piu basso del podio troviamo Galioto Maria Alessandra Societa' Ortigia Marcia con il tempo di 1h 50m 12s.

Le societa' di camminatori che si sono maggiormente distinte per numero di atleti sono state Amuni con 49 a seguire Eloro Running 23 e Tre colli Scicli con 20.

Manifestazione curata da Asd no al doping, Uisp territoriale Iblei guidata da Tonino Siciliano.

 

-

San Costantino Calabro 08/07/2018. "II edizione del Trofeo CorriSanCostantino"

 

Lo sport, va da dire che le discipline sportive sono tante, di sicuro il loro papà si chiama sport ed è il proprietario di tutte le attività psico- fisiche. Quando si intraprende una disciplina, si entra far parte di un mondo diverso, un mondo fatto di regole e di rispetto, un mondo che ti matura dentro l'anima e ti fa sopportare fatiche immense,un mondo che ti ricompensa con momenti di vera felicità, è come il contadino quando ara la terra e semina, all'inizio è sofferenza e stanchezza ma poi arriva il tempo del raccolto dei frutti; chi ha seminato bene raccoglie frutti buoni. Quando sono arrivato qui a mileto non avevo né terra né alberi da frutto, allora, ho pensato che bisognava seminare qualcosa e così ho fatto; ho seminato quello che la vita mi ha insegnato ossia amare la natura, vivere lo sport come stile di vita, avere rispetto delle cose e degli altri, e così, anche io, mi ritrovo a raccogliere i frutti della mia semina che si chiamano amicizia, amore, fraternità; cose che ultimamente sono diventate una merce molto rara. Se non avessi divulgato lo sport ,oggi , non avrei avuto gli amici che ho, che mi fanno sentire importante e mai solo, sono fiero di loro e ne ho molta stima; questa ricchezza va conservata gelosamente e anche se a volte abbiamo opinioni diverse, è bene,perché ciò serve a cementare e a far diventare sempre più forte il legame che ci unisce. Tutto ciò però, non è farina del nostro sacco ma semplicemente lo sport che ci ha uniti, padre buono dei valori importanti della nostra vita sociale. Salvatore Auddino 30 gennaio 2009

 

I vincitori della seconda edizione "Trofeo CorriSanCostantino" sono Antonio Amodeo e Nadine Luz De La Cruz Aguirre.

L’ Asd Atletica San Costantino Calabro con la collaborazione del Comitato Regionale Fidal ed il Patrocinio del Comune di San Costantino Calabro, ha organizzato la II edizione del "Trofeo CorriSanCostantino", gara su strada aperta alle categorie Allevi, Assoluti e Master maschile e femminile; la manifestazione era valida anche come 2^ prova del Campionato Regionale Individuale Master di corsa su strada.

L'appuntamento per tutti gli atleti è stato fissato per le ore 16:00 presso viale Rimembranze, dove i giudici Fidal hanno verificato le iscrizioni e poi alle 18:00 è avvenuta la partenza della gara non competitiva di 4 km ovvero 2 giri del circuito aperta a tutti, e subito dopo alle 19:00 circa è partita la gara competitiva master maschili e femminili insieme a percorrere 8 km su un circuito di 2 km, da ripetere 4 volte che attraversava la parte centrale del paese ed a parte qualche salita, non presentava particolari difficoltà tecniche.

 

Pronti, partenza, via e subito in testa si è piazzato l'atleta dell'A.S.D. Castrovillari Antonio Amodeo cheha mantenuto sempre la prima posizione ed ha tagliato per primo il traguardo, secondo si è piazzato Suleyman Bandeh di Cirò Marina che Corre, terzo l'atleta della Libertas Lamezia Domenico Tucci.

 

Per quanto riguarda la gara femminile, non c'è stata storia, infatti dal primo giro si è piazzata al comando l' atleta della G.S. Il Fiorino, Nadine Luz De La Cruz Aguirre che ha tagliata il traguardo per prima con un vantaggio enorme sulla seconda che è stata l'atleta della Cosenza K42 Chiara Raffaele, terza si è piazzata l'atleta della Corri Con noi Palmi, Concetta Saffioti.

 

A fine gara è stato allestito un buffet ristoro di dolci che ha deliziato tutti gli atleti e poi è stata fatta la premiazione, in presenza di una rappresentanza del Comune Di San Costantino, del Presidente Fidal Regionale Ignazio Vita, del presidente dell'Atletica San Costantino Raffaele Mancuso e tutti i suoi dirigenti,il tutto con la coordinazione del maestro dello sport Pasquale Mazzeo.

 

Ringraziamo tutta l'Atletica San Costantino per la bella manifestazione organizzata, tutti gli atleti intervenuti, i giudici Fidal e tutto il pubblico che numeroso, ha applaudito e sostenuto gli atleti; arrivederci al prossimo anno!

 

 

Redazione Correre.org- Rossella Artusa    FotoGallery By Salvatore Auddino

Chiesi a Dio...

di essere forte per eseguire progetti grandiosi:

Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse la salute

per realizzare grandi imprese:

egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto:

mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere

perché gli uomini avessero bisogno di me:

egli mi ha dato l'umiliazione

perché io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita:

mi ha lasciato la vita

perché potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello

che chiedevo,

ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno

e quasi contro la mia volontà.

Le preghiere che non feci furono esaudite.

Sii lodato; o mio Signore,

fra tutti gli uomini

nessuno possiede quello che ho io!

Kirk Kilgour

Created By correre.org

Created By Correre.org

 

A.S.D. Miletomarathon Presidente Salvatore Auddino  Sede: Via Cattaneo 28 - 89852 Mileto (VV) - C:F:e.P.iva:96025290790 - Codice Fidal VV 363 - Coni: Registro Nazionale N°921312 -ASI CAL-VV0084 -  Cell.3388306612

 

info@correre.org

 

salvatoreauddino@email.it 

 

Correre.org Webmaster Salvatore Auddino